elon musk

Elon Musk lancia missili nello spazio per internet a banda larga ovunque. Quando la tecnologia fa rima con follia

L’accesso a Internet è così onnipresente negli Stati Uniti e nell’Europa occidentale che ha generato un’intera industria cottage per aiutare le persone a disconnettersi . Tuttavia, per circa la metà della popolazione mondiale, questo livello di connettività è semplicemente incomprensibile.

Quasi 4 miliardi di persone hanno accesso online neanche una volta negli ultimi tre mesi: la soglia comicamente bassa dell’ONU per contare qualcuno come un utente di Internet, il che significa che perdono i numerosi vantaggi sociali, economici ed educativi offerti da una connessione Internet.

Internet a banda larga ovunque: una missione tra business e filantropia

Gli imprenditori della Silicon Valley si resero presto conto che collegare il mondo presentava un’enorme opportunità di business, una che poteva essere avvolta in un linguaggio umanitario e globalizzato di benessere. Dopo i risultati deludenti dei droni Internet, un’altra idea, però, è ugualmente audace e forse più realistica: i satelliti internet. Migliaia e migliaia di satelliti Internet.

Così, il  magnate visionario Elon Musk è riuscito con SpaceX a lanciare 60 satelliti Internet nell’orbita terrestre bassa. Sono i primi membri della sua mega costellazione satellitare, Starlink. I satelliti “a schermo piatto” da 500 libbre saranno potenziati a circa 275 miglia sopra la Terra da un razzo Falcon 9, a quel punto useranno i loro propulsori ionici a bordo per raggiungere un’ultima altitudine orbitale di circa 340 miglia sopra la Terra.

Un piano da 12.000 satelliti che orbiteranno intorno alla terra

Questi satelliti sono ancora considerati “production design” da SpaceX. Non includeranno molte funzionalità pianificate, inclusi i collegamenti incrociati laser che consentiranno ai satelliti di comunicare tra loro mentre sono in orbita. Ma rappresentano il primo grande passo verso il piano a lungo raggio dell’azienda. Entro il 2027, SpaceX prevede di disporre di 12.000 satelliti Starlink in orbita che trasmettono Internet ad alta velocità a decine di milioni di clienti in tutto il mondo.

La storia di Internet via satellite, tuttavia, è definita dal fallimento, tra cui uno dei maggiori fallimenti societari nella storia. Questa era una realtà che Elon Musk ha riconosciuto candidamente ai giornalisti prima del lancio di Starlink. “Nessuno è mai riuscito a fare una costellazione di comunicazioni di orbita bassa della Terra praticabile”, ha detto Musk. “Credo che avremo successo, ma non è certo una cosa sicura”.

Il fallimento può venire in molte forme. SpaceX si troverà ad affrontare una forte concorrenza da parte di altri operatori satellitari e fornitori di banda larga terrestri, enormi ostacoli normativi, e alla fine di tutto questo potrebbe scoprire che la domanda di internet via satellite non è proprio quella che pensava sarebbe.

Ma non sarebbe meglio investirli quaggiù?

In breve, entrare nel mercato della banda larga satellitare è un grosso rischio. Eppure SpaceX potrebbe non avere un’altra scelta. Musk ha chiarito che la missione finale di SpaceX è di farlo inviare umani su Marte , ma il cartellino del prezzo sarà astronomico. Uno studio della NASA del 2014 metti il ​​costo di una missione umana su Marte in una grandezza di un campo da baseball, stimandola con $ 220 miliardi. Le entrate di SpaceX dai soli contratti di lancio, che Musk ha detto si aggirano circa $ 3 miliardi all’anno, è improbabile che inviino qualcuno al Pianeta Rosso.

Come dettagliato in una proiezione delle entrate del 2016 ottenuta da The Wall Street Journal , SpaceX stimava che entro il 2025 i suoi servizi di lancio avrebbero abbassato circa 5 miliardi di dollari di ricavi, che erano stati diminuiti dai previsti 30 miliardi di dollari per i suoi servizi Internet Starlink. La società non ha rilasciato alcun dettaglio sulla struttura dei prezzi per il suo servizio internet o quanto costano le stazioni di terra per gli utenti. Ma il destino degli sforzi passati per il lancio di costellazioni satellitari di Internet, nonché i probabili sviluppi futuri, suggeriscono che SpaceX potrebbe dover adeguare le sue rosee aspettative.

Una guerra tra millisecondi e velocità di trasmissione dati

Negli Stati Uniti internet via satellite si rivolge principalmente alle famiglie rurali non servite da connessioni in fibra o via cavo. Il servizio Internet da satelliti geosincroni è soggetto ad alta latenza, tuttavia, poiché il segnale deve percorrere migliaia di chilometri di spazio vuoto e viceversa, il che può causare ritardi fino a mezzo secondo.

Starlink e i suoi concorrenti, come OneWeb, Telesat e Amazon Kuiper, hanno adottato un nuovo approccio a Internet via satellite. Piuttosto che posizionare un paio di grandi satelliti in orbita geosincrona, queste aziende vogliono collocare migliaia di satelliti a banda larga nell’orbita terrestre bassa. Questi satelliti si trovano a poche centinaia di miglia sopra la Terra in modo che possano ridurre i ritardi a circa 20 millisecondi, il che è difficilmente percepibile dal punto di vista dell’utente.

Come operatore di internet via satellite, una delle maggiori sfide di SpaceX sarà la differenziazione da altre costellazioni a banda larga che opereranno nell’orbita bassa della Terra, afferma Roger Rusch, presidente di TelAstra, una società di consulenza che offre consulenza agli investitori nel settore dei satelliti.

Oltre a Starlink, OneWeb e Telesat hanno entrambi annunciato l’intenzione di creare costellazioni a banda larga LEO con rispettivamente 650 e 292 satelliti. A febbraio, OneWeb ha lanciato il suo primo lotto di sei satelliti. Poco dopo, Amazon ha annunciato il progetto Kuiper, che metterà 3.236 satelliti a banda larga nell’orbita terrestre bassa. Viene spontaneo fissare l’orologio su quando avverrà il primo incidente o collisione tra due o più di questi innumerevoli satelliti che in contemporanea dovrebbero gestire questi servizi.

Ottenere satelliti in orbita è probabilmente la parte facile della creazione di mega-costellazioni satellitari a banda larga. La vera difficoltà, e dove i costi salgono rapidamente alle stelle, è a terra. Ad aprile SpaceX ha ricevuto l’approvazione FCC per un milione di stazioni terrestri, che saranno utilizzate dai clienti per comunicare con i satelliti che passano sopra la testa. A differenza delle antenne satellitari fisse utilizzate per il collegamento con satelliti geosincroni, che devono solo puntare a una singola parte del cielo, le antenne phased-array di SpaceX tracciano i satelliti mentre passano sopra la testa.

Il dilemma della sostenibilità economica e ambientale

Questo tipo di antenne sarà probabilmente costoso per i clienti, afferma Rusch . Dato che l’accessibilità è già uno dei maggiori ostacoli all’adozione di Internet, quello potrebbe essere un grosso ostacolo per SpaceX. SpaceX dovrà anche assorbire costi significativi per costruire ed eseguire gateway satellitari, che sono fondamentalmente stazioni di commutazione di grandi dimensioni dove i satelliti si collegano alla dorsale di Internet.

Ad aprile SpaceX ha ricevuto il permesso dalla FCC di costruire quattro gateway satellitari intorno agli Stati Uniti, ma dato che prende il suo servizio a livello mondiale, dovrà anche costruire diverse di queste stazioni all’estero. Questo solleva la questione se ci sarà abbastanza di un mercato per supportare una, e molto meno quattro, mega-costellazioni satellitari multi-miliardarie. Sebbene Starlink, Telesat, OneWeb e Project Kuiper aspirino tutti a connettere il mondo, potrebbero non esserci abbastanza persone che possono permettersi i loro servizi.

“C’è una domanda sufficiente nel mondo per tutta quella capacità che arriverà online nei prossimi 10 anni? Nessuno lo sa davvero “, afferma Matt Desch, CEO di Iridium, una società di comunicazione satellitare che si occupa di voce e dati. “I mercati di investimento sono chiaramente preoccupati, motivo per cui questi nuovi mercati sono lenti a essere finanziati, almeno dal mercato azionario e del debito pubblico.”

Carissa Christensen, CEO della società di analisi Bryce Space and Technology, ha indicato O3B, il società di internet via satellite fondata dal CEO OneWeb Greg Wyler nel 2007, come esempio di ciò che può accadere. Sebbene l’O3B mirasse a portare “gli altri tre miliardi” di persone senza accesso a Internet online, il mercato semplicemente non c’era. Oggigiorno, O3B si sostiene fornendo servizi di dati satellitari per le operazioni marittime, cosa che sottolinea Christensen sottolinea che “le visioni di trasformazione non si tradurranno necessariamente in un modello di business realistico”.

Inoltre, come accade per i segnali a banda larga del 5G, andranno studiati tutti i livelli di trasmissione e di invasività dal punto di vista della salute. Dobbiamo necessariamente essere bombardati da segnali  satellitari in ogni parte del globo, anche in luoghi sperduti come il Borneo, le remote isole oceaniche, oppure i Poli? Quello che si teme è che in questo progetto Starlink, vi sia una forte spinta a un business borderline finalizzato a spedire nuovi “coloni” umani su Marte o a fornire servizi esclusivi e costosi a poche cerchie di eletti, più che rendere il servizio di conoscenza digitale aperto ai meno fortunati.

LEGGI ANCHE:

 

elon musk, internet satellite, missile spazio, satelliti nello spazio, spacex, starlink


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto