Home Società Così la grande distribuzione strozza i piccoli panettieri: i marchi coinvolti

Così la grande distribuzione strozza i piccoli panettieri: i marchi coinvolti

350
0
grande distribuzione

Ecco come la grande distribuzione impone contratti capestro ai piccoli panificatori. E come questo si traduce in un immenso spreco alimentare.

Migliaia di quintali di pane buttati. Panificatori vessati da contratti capestro. Denunce cadute nel vuoto per 15 anni. È questo il quadro che ha portato ieri la Guardia di Finanza e l’Antitrust italiani a effettuare una serie di controlli su alcuni marchi della grande distribuzione.

Secondo le autorità, la GDO avrebbe costretto i piccoli panifici a ritirare la merce da loro invenduta (e quindi non pagata), facendo ricadere su di loro anche i costi di smaltimento. Con uno spreco alimentare ed economico senza precedenti.

Ecco tutti i dettagli e le catene coinvolte.

13mila quintali di pane buttati nella grande distribuzione

Secondo le stime, sono 13mila i quintali di pane fresco buttati, ogni giorno, nella grande distribuzione. Secondo gli ispettori dell’Antitrust, dietro potrebbe esserci un cartello tra i più grandi supermercati che operano in Italia.

Ecco perché, insieme alla Guardia di Finanza, hanno ieri effettuato una serie di controlli in sei catene: Auchan, Carrefour, Conad, Coop Italia, Esselunga, Eurospin.

Secondo gli investigatori, questi grandi marchi si sarebbero messi d’accordo per costringere i piccoli panificatori a dei veri e propri contratti capestro.

Tutto è partito da una segnalazione di Assipan-Confocommercio Imprese per l’Italia. La principale associazione nazionale di panificatori ha inviato all’Agcm (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) una segnalazione in merito. L’ente ha quindi aperto sei istruttorie nei confronti dei citati operatori della grande distribuzione.

Ieri sono scattati i controlli. L’obiettivo? Accertare “eventuali violazioni dell’art. 62 del decreto legge n. 1/2012 che regola le relazioni commerciali nella filiera agro-alimentare”.

Sempre nella serata di ieri, Esselunga ha diffuso un comunicato per spiegare la propria posizione:

«Il pane da noi venduto è per il 95% sfornato direttamente nei reparti dei nostri negozi, cioè non è fornito da panificatori terzi. Siamo certi che l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella quale abbiamo piena fiducia e con la quale collaboreremo su ogni aspetto utile a chiarire la questione, saprà valutare la piena correttezza del nostro operato».

Leggi anche: Francia: lo spreco alimentare diventa reato. E in Italia?

Contratti capestro denunciati già 15 anni fa

Ma in cosa consistono questi contratti capestro denunciati da Assipan?

A quanto pare, i sei marchi della grande distribuzione avrebbero imposto ai fornitori – spesso piccoli panifici – l’obbligo di ritirare e smaltire l’invenduto, a proprie spese.

Come spiega l’Agcm:

«La differenza di valore tra il pane consegnato a inizio giornata e quello reso a fine giornata viene poi riaccreditata al compratore della GDO sugli acquisti successivi».

Insomma, al danno si aggiunge la beffa: la GDO si fa rifornire per un quantitativo di pane che spesso finisce invenduto. E non solo non lo paga, ma impone ai panificatori lo smaltimento. Almeno questa è l’ipotesi sul tavolo, per ora. Confermata da Claudio Conti, presidente Assipan:

«Lo denunciamo da almeno 15 anni. Noi facciamo forniture di prodotto del quale molto spesso il 50% ci viene restituito non pagato e ci si obbliga allo smaltimento che è una cosa tragica, non solo in termini di spreco. Perché agli occhi dell’opinione pubblica diventiamo quelli che mettono in pratica lo spreco e non è vero».

Il pane invenduto non potrebbe essere riutilizzato? No. Come spiega ancora Conti, la normativa vigente “impedisce qualsiasi riutilizzo del pane invenduto a fini commerciali e persino la sua donazione a fini umanitari con un elevatissimo spreco di prodotto”.

Insomma, secondo l’Antitrust, in questa situazione si verifica un “significativo squilibrio contrattuale”, tra la grande distribuzione e i piccoli panificatori. Nell’accordo, infatti, il contraente più debole viene fatto carico di tutto il rischio commerciale. Mentre la GDO può continuare a ordinare pane in sovrappiù senza pagarne le conseguenze in termini economici.

Ma Assipan denuncia non solo il carattere “vessatorio” di questo tipo di accordi. Sottolinea anche le ripercussioni sociali e ambientali, con elevate quantità di pane gettate alle ortiche, che potrebbero sfamare tantissime persone.

Pratiche sleali nell’agroalimentare: la direttiva

Proprio ieri, le commissioni Agricoltura e Attività produttive della Camera sono intervenute sulle pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare. In particolare, le commissioni hanno votato all’unanimità una proposta di Direttiva europea sull’argomento.

L’obiettivo è di ridurre le pratiche commerciali sleali che coinvolgono le piccole e medie imprese nel settore. Alcuni esempi? La cancellazione degli ordini all’ultimo minuto. Oppure l’obbligo imposto al fornitore di pagare per gli sprechi: proprio l’oggetto contestato dai panificatori alle catene della grande distribuzione.

Sarebbero 10 miliardi di euro l’anno i danni economici causati da questo tipo di comportamenti. Come ha spiegato Chiara Gagnarli, deputata del M5S, relatrice del parere delle commissioni:

«Apprezziamo i contenuti della proposta di Direttiva europea che vuole garantire un livello minimo di tutela comune in tutta l’Ue e limitare comportamenti scorretti da parte dei grandi operatori che spesso approfittano della loro posizione più vantaggiosa».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.