fbpx
patria del Mediterraneo

La nuova Patria Mediterranea unita in una sola Bandiera

di Simone Perotti

Siamo tutti figli di tempi che hanno visto l’egemonia degli anglosassoni e del pensiero nordeuropeo. Tutti noi, fin da piccoli, siamo stati invitati a guardare al Nord Ovest, verso Berlino, Londra, Boston. Ma così facendo, abbiamo voltato le spalle al mare.
In questo modo i cittadini del Mediterraneo, i fondatori della cultura, del diritto, dei valori di tutta l’umanità, i custodi del Tempo e della conoscenza … hanno rinunciato alla costruzione dei propri modelli esistenziali e di vita.

Importanza di un modello culturale

Ovviamente ci sono molte cose buone nella cultura nord-occidentale e, come la tradizionale apertura, l’innata curiosità, e l’ umiltà della cultura mediterranea; è molto bello studiarla, conoscerla, fare ogni scoperta, ogni conquista, e farla tua. Così avrebbero fatto i romani, i greci, i minoici, gli antichi egizi … e poi i genovesi, i veneziani, gli ottomani. Culture aperte, che hanno assorbito, arricchito il loro sapere a contatto con il mondo.

Ma poi hanno stabilito, come diceva Pericle, che “Noi di Atene facciamo così”. I nostri nonni mediterranei ascoltavano sempre tutti, tenevano tutte le cose utili agli altri, ma a modo loro decidevano per la propria vita. Ai nostri tempi, quando lavoriamo, come quando viviamo, anche quando mangiamo, spesso cerchiamo di comportarci in modi che non sono i nostri; l’organizzazione stessa del lavoro non è nostra, lo stile di trattativa, di vita … il senso del tempo non è il nostro, né quello delle relazioni. Alcuni di noi nascondono persino le proprie idee o come affronterebbero un determinato argomento.

Se serve per mantenere il tuo lavoro, posso capirlo. Ma è un peccato.
Siamo donne e uomini del Mediterraneo, epigoni di una storia straordinaria. E siamo finalmente in grado di capire da dove veniamo, tessere fili capaci di unire, portare alla luce un antico orgoglio che non sarà mai separatista o suprematista, ma unionista, solidale, pacifista.

Il fallimento del pensiero unico tardo-capitalista

Noi, più di chiunque altro, oggi, dopo millenni di guerre, possiamo e dobbiamo lavorare per la pace, l’integrazione, il dialogo. Noi, più di altri, ci aspettiamo dalla storia di dare un contributo alle sfide del tempo.
Osserviamo in questi mesi che le fondamenta del mondo, organizzato secondo i valori del denaro, del potere, della concorrenza finiscono nel lavoro (che non è più uno strumento nobile ma un target totalizzante, che mette in secondo piano gli affetti, le famiglie , relazioni, persino il pensiero, lo studio e la creatività) … queste basi … stanno rapidamente crollando.

Questo modello ha prodotto generazioni deboli e viziate, incapaci di resistere alle avversità, e ora cerca di riprendersi con tutto il suo potere scientifico e tecnologico per resistere all’impatto della storia. Presto, questo sistema dovrà provare molto più di un vaccino … le conseguenze del modello, per esempio nella tempesta climatica in arrivo, saranno una sfida molto più grande di un virus.

Un tempo nuovo sta arrivando

Già oggi, e ancor di più in quel momento, cari fratelli mediterranei, ci sarà un forte bisogno di ricostruttori, persone che usino il loro intelletto per pensare nuovi modelli di vita, ispirati da nuove idee, capaci di creare nuovi spazi abitativi e di aggregazione, nuovi economie, un nuovo rapporto con la dimensione privata, con se stessi e con gli altri.
Forse il tempo in cui il capitale corre ad assumere i migliori per lavorare per sé, per aumentare il fatturato e acquisire maggiori quote di mercato, sta per finire.

Probabilmente i tempi nuovi saranno quelli in cui i migliori, tra voi, tra noi, dovranno decidere consapevolmente da che parte vogliono stare, e se i talenti ricevuti, gli studi fatti, le esperienze acquisite, non dovessero essere usati altrove. Quei talenti vengono dal Mediterraneo, e non sarebbe male se ci tornassero.
Quando ho deciso di fare il giro del Mediterraneo, sapevo che stavo mettendo sul tavolo sette anni della mia vita, per navigare per 20.000 miglia, in più di ventidue paesi … ma nella mia mente era chiaro che avrei capito l’importanza di questo continente, come è successo, il suo enorme potenziale, come ho visto con i miei occhi.

Avevo davanti a me, in centinaia di circostanze, la tipica ospitalità italiana fatta da un turco, o gli occhi sinceri di un greco sul viso di un tunisino, o la mente spalancata di un figlio d’Israele espressa dal sorriso di un giovane arabo. Ho visto i Balcani parlare da georgiano, o da spagnolo, i rumeni essere nobili e orgogliosi di cretesi. Mi sono sentito a casa in tutti i vostri paesi, alcuni li conosco meglio della mia patria.

La Patria Mediterranea

Quando stavo salpando per Genova, era la fine del viaggio … solo cinquanta o settanta miglia in più … ho iniziato a ricordare tutti i volti che ho visto per anni, in ogni angolo del nostro mondo … tutte le parole significative pronunciate e ascoltate , e in quel momento ho avuto la visione di una bandiera. Una bandiera del Mediterraneo, di cui avevamo bisogno. Questo luogo di valori, saggezza, conoscenza, è un paradosso vivente: non ancora un Paese federale, ma già una patria.

E una patria ha bisogno di una bandiera. Ma una bandiera totalmente diversa da qualsiasi altra mai vista. La prima bandiera della storia ad essere alzata solo in caso di pace, da abbassare in caso di guerra. La prima bandiera per cui nessuno morirà.

Così ho deciso di fare un’offerta, per invitare le persone di tutto il Mediterraneo a disegnare una bandiera e scrivere alcune righe di valori di seguito. Abbiamo ricevuto un migliaio di proposte. Poi il mondo online è diventato una giuria che ha votato, migliaia di voti … e le persone hanno deciso la bandiera del vincitore. Una bandiera meravigliosa. Quella bandiera è nostra, di tutti noi.

Ora, con i miei colleghi, tutti i marinai a bordo del Progetto Mediterraneo che ho fondato 7 anni fa, invio la bandiera a tutti i Presidenti dei Paesi del Mediterraneo, dal Sig. Netanyahu al Sig. Macron, dal Sig. Erdogan al Sig. Mattarella, e anche ai leader d’Europa, e scriverò loro una lettera, per ricordare loro i grandi doveri che hanno con tutti noi: unificare il Continente Mediterraneo, che non sarà mai alternativo all’Europa, ma solo complementare , né alternativa all’Africa o al Medio Oriente o all’Asia.

Il precedente della UE e la Carta di Ventotene

Un Mediterraneo unito non è un’utopia. Quando i primissimi fondatori d’Europa (Sig. Rossi, Sig. Spinelli, prigionieri su una piccola isola italiana) iniziarono a progettare il continente unificato e scrissero la famosa Carta di Ventotene“, era il 1943, là dove c’erano nazisti ovunque, sganciavano bombe in ogni città, milioni di morti. Quella era un’utopia! Tedeschi, francesi, italiani, greci, inglesi … nello stesso paese.
Ma è successo. Ce l’abbiamo fatta.

Oggi, ogni mattina, un’orribile macchina i cui componenti sono milioni di dipendenti, dirigenti, aziende, uomini di cultura, giornalisti e politici, inizia la sua opera di disgregazione proprio per tenerci tutti separati, per evitare che tutti prendiamo coscienza della nostra storia, e fidati del nostro destino.
Ma ogni giorno, per millenni, quel terribile Leviatano arriva la sera senza esserci riuscito. Usando le parole di un grande scrittore, il signor Tahar Ben Jelloun: “Ogni mattina, nel Mediterraneo, la vita prevale e trionfa”.

Ma se molti interessi economici, religiosi, politici non sono riusciti, per secoli, a distruggere l’opzione straordinaria del Mediterraneo, la speranza in un futuro in cui possiamo vivere uniti, in sicurezza e in pace, perché non dovremmo sognare e raggiungerla un domani? Perché potremmo chiamarla Utopia?

simone perotti

Oggi stai costruendo un campione, una metafora del Mediterraneo unito, come abbiamo fatto a bordo del veliero Mediterranea. Voi, lavorando insieme, dimostrerete a tutti, ogni giorno, che la Patria del Mediterraneo non è un’utopia. Sarà così! E contribuirai ogni giorno non solo all’azienda per cui lavori, non solo alla crescita del tuo portafoglio o della tua famiglia, ma alla crescita del nostro mondo comune.
Desidero, e auguro a tutti voi, ogni giorno, che VOI siete la VITA di cui ha scritto Tahar Ben-Jellun. E che lavorerete per aiutare sempre l’umanità a prevalere ogni mattina, quando rinasce il sole.

#mediterraneo

#progettomediterranea


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter