pandemie

Pandemie: un nuovo rapporto spiega che la difesa della biodiversità le previene

La minaccia di entrare in “un’era di pandemie”, la comparsa di nuove malattie come il covid-19 può essere notevolmente ridotta riducendo le attività umane che causano la perdita di biodiversità.

Il documento, preparato dalla Platform on Biodiversity and Ecosystem Services (IPBES, in inglese), stima che in natura ci siano 1,7 milioni di virus sconosciuti alla scienza, di cui tra 540.000 e 850.000 hanno la capacità potenziale di saltare a gli esseri umani e infettano la popolazione allo stesso modo del nuovo coronavirus.

Dalla pandemia del 1918, causata da un virus H1N1 originario degli uccelli, si sono verificati altri sei grandi fenomeni di questo tipo e, in tutti, la causa è nei microbi presenti negli animali, ma sono state le attività umane a causarne la dispersione tra la popolazione.

Il rapporto evidenzia anche che il costo per ridurre i rischi di pandemia è 100 volte inferiore a quello di rispondere dopo l’insorgenza della malattia, che gli scienziati dell’IPBES ritengono dovrebbe essere sufficiente per “fornire forti incentivi economici perché si verifichi. Un cambiamento trasformativo ”.

Secondo i dati disponibili fino a luglio 2020, l’impatto economico globale della pandemia covid-19 è stimato tra 6.800 e 13.000 milioni di euro; solo negli Stati Uniti si ritiene che la malattia costerà al Paese 13.000 milioni di euro la fine del 2021.

La segretaria esecutiva dell’IPBES, Anne Larigauderie, ha dichiarato a Efe che la sua agenzia ha accelerato la stesura del rapporto alla luce della gravità della malattia dal punto di vista sanitario, con oltre 44,6 milioni di persone che hanno contratto Covid-19 e quasi 1,2 milioni di morti in tutto il mondo, oltre agli immensi costi economici.

“Centinaia di scienziati hanno partecipato al rapporto, che non è una valutazione, per studiare i legami tra le pandemie in generale, rivedere tutti i diversi episodi di malattie emergenti negli ultimi decenni, le loro origini in natura e la loro trasmissione all’uomo, anche come le cause di queste trasmissioni ”, ha spiegato Larigauderie.

“Il rapporto sottolinea anche le opzioni che esistono per l’azione”, ha aggiunto.

In questo senso, il presidente della EcoHealth Alliance e direttore del seminario IPBES che ha portato alla relazione, il dottor Peter Daszak, ha sottolineato in una dichiarazione che “la causa della pandemia covid-19 o di qualsiasi altra pandemia moderna non ha nessun mistero ”.

Pandemie: cambiamento climatico e perdità di biodiversità

“Le stesse attività umane che producono il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità sono quelle che generano il rischio di pandemia”, ha aggiunto, “grazie all’impatto che hanno sul nostro ambiente”.

Occorrono cambiamenti “nel modo in cui usiamo la terra, nell’espansione e nell’intensificazione dell’agricoltura, nel commercio, nella produzione e nel consumo insostenibili che alterano la natura e aumentano il contatto tra fauna selvatica, bestiame, agenti patogeni e persone. Questa è la via delle pandemie ”, considerato Daszak.

Il boliviano Carlos Zambrana-Torrelio, vicepresidente associato per la conservazione e la salute di EcoHealth Alliance, e uno degli esperti che hanno partecipato alla stesura del documento, ha spiegato a Efe che la grande differenza tra l’attuale pandemia e quella del 1918 è la velocità con che oggi persone e merci transitano nel globo, il che ha moltiplicato i tassi di infezione.

“Un secolo fa, ci sono voluti mesi per fare il giro del mondo. Ora possiamo farlo in 24 ore. Questa interconnettività è incredibile “, ha sottolineato.

Zambrana-Torrelio ha sottolineato la pressione che esiste sui sistemi naturali per produrre cibo e prodotti per una popolazione mondiale che sfiora gli 8.000 milioni di persone.

“Lo spazio si sta restringendo e siamo sempre più in contatto con la fauna selvatica. Questa combinazione di elementi fa la differenza rispetto ad altre pandemie ”, ha avvertito.

Nonostante la gravità dell’attuale pandemia, Daszak, da parte sua, ha sottolineato un elemento positivo: “Abbiamo una capacità crescente di prevenire le pandemie. Possiamo sfuggire all’era delle pandemie, ma questo richiede una maggiore attenzione alla prevenzione e alla reazione “.

biodiversità, coronavirus, pandemie


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.