impollinare i fiori

Bolle di sapone per impollinare i fiori

Impollinare i fiori: “Se le api scomparissero dalla terra, per l’uomo non resterebbero che 4 anni di vita”.

Questa è una famosa frase che è stata attribuita ad Albert Einstein, ma sembra non essere così. Indipendentemente da chi in verità può averla pronunciata rimane il fatto che le api nel nostro ecosistema, come tutti gli insetti impollinatori, sono veramente indispensabili.

A causa della crescente scomparsa delle api, dovuta ai cambiamenti climatici e all’uso massiccio dei pestici, il ricercatore giapponese Eijiro Miyaro, dell’Istituto avanzato di scienza e tecnologia del Giappone, ha inventato alcuni anni fa un modo innovativo di impollinare i fiori.

La scoperta è nata e ispirata dal figlio del ricercatore giapponese, grazie al gioco delle bolle di sapone.

Si tratta di bolle di sapobe cariche di granuli di polline che raggiungono un’impollinazione delicata ed efficace.

Il progetto ha portato alla creazione inizialmente di un insetto robotico, una specie di drone senza pilota di due centimetri che ha rilasciato artificialmente il polline direttamente nei petali. Ma il risultato non è stato soddisfacente perchè in questo modo si sono finiti per distruggere i fiori. 

Api e fiori: la storia d’amore più antica del mondo minata da cambiamenti climatici, pesticidi e distruzione degli habitat.

Il ricercatore Miyaro è stato poi ispirato mentre giocava con il figlio con le bolle di sapone. 

Una bolla ha colpito accidentalmente la faccia di mio figlio, ma non è stato ferito. Tutti sanno che questo è normale perché le bolle sono morbide, leggere e flessibili ” , afferma Mirayo. Ecco come è nata l’ispirazione per la sua nuova tecnica di impollinazione dei fiori ed è ora pubblicata sulla rivista iScience . 

Nelle bolle penso di aver trovato la soluzione ideale che poteva completare la tecnologia di impollinazione robotica avviata da lui stesso. Ha proseguito il suo esperimento con la microscopia ottica nel suo laboratorio. 

” Sembra una fantasia, ma la bolla di sapone funzionale consente un’impollinazione efficace e garantisce che la qualità dei frutti sia la stessa dell’impollinazione manuale convenzionale “, afferma l’autore. Le bolle consentono così l’erogazione efficace e conveniente di granuli di polline a fiori specifici, che non vengono danneggiati grazie alla grande flessibilità della pompa. 

Rilasciare il polline grazie alle bolle di sapone

Il ricercatore Mirayo e Xi Yang, coautore dello studio, hanno sviluppato una soluzione chimica che neutralizza un tensioattivo che ha permesso una migliore germinazione e crescita del polline in ciascun grano dopo essere stato depositato nel fiore e analizzato le concentrazioni di sapone più efficaci, dal momento che la sostanza convenzionale potrebbe essere troppo tossica.

Dopo aver verificato la loro efficacia, gli scienziati hanno lanciato bolle di sapone caricate con 2.000 chicchi di polline per bolla con delle pistole in un frutteto di pere dove i frutti sono stati coltivati ​​con successo. Hanno quindi caricato un drone autonomo controllato da GPS con bolle di sapone che hanno lanciato falsi gigli (poiché i fiori non erano più in fiore) da un’altezza di due metri. Hanno raggiunto i loro obiettivi del 90%. 

” Sono sicuro che questa tecnologia con bolle di sapone consentirà grandi progressi e miglioramenti rispetto alla precedente impollinazione di micro-robot, soprattutto in termini di controllo automatico del robot e grazie alle funzionalità del materiale “, indica. 

Secondo Miyako, questo approccio all’impollinazione è promettente perché il 90% delle piante da fiore dipende dall’allevamento per  impollinatori , il cui numero sta diminuendo drasticamente. Esistono delle altre opzioni, come l’impollinazione manuale, ma rischiano di essere lavori molto difficili per gli agricoltori. 

Questo tipo di impollinazione artificiale presenta però alcune carenze. In primis vi è un discorso di tempistica e di elementi atmosferici. Le gocce di pioggia possono rimuovere le bolle contenenti polline dai fiori, mentre i venti forti potrebbero far deragliare. Molte bolle non raggiungono il loro obiettivo, quindi è ancora necessario sviluppare un’impollinazione robotica autonoma più precisa. 

Fonte


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.