Netanyahu microchip bambini israeliani

Netanyahu vuole che ai bambini israeliani siano impiantati microchip per la distanza sociale

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu vuole che i bambini, e alla fine ogni persona in Israele, vengano sottoposti a microchip – mentre Israele inizia a rompere il suo blocco per il COVID-19.

Netanyahu ha avanzato questo suggerimento in una conferenza stampa lunedì, sostenendo che la tecnologia avrebbe aiutato gli israeliani ad adattarsi alla “nuova normalità” mantenendo le distanze sociali.

“Ho parlato con i nostri responsabili della tecnologia al fine di trovare le misure tecnologiche in cui Israele è all’avanguardia, come i sensori. Ad esempio, ogni persona, ogni bambino – lo voglio prima sui bambini – avrebbe un sensore che suonerebbe un allarme quando ci si avvicina troppo, come quelli sulle auto ”, ha spiegato Netanyahu.

Secondo un rapporto di The Jerusalem Post e Ynet News, gli esperti di informatica e gli attivisti della privacy si oppongono all’idea.

Umani come macchine: ecco i pericoli

“Teoricamente, è possibile farlo. Ma sebbene esistano tali microchip sensibili alla distanza nei veicoli, è diverso negli esseri umani “, ha detto a Ynet l’esperto di Cyber ​​Security .

Secondo Meron, “I bambini con microchip non supereranno alcun test, sia sul piano pratico che legale”.

Sull’impraticabilità dell’idea di Netanyahu, Meron sostiene che un suono bip che dice alle persone che sono vicine l’una all’altra non è sufficiente perché non cambia nulla, poiché le persone si sarebbero comunque avvicinate l’una all’altra.

Per quanto riguarda la legalità dell’idea, Melon spiega che le informazioni ottenute dallo Stato dai sensori negli impianti di microchip, rendono la tecnologia aperta agli abusi sia dello Stato che di potenziali criminali.

” Se le informazioni sulla posizione dei bambini vengono caricate su Internet, un pedofilo con alcune conoscenze informatiche potrebbe entrare nel il sistema e inseguirli al di fuori delle scuole, seguirli e distribuire le informazioni su altre piattaforme”, ha dichiarato Meron.

La posizione del governo israeliano

L’ufficio del primo ministro ha risposto alle preoccupazioni sollevate sugli impianti di microchip, affermando: “Il suggerimento del primo ministro non deve essere attuato attraverso banche dati, ma attraverso una semplice tecnologia che informi i cittadini sulla loro distanza. È un’opzione volontaria progettata per aiutare i bambini a mantenere le distanze, come Mobileye con i veicoli. È un’idea che può aiutare a mantenere le distanze sociali e non vi sarà alcuna violazione della privacy. “

È piuttosto sorprendente che Benjamin Netanyahu, considerato un’icona da American Evangelicals, sia aperto al microchip umano . Il culto dell’eroe che gli evangelici americani esprimono verso Netanyahu non è una mera idolatria di una figura di autorità.

Piuttosto è simile a un culto e alimentato dalla fanatica convinzione che Israele debba costruire un “Terzo Tempio” a Gerusalemme, affinché Gesù ritorni. Molti di questi evangelici sono convinti che la leadership di Netanyahu sullo Stato di Israele sarà strumentale alla costruzione di questo tempio.

La contraddizione tra Netanyahu che abbraccia il microchip umano e la riverenza che gli evangelici americani hanno per lui, unita a una manifestazione primaria della loro escatologia come opposizione agli impianti di microchip, diventa fin troppo evidente. Tuttavia, l’apertura di Netanyahu al microchip umano potrebbe non essere necessariamente contraddittoria con l’escatologia evangelica contemporanea a causa dei recenti cambiamenti nella dottrina evangelica.

Il predicatore Pat Robertson (a destra) ha recentemente dichiarato che gli impianti di microchip non sono il “Marchio di Satana” menzionato nella Bibbia.

L’influente predicatore Pat Robertson, un caro amico di Netanyahu, è stato la genesi di questi cambiamenti dottrinali quando è uscito di recente dicendo che i versetti biblici parlano di un “Marchio di Satana” che la gente dovrà avere in mano – e che molti cristiani equivalgono a impianti di microchip, non devono essere preso alla lettera. 

Secondo Robertson, ciò significa che gli impianti di microchip non sono il marchio di Satana. Questo sorprendente annuncio di Robertson porterà probabilmente più evangelici americani ad essere aperti all’idea di Netanyahu di microchip bambini.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto