olimpiadi pechino 2022

Olimpiadi 2022 Pechino: attivisti sensibilizzano gli sponsor contro la repressione degli uiguri in Cina

Olimpiadi 2022 Pechino: Riguardo alla minoranza etnica degli uiguri repressi e oppressi in Cina, abbiamo avuto modo di parlarne in un recente articolo.

Attualmente gruppi di attivisti stanno tentando di sensibilizzare gli sponsor, Olimpiadi Invernali di Pechino 2022, perchè si attivino contro la repressione degli uiguri verso il governo cinese.

Gli attivisti uiguri in 10 diversi paesi si stanno riunendo per scrivere alle aziende, chiedono loro di utilizzare le loro piattaforme per educare e informare il mondo, della persecuzione in corso nella provincia dello Xinjiang . 

Secondo il The Guardian, il primo ad essere contattato è l’amministratore delegato di Airbnb, Brian Chesky. Airbnb con sede a San Francisco si è assicurata una sponsorizzazione di 500 milioni di sterline delle Olimpiadi a partire dai Giochi di Pechino.

Gli attivisti chiamano l’evento non Olimpiadi invernali ma bensì “Giochi del genocidio“. Secondo il The Guardian, provano ad attivarsi per insistere affinchè Airbnb ritiri la sua sponsorizzazione. Hanno anche preparato una campagna digitale che includerà immagini simultanee della tipica sistemazione a disposizione dei clienti Airbnb e di quella disponibile per gli uiguri perseguitati detenuti nei campi di detenzione.

Olimpiadi 2022 Pechino e sponsor

Lo scopo della campagna, riferisce il The Guardian, è persuadere le enormi multinazionali, le quali pagheranno un caro prezzo commerciale se non useranno il loro immenso potere per convincere la Cina a ripensare alla sua posizione.

Nella sua lettera, il gruppo ampiamente intitolato End the Uighur Genocide Movement chiede a Chesky e al suo team esecutivo di incontrare virtualmente gli attivisti, comprese alcune delle persone che sono state costrette a lavorare nei campi di concentramento cinesi e coloro a cui i cari sono scomparsi.

Il gruppo riconosce che l’obiettivo aziendale di Chesky è quello di avvicinare il mondo, aggiungendo che ha costruito la sua azienda attorno al tema di “appartenenza“. Gli autori della lettera affermano: “Siamo esiliati dal nostro paese, incapaci di tornare a casa, incapaci di contattare i nostri cari”.

Aggiungono: “In tutto il mondo, attivisti, politici e celebrità si stanno svegliando con l’orrore di ciò che sta accadendo. Ora c’è il rischio reale che il marchio di Airbnb venga macchiato dalla tua associazione con Genocide Games“.

Rahima Mahmut, direttore del Congresso mondiale degli uiguri, ha detto che Airbnb potrebbe ritirarsi dai giochi o usare il loro coinvolgimento per parlare “chiaramente e senza ambiguità” contro gli attacchi agli uiguri e ad altri musulmani. Ha aggiunto che rimanere in silenzio su questo argomento non è accettabile.

La campagna è stata lanciata in America, Regno Unito, Canada, Norvegia, Finlandia, Francia, Paesi Bassi, Giappone e Australia.

Altre importanti società multinazionali che sponsorizzano le Olimpiadi di Pechino includono Allianz, Coca-Cola, Samsung, Intel, Visa International, Omega, Atos e Panasonic .

Olimpiadi Pechino 2022

La situazione degli uiguri si stanno trasformando sempre più rapidamente in una situazione di estremo pericolo, repressione, oppressione e ad ora nessun paese sta facendo nulla per controbattere a tutto ciò.

Storia recente degli Uiguri

Dagli anni ’50, migliaia di uiguri in fuga dalle persecuzioni in Cina hanno trovato rifugio in Turchia, dove condividono con i turchi un’eredità linguistica, culturale e religiosa comune. Alcuni esperti dicono che la comunità uigura potrebbe essere in pericolo, però, dopo che è stato raggiunto un recente accordo tra i due paesi.

Si stima che circa 50.000 uiguri risiedano in Turchia, costituendo la più grande comunità di rifugiati uiguri al mondo.  

Tuttavia, gli attivisti uiguri della diaspora citano un cambiamento significativo dal 26 dicembre, quando il Comitato permanente del Congresso del popolo cinese ha ratificato un accordo di estradizione con la Turchia . Il trattato risale al maggio 2017, quando il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha visitato Pechino per partecipare al Belt and Road Initiative Forum. 

“Se guardiamo alle politiche di assimilazione e genocidio sistematiche della Cina nel Turkistan orientale, i pericoli che questo accordo potrebbe comportare saranno gravi”, ha detto Erkin Ekrem, direttore dell’Istituto di ricerca sugli uiguri con sede ad Ankara, usando il termine preferito dagli uiguri “Turkistan orientale” per la regione cinese dello Xinjiang. 

L’accordo, composto da 22 articoli, obbliga un paese firmatario a estradare qualsiasi persona ricercata con l’accusa di attività criminale nel paese richiedente. 

“L’estradizione può essere concessa solo se la condotta oggetto della richiesta di estradizione costituisce un crimine ai sensi delle leggi di entrambi i paesi”, afferma l’accordo. 

Funzionari turchi e cinesi hanno respinto le affermazioni che il trattato fornisce una finestra legale per l’espulsione degli uiguri dalla Turchia.   

Durante la presentazione del trattato al voto al Congresso del popolo cinese, il vice ministro degli affari esteri cinese, Le Yucheng, ha affermato che l’accordo affronta le esigenze di cooperazione nell’antiterrorismo e nella lotta alla criminalità tra Pechino e Ankara.  

Le ha detto che i rappresentanti cinese e turco durante i negoziati sull’accordo non erano d’accordo sulla determinazione della nazionalità della persona da espellere. La Turchia ha proposto che se la persona richiesta di estradizione aveva acquisito la cittadinanza del paese richiesto al momento della richiesta di estradizione, la persona dovrebbe essere riconosciuta come cittadino del paese richiesto. La parte cinese, tuttavia, ha sostenuto che tale proposta potrebbe incoraggiare i criminali a eludere l’estradizione cambiando la loro nazionalità.  

“Le due parti hanno infine deciso di non specificare il tempo per il riconoscimento della nazionalità nel trattato, ma di consegnarlo alle autorità competenti in conformità con le rispettive leggi nazionali in pratica”, ha detto Le.  

L’incapacità della Turchia di includere la sua proposta nel trattato significa che molti uiguri che hanno acquisito la cittadinanza turca potrebbero comunque subire una repressione da parte di Pechino, secondo Hankiz Kurban, un uigura nato in Turchia i cui genitori sono stati rapiti dalle autorità cinesi nonostante la cittadinanza turca.  

“Se questo trattato verrà ratificato dal parlamento turco, temo che non potrò vedere i miei genitori per sempre”, ha detto. 

Kurban ha detto che suo padre è venuto in Turchia da bambina e sua madre da adolescente dallo Xinjiang. I due sono stati arrestati dalla polizia cinese a Urumqi, la capitale dello Xinjiang, nel 2017 mentre erano in viaggio d’affari e da allora sono rimasti incommunicado. 

Secondo organizzazioni per i diritti, il governo cinese dal 2017 ha sottoposto più di 1 milione di musulmani uiguri a torture, sterilizzazione forzata, lavoro coatto e abbandono della loro fede nei campi di internamento. Ma la Cina nega il maltrattamento della minoranza, affermando che le strutture di detenzione sono “centri di formazione professionale” per combattere l’estremismo e insegnare agli uiguri diverse abilità lavorative.  

olimpiadi invernali, olimpiadi pechino 2022, uiguri


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto