Home Ambiente Arriva la ruota pieghevole che rivoluziona il mondo delle bici

Arriva la ruota pieghevole che rivoluziona il mondo delle bici

9397
0
CONDIVIDI
ruota pieghevole

Si chiama Revolve ed è una ruota pieghevole che, una volta compattata, è in grado di occupare il 60% di spazio in meno, entrando in un bagaglio a mano e anche in uno zaino. Ecco com’è fatta

Revolve è la ruota pieghevole che potrebbe rivoluzionare il mondo della mobilità sostenibile. Il suo creatore ha solo 33 anni, è italiano ed è laureato in un Master in progettazione di veicoli al Royal College of Art di Londra.

Scopriamo insieme di che cosa si tratta.

La ruota pieghevole che può essere trasportata nello zaino

«Si tratta di una ruota proiettata ad aprire nuove frontiere per il presente e il futuro dei veicoli pieghevoli», a parlare è proprio lui, Andrea Mocellin, inventore di Revolve, la ruota pieghevole capace di occupare fino al 60% di spazio in meno.

Andrea spiega che la ruota è compatibile con la maggior parte dei modelli di bici, e altri mezzi di trasporto, che adoperano ruote di grandi dimensioni. In un contesto in cui spostarsi con la bici non è solo una scelta sostenibile, ma in alcuni casi una vera e propria esigenza, Revolve sembra essere destinata a cambiare il concetto di bici pieghevole.

Come funziona

«Sono richieste ruote di grandi dimensioni in tutti i mezzi di trasporto a propulsione umana per prestazioni ed efficienza. Revolve occupa fino al 60% di spazio in meno, quando è ripiegata, e consente all’utente di riporre la ruota facilmente a casa, in uno zaino, in un baule o persino come bagaglio a mano nella cappelliera di un aereo», spiega Andrea, illustrando il suo progetto.

Dalla misura di partenza di 665 mm, Revolve arriva a occupare appena 226 mm. L’azione di apertura e chiusura della ruota è semplicissima ed è pratica per ogni tipo di utenza.

La ruota pieghevole può essere montata sulla bicicletta, ma anche su uno scooter elettrico e sulle carrozzine.

Per la sua realizzazione ci sono voluti tre anni e un duro lavoro di progettazione e prototipazione realizzato anche con il contributo delle stampanti 3D.

Per il momento, il progetto è ancora un prototipo, ma presto potrebbe essere adattato alla mobilità di tutti i giorni.

Bici pieghevoli e non solo: vantaggi e dati di un fenomeno in crescita

Negli ultimi tre anni, afferma Wired, il fenomeno delle ebike è letteralmente esploso. Tra il 2015 e il 2016, si è registrato un aumento del 120%, fino ad arrivare a un totale di 124mila unità.

Ultimamente, anche le ebike sono state investite da importanti cambiamenti, trasformandosi nelle più comode versioni pieghevoli.

Adoperate da manager, impiegati, imprenditori o studenti, sono bici che consentono di bypassare il traffico cittadino e che possono essere trasportate con più facilità. Ne esistono vari modelli a vari prezzi, generalmente costituiti da ruote piccole, più pratiche per portare a mano il mezzo, ma meno confortevoli. Questo rende le ebike pieghevoli adatte a percorrere solo le brevi distanze.

Andrea si sta muovendo anche in questa direzione, senza mettere freno all’innovazione. Ha infatti lanciato altri progetti hi-tech legati a Revolve. In particolare, è allo studio un telaio per bici pieghevole, in grado di accogliere la ruota rivoluzionaria da lui inventata.  «Adattare e reinventare la mobilità delle persone, a partire dalla ruota, è una nuova sfida che può che può rendere i veicoli più efficienti per la vita di tutti i giorni», afferma Andrea. E chissà se presto questa ruota pieghevole potrà essere adattata anche ai modelli di ebike compattabili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.