Home Società Composti da evitare presenti nei prodotti per la cura della pelle

Composti da evitare presenti nei prodotti per la cura della pelle

1089
0
CONDIVIDI

Molti sono i problemi di salute legati a prodotti di bellezza, di uso comune, che contengono composti chimici, e creano allergie della pelle, cancro, difetti alla nascita, infertilità, problemi riproduttivi, problemi di apprendimento. La nostra pelle assorbe fino al 60% di ciò che mettiamo sulla nostra pelle, pensiamo che il corpo dei bambini assorbe il 40-50% in più rispetto agli adulti, quindi sono più a rischio a contrarre malattie che si possono sviluppare più tardi grazie a queste sostanze tossiche. Il perossido di benzoile viene utilizzato in prodotti che trattano l’acne, può causare a lungo andare tumori,  promotore di stati di tumore MSDS : possono fungere da agenti mutageni, producendo danni al DNA delle cellule. Può essere anche tossico per l’inalazione di pelle occhi e irritazione delle vie respiratorie. DEA(dietanolamina) MEA(monoetanolamina) e TEA(trietanolamina)  sono schiumogeni usati quasi sempre in prodotti detergenti, inclusi bagnoschiuma, shampoo, saponi, possono provocare dermatiti da contatto, vengono facilmente assorbiti attraverso la pelle tendono ad accumularsi negli organi del corpo, tutte queste sostanze possono provocare reazioni allergiche, problemi oculari, secchezza della pelle o dei capelli; nel lungo periodo possono causare danni epatici, renali, alterare il sangue, l’apparato respiratorio e il sistema nervoso centrale. Formano nitrati e nitrosamine (agenti causa-cancro). Applicazioni ripetute provocano tumori al fegato e rene. La diossina non appare ufficialmente negli ingredienti, ma è presente spesso negli ingredienti di antibatterici come triclosan, emulsionanti, etossilati e PEG i quali agiscono aumentando la permeabilità del prodotto, quindi fanno assorbire molto più velocemente i composti tossici con conseguente aumento delle azioni negative. Il triclosan è un antibatterico che troviamo nei detergenti, detersivi liquidi per piatti, saponi, deodoranti, cosmetici, lozioni, creme e persino dentifrici. La sua struttura molecolare e la formula chimica sono simili a quelle di una delle sostanze più tossiche esistenti: la diossina!! Registrato come pesticida, ha un alto indice di rischio per la salute umana e l’ambiente. Provoca il cancro. Esternamente può provocare irritazioni alla pelle. Internamente, può portare a sudori freddi, collasso circolatorio, convulsioni, coma e morte. Se accumulato nei grassi corporei fino a livelli tossici, danneggia il fegato e i polmoni, può causare paralisi, sterilità, soppressione delle funzioni immunitarie, emorragie al cervello, diminuzione della fertilità e funzioni sessuali, problemi cardiaci e coma. Urea (Imidazolidinyl) e DMDM Hydantoin, sono conservanti comunissimi in tutti i prodotti per la pelle, il corpo e i capelli e nei deodoranti e antitraspiranti. Rilasciano formaldeide, che irrita l’apparato respiratorio, causa reazioni alla pelle e innesca palpitazioni cardiache. Inoltre causa dolori articolari, allergie, depressione, emicranie, dolori al petto, infezioni agli orecchi, fatica cronica, capogiri, perdita di sonno, asma, può aggravare la tosse e raffreddori. Altri effetti della formaldeide sono indebolimento del sistema immunitario e cancro. I Parabeni sono i conservanti più utilizzati nei prodotti cosmetici: figurano con le denominazioni Methylparaben, Ethylparaben, Propylparaben, Butylparaben. Non sempre sono etichettati. A lungo andare sono tossici: hanno un’azione simile agli estrogeni e possono essere causa  di tumori al seno, soprattutto in seguito all’utilizzo di deodoranti e profumi, poiché questi ultimi producono un’interazione. Sono prodotti che possono contribuire alla sterilità, creando squilibri ormonali maschili e femminili e pubertà precoce. Gli ftalati sono dei prodotti chimici di sintesi, ottenuti mediante operazioni di distillazione industriale, utilizzati come agenti plastificanti sia nella fabbricazione degli oggetti in cloruro di polivinile (PVC) che nella formulazione di alcuni prodotti cosmetici.I ftalati si trovano in molti prodotti di solito non elencate sulle etichette. Effetti sulla salute includono danni a difetti di nascita, reni, fegato, si nota una diminuzione del numero degli spermatozoi e lo sviluppo mammario in fase precoce in ragazzo e ragazza. Il Sodium lauryl sulphate (SLS) e Sodium laureth sulphate (SLES) sono tensioattivi (cioè sostanze che svolgono un’azione schiumogena, detergente, sgrassante, solubilizzante ed emulsio-nante) presenti comunemente in shampoo, bagnoschiuma, dentifrici e prodotti lavanti. Sono accusati di essere cancerogeni e di causare numerosi problemi, non solo all’uomo ma anche all’ambiente. Il Propilene/Butilene glicole è un  derivato del petrolio, solitamente è un ingrediente usato negli liquidi per freni. Rappresentano uno degli ingrediente idratante più usato nei cosmetici, dato anche il fatto che è meno caro della glicerina. Viene utilizzato nelle lozioni solari, lozioni da corpo, make-up, coloranti per cosmetici, può causare dermatiti , danni renali, anormalità epatiche. Il Toluene solitamente usato nei prodotti per le unghie e nelle lacche, il vapore può essere pericoloso, può alterare il fegato, i reni, il sistema sanguigno, il sistema nervoso centrale, causa irritazioni della pelle, degli occhi, del tratto respiratorio. Può essere assorbito attraverso la pelle. Anche lo Xilene viene usato nei prodotti per le unghie e nelle lacche, può causare irritazioni della pelle, del tratto respiratorio e danni epatici Il PPD, p-fenilenediamina, viene utilizzato come colorante per capelli e tatuaggi temporanei, usato nei coloranti scuri per capelli e nel nero di Henna, è connesso al cancro nei lavoratori che ne fanno uso,  irritante per la pelle e allergenico,  può causare gastrite, asma bronchiale. Paraffina, Paraffinum liquidum, Petrolatum, Cera microcristallina, sono derivati del petrolio, vengono usati per dare l’effetto “liscio e setoso” a capelli e pelle. Otturano i pori e soffocano il bulbo dei capelli, provocando dermatiti e calvizie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here