coronavirus

Coronavirus stabile per ore sulle superfici: fino a 3 giorni su plastica e acciaio inossidabile. Ecco lo studio

Il coronavirus è rilevabile negli aerosol per un massimo di tre ore e fino a quattro ore sul rame. Su cartone, il virus è rilevabile fino a 24 ore e fino a tre giorni su plastica e acciaio inossidabile. Lo studio suggerisce che il virus può essere acquisito attraverso l’aria oltre a toccare le superfici.

Il virus che causa la malattia di coronavirus (COVID-19) è stabile per diverse ore o giorni negli aerosol e sulle superfici, secondo un nuovo studio condotto dagli scienziati del National Institutes of Health, CDC, UCLA e dell’Università di Princeton The New England Journal of Medicine.

Gli scienziati hanno scoperto che la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) era rilevabile negli aerosol per un massimo di tre ore, fino a quattro ore su rame, fino a 24 ore su cartone e fino a 2-3 giorni su plastica e acciaio inossidabile.

I risultati forniscono informazioni chiave sulla stabilità della SARS-CoV-2, che causa la malattia COVID-19, e suggeriscono che le persone possono acquisire il virus attraverso l’aria e dopo aver toccato oggetti contaminati.

Le informazioni sullo studio sono state ampiamente condivise nelle ultime due settimane dopo che i ricercatori hanno posizionato i contenuti su un server di prestampa per condividere rapidamente i loro dati con i colleghi.

I virus Sars Cov-1 e Cov-2 e Covid-19 a confronto

Gli scienziati dell’NIH, della struttura Montana del National Institute of Allergy and Malattie infettive presso i Rocky Mountain Laboratories, hanno confrontato il modo in cui l’ambiente influenza SARS-CoV-2 e SARS-CoV-1, che causa la SARS. SARS-CoV-1, come il suo successore che ora circola in tutto il mondo, è emerso dalla Cina e ha infettato più di 8000 persone nel 2002 e nel 2003.

SARS-CoV-1 è stato sradicato da un’intensa tracciabilità dei contatti e da misure di isolamento dei casi e non sono stati rilevati casi dal 2004. SARS-CoV-1 è il coronavirus umano più strettamente correlato a SARS-CoV-2. Nello studio di stabilità i due virus si sono comportati in modo simile, il che purtroppo non riesce a spiegare perché COVID-19 è diventato un focolaio molto più grande.

Leggi anche: Meglio acqua e sapone rispetto ai disinfettanti per le mani

Lo studio NIH ha tentato di imitare il deposito del virus da una persona infetta su superfici quotidiane in un ambiente domestico o ospedaliero, ad esempio attraverso la tosse o il contatto con oggetti. Gli scienziati hanno quindi studiato per quanto tempo il virus è rimasto contagioso su queste superfici.

COVID-19

I risultati dello studio della permanenza sulle superfici

Gli scienziati hanno evidenziato ulteriori osservazioni dal loro studio:

  • Se la vitalità dei due coronavirus è simile, perché SARS-CoV-2 risulta in più casi? Prove emergenti suggeriscono che le persone infette da SARS-CoV-2 potrebbero diffondere virus senza riconoscere o prima di riconoscere i sintomi. Ciò renderebbe meno efficaci le misure di controllo delle malattie efficaci contro la SARS-CoV-1 contro il suo successore.
  • Il CoV-2 sembra verificarsi nelle impostazioni della comunità piuttosto che in quelle sanitarie. Tuttavia, le strutture sanitarie sono anche vulnerabili all’introduzione e alla diffusione di SARS-CoV-2 e la stabilità di SARS-CoV-2 negli aerosol e sulle superfici probabilmente contribuisce alla trasmissione del virus nelle strutture sanitarie.

I risultati confermano la guida di professionisti della sanità pubblica di utilizzare precauzioni simili a quelle per l’influenza e altri virus respiratori per prevenire la diffusione della SARS-CoV-2:

  • Evitare contatti ravvicinati con persone che sono malate.
  • Evita di toccare gli occhi, il naso e la bocca.
  • Resta a casa quando sei malato.
  • Copri la tosse o starnutisci con un fazzoletto, quindi getta il fazzoletto nella spazzatura.
  • Pulire e disinfettare oggetti e superfici frequentemente toccati utilizzando un normale spray per la pulizia domestica o un panno.

fonte https://neurosciencenews.com/


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.