Home Nuove Scoperte Il mercato degli antibiotici stima 57 miliardi di dollari entro il 2024:...

Il mercato degli antibiotici stima 57 miliardi di dollari entro il 2024: il pericolo antibiotico resistenza

2022
0
antibiotici e antibiotico resistenza

Si  prevede che il mercato degli antibiotici raggiungerà 57,0 miliardi di dollari entro il 2024, secondo il nuovo rapporto di Grand View Research, Inc.

L’aumento della prevalenza di malattie infettive, specialmente nelle regioni in via di sviluppo come Asia Pacifico e MEA, è una delle cause principali per la crescita esponenziale del mercato.

Oltre il 15,0% dei decessi, nei bambini di età inferiore ai 5 anni, è dovuto a polmonite e secondo le statistiche fornite dall’OMS circa 9,2 milioni di decessi sono stati registrati nel 2015. Simile alla tubercolosi, la più alta prevalenza di la malattia è identificata nelle regioni dell’Asia meridionale e sub-sahariana. Attualmente, il trattamento antibiotico richiesto è disponibile solo per un terzo della popolazione infetta, aumentando così il proliferare delle malattie.

Il mercato antibatterico è attualmente dominato dai vaccini, in particolare quelli per la prevenzione delle infezioni da pneumococco, difterite, tetano e pertosse. Tuttavia, gli ultimi anni hanno visto aggiunte chiave sotto forma di terapie per batteri resistenti agli antibiotici, compresi i ceppi con resistenza multi-farmaco. Si prevede che il numero di tali prodotti aumenterà drasticamente tra il 2016 e il 2022.

Antibiotico resistenza: il vero pericolo e il disincentivo ai farmaci

La resistenza agli antibiotici sta influenzando l’atteggiamento dei medici, riducendo di conseguenza in parte i consumi. La domanda di antibatterici è in aumento da quando l’aumento degli anziani ha contribuito all’aumento e alla gravità delle infezioni batteriche.

E’ scoraggiante rendersi conto che un quinto dei pazienti soffre di infezioni ospedaliere, cioè acquisita all’interno della struttura sanitaria, causando negli Stati Uniti circa 90.000 decessi all’anno.

Questa crescita non è dovuta solo all’aumento della domanda, ma anche al passaggio ad agenti batterici più costosi. La sostituzione con biocidi meno dannosi dovrebbe contribuire ad un aumento complessivo delle vendite. Ma ormai i batteri diventano sempre più potenti e riducono l’efficienza dei battericidi e degli antibiotici.

I dati dimostrano che nell’Europa del Sud si evidenzia, ad esempio, un utilizzo troppo ampio e diffuso di antibiotici anche quando questi non sono realmente necessari o adatti a combattere le patologie per cui vengono assunti. Il che dimostra che il ruolo che possono giocare formazione e cultura è davvero fondamentale.

La nuova speranza nella ricerca dei gallesi Peter Steinberg e Staffan Kjelleberg

Durante le immersioni al largo delle coste dell’Australia meridionale hanno osservato che un’alga rossa (Delicea pulchra) non era colonizzata da batteri.

Partendo dal presupposto che l’oceano è “una zuppa di batteri”, i due si sono resi conto che le alghe praticamente riescono ad inibire le comunicazioni tra i batteri. Se i batteri non riescono a comunicare tra loro, allora è impossibile coordinare un attacco verso l’ospite da infettare.

Loading...

Così, i due professori, hanno messo su un team e sono riusciti a produrre campioni sintetici che simulano lo stesso meccanismo. Infatti hanno dimostrato che questa “capacità di interrompere le comunicazioni tra batteri” può essere indotta in una vasta gamma di batteri e può persino inibire la crescita di funghi.

Il vantaggio principale della loro innovazione è che i test hanno confermato che il prodotto è sicuro, e, addirittura, non vi è alcun rischio che l’uso di questi prodotti aumenti la resistenza batterica.

L’identificazione di questo meccanismo può rivoluzionare il modo in cui i battericidi vengono utilizzati nell’agricoltura, nei prodotti di consumo, nell’industria, nel trattamento delle acque, nei dispositivi medici e nella terapia.

Ora il passo in avanti è capire come fare in modo che questo processo diventi lo standard e sia aperto a tutti, che come abbiamo capito da queste proiezioni di immensa crescita di antibiotici e allo stesso di antibiotico resistenza ( con il pericolo annesso di nuovi super-batteri ) è davvero una necessità impellente.




Ulteriori risultati chiave dal rapporto di Grand View Research

  1. Il segmento degli antibiotici, comprese le tetracicline, gli imidazoli, i lincosamidi e gli anticorpi monoclonali, ha detenuto una quota importante nel 2015 e si prevede inoltre di crescere a un tasso di crescita redditizio nel periodo di previsione
  2. Lo sviluppo di anticorpi monoclonali per microrganismi resistenti agli antibiotici è il punto chiave di questo segmento. Si prevede che l’incidenza crescente di polmonite, infezioni del flusso sanguigno e infezioni del tratto urinario (UTI) promuoverà l’uso della classe di antibiotici carbapenemici.
  3. Gli inibitori della sintesi delle pareti cellulari hanno dominato la prospettiva del meccanismo nel 2015. La maggior parte degli antibiotici come penicilline, cefalosporine e carbapenemici formano la classe di inibitori della sintesi delle pareti delle cellule.
  4. Gli inibitori della sintesi dell’RNA e gli inibitori della sintesi dell’acido folico sono previsti per assistere a una crescita sana nel periodo di previsione. Lo sviluppo di diversi farmaci antivirali che inibiscono la trascrizione e il processo di trascrizione inversa sono previsti per supportare la crescita. Si prevede che i farmaci sulfa degli inibitori dell’acido folico crescano poiché hanno un ampio campo di applicazione.
  5. L’Asia del Pacifico a causa dell’enorme numero di abitanti, l’elevata prevalenza di malattie infettive, le riforme normative e il maggior uso della medicina generica hanno avuto una quota di comando nel 2015.
  6. Anche l’America Latina, in particolare il Brasile con una forte crescita nel settore farmaceutico, mostrerà una crescita remunerativa. Anche l’epidemia di alcuni virus come l’Ebola nella regione africana ha contribuito alla significativa crescita della regione MEA.
  7. Alcuni dei protagonisti di questo assetto sono Pfizer, Inc., Janssen Pharmaceuticals, Abbott, GlaxoSmithKline plc, Sanofi, Novartis AG, Bayer AG, Bristol Myers Squibb Company, Eli Lilly and Company e Astellas Pharma, Inc.

La ricerca di Grand View ha segmentato il mercato degli antibiotici sulla base della classe e della regione del principio attivo:

Prospettive di classe farmacologica antibiotica globale (entrate, milioni di dollari, 2013 – 2024)

  1. cefalosporine
  2. penicilline
  3. I fluorochinoloni
  4. macrolidi
  5. carbapenemi
  6. aminoglicosidi
  7. sulfamidici
  8. Altro

Prospettive del meccanismo globale (entrate, milioni di dollari, 2013 – 2024)

  • Inibitori di sintesi della parete cellulare
  • Inibitori di sintesi proteica
  • Inibitori di sintesi del DNA
  • Inibitori di sintesi dell’RNA
  • Inibitori dell’acido micolico

fonte

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.