Home Società Il disgusto ti salva la vita! Ecco i 6 tipi di repulsione...

Il disgusto ti salva la vita! Ecco i 6 tipi di repulsione che ci salvano da infezioni e malattie

410
0
CONDIVIDI
disgusto

Inteso come una sensazione sgradevole, di avversione al gusto e all’aspetto di determinati cibi o bevande (e non solo), il disgusto è un’emozione che non vorremmo mai provare. Perché crea in noi delle reazioni forti e, diciamocelo, ci fa proprio senso!

Eppure, è proprio quella forte repulsione causata dal senso di disgusto a salvarci da alcune malattie. Ne sono convinti i ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine (LSHTM) che hanno identificato sei tipi di disgusto che hanno il compito di difendere il nostro organismo. Ecco quali sono.

Il disgusto come evoluzione della specie

Secondo i ricercatori, il disgusto è un’emozione che si è evoluta nel corso degli anni, per aiutare i nostri antenati a evitare infezioni e malattie. Questa sensazione è probabilmente strutturata intorno alle persone, alle azioni che possono compiere, e agli oggetti che rappresentano il rischio di malattia.

Secondo gli esperti, i risultati degli studi condotti potrebbero servire per perfezionare i messaggi sulla salute pubblica, ad esempio incoraggiando la pratica di lavare le mani col sapone, per allontanare il pericolo di infezioni.

Lo studio

Per poter arrivare a queste conclusioni, i ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine hanno esaminato le reazioni di oltre 2.500 persone online, messe alla prova con 75 scenari potenzialmente disgustosi. Dalle lesioni cutanee piene di pus, ai cibi che pullulano di insetti.

Ai volontari è stato chiesto di attribuire una scala di valori da “nessun disgusto” a “disgusto estremo”. Degli scenari dipinti, quelli che hanno suscitato maggior disgusto sono state le ferite infette e la violazione delle norme igieniche, come il cattivo odore corporeo.

Ma quali sono le sei categorie più disgustose, in grado di salvare il nostro organismo dalle malattie?

Disgusto: le sei categorie in grado di salvarci dalle malattie

Analizzando le risposte date dai partecipanti allo studio, i ricercatori sono riusciti a identificare le sei categorie principali di disgusto, che sono:

  • Scarsa igiene
  • Animali portatori di malattie
  • Comportamenti sessuali a rischio
  • Ferite o bolle contenenti pus
  • Cibo in putrefazione
  • Cibo con aspetto atipico

Tutti elementi che possono causare malattie nell’uomo. Secoli fa, come oggi. Come ad esempio il cibo in decomposizione, che poteva portare al colera, o il contatto con persone dalla scarsa igiene personale, che avrebbe potuto portare alla lebbra.

Il disgusto genera negli uomini, così come negli animali, delle reazioni che ci portano ad agire in modi specifici, in grado di ridurre al minimo il rischio di ammalarci.

È un tipo di comportamento molto evidente negli animali. Secondo i ricercatori, questo dimostra il fatto che tale emozione potrebbe avere radici molto antiche nel nostro percorso evolutivo.

Leggi anche:Mangiare le caccole rafforza il sistema immunitario. Parola di scienziati!

Differenze tra uomini e donne

Tuttavia, esistono delle differenze nelle reazioni delle persone, determinate in parte dal genere. Le donne, ad esempio, valutano ogni categoria presentata più disgustosa rispetto agli uomini e giudicano peggiori delle altre i comportamenti sessuali a rischio e il contatto con animali portatori di malattie. Questo, secondo i ricercatori, è direttamente rapportabile al fatto che gli uomini inducono maggiormente in comportamenti più rischiosi rispetto alle donne.

Il team della London School of Hygiene & Tropical Medicine ha inoltre scoperto che il senso di disgusto è collegato alle azioni che le persone hanno bisogno di intraprendere per evitare la malattia, più che alla minaccia in sé. Questo sottende una visione evolutiva delle emozioni molto precisa: sono loro a indurci a fare o non fare determinate azioni. Sono esse che ci fanno compiere determinate scelte e ci permettono di migliorare le nostre possibilità di sopravvivenza e riproduzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.