auto usate inquinanti terzo mondo

ONU: le auto usate “scaricate” nei paesi in via di sviluppo aumentano l’inquinamento

Tra il 2015 e il 2018 sono stati esportati circa 14 milioni di veicoli vecchi e auto usate di scarsa qualità ( e ad alte emissioni inquinanti ) da Europa, Giappone e Stati Uniti.

Quattro su cinque sono state vendute ai paesi più poveri e più della metà all’Africa.

Gli esperti dicono che fino all’80% non ha soddisfatto gli standard minimi di sicurezza e ambientali nei paesi esportatori. Oltre a causare incidenti, queste auto peggiorano l’inquinamento atmosferico e contribuiscono notevolmente al cambiamento climatico. Molti dei veicoli sono stati anche manomessi per rimuovere parti di valore.

Il rapporto, pubblicato dal  Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP)  , afferma che sia gli esportatori che gli importatori devono attuare norme più severe per fermare il flusso di queste auto.

Peggioramento della qualità dell’aria

La proprietà di auto è in forte espansione in tutto il mondo con circa 1,4 miliardi di veicoli in circolazione, un numero che dovrebbe raggiungere circa due miliardi entro il 2040.

Gran parte di questa crescita si sta verificando nei paesi in via di sviluppo in Asia, Africa e America Latina.

Nella loro analisi triennale, i ricercatori hanno scoperto che le normative sulle importazioni di automobili nella maggior parte dei 146 paesi studiati erano “deboli” o “molto deboli”.

Un  secondo studio sull’argomento, condotto dall’Ispettorato olandese per l’ambiente umano e i trasporti  , mostra che molte auto e camion spediti dai porti olandesi in Africa sono obsoleti e contribuiscono al peggioramento della qualità dell’aria nel continente.

“Quello che possiamo dire è che di quei 14 milioni di veicoli fino all’80% circa sono invivibili e non soddisfano uno standard sulle emissioni dei veicoli chiamato Euro 4”, ha affermato Rob de Jong dell’UNEP, uno dei gli autori del rapporto.

Lo standard automobilistico Euro 4 è entrato in vigore in Europa nel gennaio 2005. “Ciò significa che quei veicoli emettono il 90% di emissioni in più perché non soddisfano questo standard minimo”, ha affermato De Jong.

Aumento di incidenti stradali e livelli di inquinamento

Secondo gli autori, queste auto sono “pericolose e sporche”. Credono che queste importazioni siano responsabili dell’aumento dei livelli di incidenti stradali in molti paesi africani e asiatici più poveri, e per l’utilizzo in situazioni rurali dove queste vetture fino a poco tempo fa non circolavano.

Le automobili stanno anche pompando particelle fini e ossidi di azoto, che sono le principali fonti di inquinamento atmosferico in molte città.

Auto inquinanti smaltite in africa prive dei necessari standard di sicurezza

“Nel 2017, l’età media di un veicolo diesel importato in Uganda era di oltre 20 anni”, ha detto Jane Akumu, anche lei dell’UNEP.

“Questa è la stessa storia per lo Zimbabwe. In effetti, circa 30 paesi in Africa non hanno limiti di età per le auto. Pertanto, può entrare qualsiasi tipo di auto di qualsiasi età ”.

Vetture spogliate degli standard di sicurezza

Oltre al mancato rispetto delle normative ambientali e di sicurezza stradale, un numero significativo è stato manomesso e importanti attrezzature sono state rimosse.

“Hanno tagliato i convertitori catalitici, perché il platino vale $ 500 e hanno messo un pezzo di tubo d’acciaio e lo hanno saldato di nuovo insieme”, ha detto il signor de Jong.

“Hanno rimosso illegalmente gli airbag, perché hanno valore in Europa, hanno rimosso illegalmente il sistema antibloccaggio perché ha valore e viene venduto sul mercato nero”.

Dei veicoli nel rapporto, oltre il 54% proveniva dall’Europa. Molti sono stati esportati attraverso i Paesi Bassi.

Le autorità olandesi sono preoccupate per il commercio e vogliono che venga intrapresa un’azione a livello europeo.

Di David Twomey. Articolo in inglese


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.