Monsanto e Roundup aumentano il rischio di Parkinson

Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Neurotoxicology and Teratology, indica una connessione tra un componente del Roundup Monsanto e il morbo di Parkinson. Il glifosato indurrebbe la morte cellulare, con conseguenze spaventose.

GreenMedInfo.com afferma che lo studio è stato condotto per scoprire le connessioni tra diserbanti e danni al cervello. Gli autori dello studio sostengono: “I pesticidi sono il principale fattore ambientale associato alle malattie neurodegenerative, come il Parkinson”.

Secondo il parere del Medical Center dell’Università del Maryland il Parkinson è una malattia degenerativa del sistema nervoso. Progredisce lentamente, col passare del tempo si avranno sintomi quali tremori, rigidità, difficoltà a camminare, cattiva postura, mancanza di movimento e lentezza dei movimenti.

rapporti del CDC indicano il Parkinson come la 14esima causa di morte negli Stati Uniti nel 2010 (l’ultimo anno in cui i dati furono disponibili), c’è stato un aumento del 4,6% nel numero di decessi attribuiti a questa malattia. C’era da chiedersi se ci fosse un collegamento tra questo sostanziale aumento e la crescente prevalenza di erbicidi come il Roundup nella nostra aria, cibo e acqua.

Gli studi indicano che il glifosato è tossico per il DNA umano “a concentrazioni 450 volte inferiori a quelle utilizzate nelle applicazioni agricole.” In altre parole, i livelli considerati sicuri dal governo americano sono di 450 volte superiori a quelli in cui il glifosato provoca effetti negativi al DNA. Sì, è molto grave.

E’ stato condotto uno studio su una donna, esposta al glifosato, sul posto di lavoro, per 3 anni, in una fabbrica chimica. Indossava guanti e una mascherina. Era inizialmente una sana donna di mezza età. Ma, sviluppò “rigidità, lentezza, e tremori a riposo in tutti e quattro gli arti.” Sperimentò anche forti capogiri, debolezza, e la vista ofuscata. Non è la sola.

Quello che spaventa è la presenza quasi totale (in America) dei cibi e dei composti Monsanto e il fatto che il governo federale si rifiuti di considerare seriamente i rischi per la salute degli americani. Nonostante la crescente preoccupazione a livello internazionale, i poteri forti continuano a fare orecchie da mercanti mentre la popolazione chiede a gran voce cibo di buona qualità.

E’ importante anche sapere che il glifosato interferisce direttamente con la funzione riproduttiva. E’stato dimostrato che quando viene spruzzato il Roundup, non solo vengono ridotti i nutrienti delle colture, ma anche l’assorbimento dal suolo viene bloccato. Una volta ingerito, il glifosato e residui di glifosato possono arrecare danni simili negli esseri umani, in quanto sia impoverisce e riduce la biodisponibilità dei nutrienti importanti legati alla riproduzione, inoltre attraversa la barriera placentare creando danni al feto.

Fonte http://www.informarexresistere.fr/
Fonte http://www.greenmedinfo.com/

#OccupyMonsanto, glifosato, Monsanto, monssanto, Parkinson, Roundup, sistema riproduttivo


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto