zapotechi

Seminatori d’acqua, gli zapotechi superano la siccità, ravvivano i loro campi e affrontano la pandemia

Gli zapotechi sono una popolazione del Messico meridionale, imparentata alla grande famiglia mixteco-zapoteca, divisa in più tribù e sottotribù, che apparve, secondo la tradizione, nell’odierno stato di Oaxaca nel sec. I a. C.

Con resistenza e organizzazione, dal 2005 il popolo Ben ‘Zaa (Valle Zapoteca) di San Antonino Castillo Velasco, insediatosi nello stato meridionale di Oaxaca, è diventato “seminatore d’acqua e di vita”, attraverso la raccolta dell’acqua attraverso pozzi di filtrazione, foche e pentole, una tecnica con cui gli indigeni hanno superato una grave siccità che ha alterato i campi e le colture, oltre a provocare un aumento della migrazione.

Antiche tribù indiane lottano contro la deforestazione causata dalle miniere, rischiando di perdere la loro biodiversità

La scarsità d’acqua nella zona delle Valli Centrali di Oaxaca è la conseguenza di varie azioni: la prima è che nel 1985, per iniziativa del governo, le Cienegas di questa regione furono prosciugate per avere più terra a disposizione per i campi di coltivazione, ma questo ha causato una rapida perdita dell’umidità del suolo e vent’anni dopo il livello dei pozzi è sceso in modo significativo.

Nello stesso anno, il governo federale guidato da Vicente Fox Quesada ha deciso di emanare un decreto per vietare l’acqua sotterranea per le valli centrali di Oaxaca, risalente al 1967, e che ha impedito fino allo scorso anno l’uso gratuito dei pozzi agricoli in la regione, vale a dire: se non hanno un titolo di concessione rilasciato dalla Commissione nazionale dell’acqua (Conagua) non possono avere accesso alla fornitura di energia elettrica, quindi l’agricoltura stava morendo.

Giornata Mondiale dell’acqua 2020: gestione delle risorse idriche nell’era dei cambiamenti climatici

Emiliano Sánchez, contadino autoctono di San Antonino Castillo Velasco da più di 30 anni, ricorda che a quel tempo, nel 2005, non raccoglieva nulla dal suo appezzamento, nemmeno una delle tante cipolle che otteneva ogni stagione. In quell’anno tutto era siccità e preoccupazione, perché in più la Commissione nazionale per l’acqua (Conagua) applicava una multa fino a 24mila pesos perché li accusava della carenza.

La multa di Conagua non è stata un caso. Nel 1967 questa città, come altre nella valle Ocotlán-Zimatlán, come San Sebastián, San Pedro Mártir, San Pedro Apóstol, San Felipe Apóstol e Santiago Apóstol, che numero 16 comunità, furono colpite da un divieto decretato del presidente Gustavo Díaz Ordaz, che ha proibito l’uso dell’acqua per l’agricoltura. 

Zapotechi: come nasce il sistema di uso e di gestione dell’acqua

La risposta della comunità è stata quella di organizzarsi, e così è nata la Coordinadora de Pueblos Unidos por la Defensa del Agua (Copuda), che è un esempio di organizzazione globale per il sistema comunitario innovativo di uso e gestione dell’acqua altamente efficace.

Una volta organizzato, il ruolo del Copuda era quello di tenere assemblee città per città, ascoltare i disturbi e le preoccupazioni.

Hanno realizzato un sistema con l’aiuto di tubi in PVC, in modo da portare l’acqua ai pozzi che vengono scavati vicino ai campi di coltivazione in modo che l’acqua che supera i livelli nutra le falde acquifere.

L’acqua che raccolgono e quella che immagazzinano, viene conservata in contenitori o pozzi, ci mettono dei sigilli in modo che non si espanda e così la trasportano attraverso tubi in PVC e raggiungono i pozzi di assorbimento che vengono scavati vicino campi. Poi, con una pompa, la dividono attraverso la rete.

Acqua gratis per tutti: i seminatori d’acqua

In questa porzione di terra del Messico meridionale, dove la vita sembra non essere definita da un programma o da uno spazio, ma semplicemente dalla voglia di coltivare, senza dipendere da alcun sussidio pubblico sono riusciti a invertire la siccità che li stava lasciando senza vita. Nacquero così “i seminatori d’acqua”.

A San Antonino Castillo Velasco, la culla dello sciroppo della Valle e dove convivono circa 5.000 abitanti, la vita diventa diversa perché ormai l’acqua è gratis per tutti. I contadini di questo luogo non possono credere di essere riusciti a sconfiggere un governo e restituire alla comunità l’autonomia di prendersi cura delle sue acque. Con l’acqua e il raccolto, gli zapotechi possono celebrare le loro danze, riti e tradizioni a soli 34 chilometri dalla capitale di Oaxaca.

Zapotechi: l’acqua di Oaxaca vive in agonia

I nonni dicono che “la terra è molto triste ed è per questo che non piange più”; altri sostengono che sia una punizione. Ma ciò che queste 16 comunità hanno fatto è rivalutare l’acqua e dare vita, perché catturando, immagazzinando e fornendo acqua ai loro raccolti, rendono possibile un ciclo di conservazione unico al mondo e che oggi è un esempio per far rivivere i mantelli falde acquifere.

Quando è stato creato, Copuda aveva la visione di unire sforzi e voci. Spiegano che a quindici anni dalla sua nascita ora è la massima autorità, è la forza che i 16 popoli hanno creato per difendere la propria terra e territorio, privilegiando l’acqua sopra ogni altra cosa.

I contadini riferiscono che “nulla è imposto con la forza”, almeno in queste comunità che contrastano la realtà della valle di Oaxaca, dove l’acqua continua ad agonizzare e, secondo gli esperti, tra meno di 25 anni ci sarà una grave siccità dovuta al fatto che i mantelli le falde acquifere si stanno prosciugando.

Zapotechi: Oaxaca

Ciò coincide con le informazioni di Conagua che indicano che dallo scorso anno le precipitazioni sono state tra il 15 e il 20 per cento inferiori a quelle che normalmente piove nello stato. “Si continuano a registrare scarse precipitazioni in gran parte dello stato e questo si traduce in una stagione secca più intensa, principalmente nella seconda metà di marzo e aprile”, ha spiegato Julio Salazar, capo del dipartimento di meteorologia del Conagua a Oaxaca.

Covid-19 non ferma la raccolta dell’acqua

Raccogliere acqua nel mezzo di una crisi sanitaria, come l’attuale pandemia COVID-19, significa un doppio sforzo, perché da un lato c’è il richiamo a “restare a casa”, dall’altro la questione delle risorse da svolgere le manovre, che per quest’anno sono andate solo al 60 per cento di quanto ricevuto anni fa, perché le autorità l’hanno assegnato al settore sanitario.

“Resistere e rafforzare ciò che è stato messo in pratica” è il passo successivo, dice Carmen Santiago Alonso, dell’organizzazione Flor y Canto, che ha fornito supporto ai contadini di Copuda. Ora quello che devi fare, spiega, è “condividere il cibo” e “non lasciare che tuo fratello muoia di fame”, quindi è più importante continuare a raccogliere acqua e continuare con i raccolti.

I seminatori d’acqua, dice il fondatore di Flor y Canto, “come popolazioni indigene continueranno a resistere e la loro saggezza rimarrà per le generazioni future”.

Foto https://desinformemonos.org/

zapotechi


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.