fbpx
composti chimici

Composti chimici e pesticidi presenti in sardine, acciughe e naselli del Mediterraneo

Composti chimici plastificanti e pesticidi presenti nelle carni di sardine, acciughe e naselli del Mediterraneo.

L’inquinamento da plastica è una minaccia crescente per gli ecosistemi marini a livello globale ( Eriksen et al., 2014 ; Worm et al., 2017 ) dove il Mar Mediterraneo si distingue come un’area notevolmente colpita. Gli organismi marini sono in grado di ingerire plastiche e microplastiche con potenziali perturbazioni a diversi livelli fisiologici. Oltre all’ingestione della plastica stessa, è una preoccupazione crescente l’accumulo di additivi e sostanze inquinanti per la plastica e la capacità di alcuni di questi di bioaccumularsi e/o biomagnificarsi

Questo è quanto emerso da una ricerca dell’Istituto di diagnostica ambientale e studio delle acque (IDAEA–CSIC) in collaborazione con l’Istituto di scienza del mare (ICM–CSIC) e dell’Istituto spagnolo di Oceanografía (IEO–CSIC). Il lavoro, pubblicato sulla rivista Environmental Pollution si è concentrato sugli esteri organofosfati, una famiglia di composti chimici largamente utilizzati nell’industria (per materie plastiche, tessili, mobili, ecc.). Queste sostanze costituiscono anche circa il 50% degli agenti letali nei pesticidi chimici.

Leggi anche—>Quando mangi cozze, gamberi e sale in realtà stai mangiando microplastica

L’effetto di questi composti è stato ampliamente dimostrato come tossico per il sistema endocrino e nervoso, con interferenza nel sistema riproduttivo e con effetti cancerogeni.

Lo studio

Nel presente studio sono state analizzate le concentrazioni di esteri organofosfati (OPE) plastificanti. Cinquantacinque campioni di pesce appartenenti a tre specie altamente commerciali, sardina europea (Sardina pilchardus), acciuga europea (Engraulis encrasicolus) e nasello (Merluccius merluccius), sono stati prelevati dal Mar Mediterraneo occidentale. Lo studio ha analizzato 55 campioni tra sardine, acciughe e naselli raccolti nell’area del Mediterraneo occidentale, in particolare nel Cabo de Creus, il Delta dell’Ebro, il Golfo di Valencia e il Golfo di Alicante.

Leggi anche—>Microplastiche nella placenta umana. La ricerca italiana evidenzia il problema

Tutti i pesci, tranne due naselli, hanno mostrato livelli di plastificante fino a 73 nanogrammi per grammo di muscolo. “In generale, le quattro aree studiate presentavano livelli di contaminazione simile, senza differenze significative tra loro, indicante un uso simile dei plastificanti in tutta l’area studiata”, indica il ricercatore dell’IDAEA- CSIC Ethel Eljarrat, autore principale dello studio.

Leggi anche—–>Non sono solo gli oceani: gli scienziati scoprono che la plastica inquina anche l’aria


Tuttavia, ci sono differenze tra le tre specie, con la sardina trovata con la più alta quantità di plastificanti, seguita da acciuga e nasello. “Queste differenze sono legate alle diverse capacità di acquisizione, bioaccumulo e metabolismo di ciascuna specie. I livelli più bassi trovati nel nasello, che è un predatore parziale di sardine e acciughe, suggeriscono che questi inquinanti non si bioaccumulino lungo la catena alimentare, poiché i livelli di contaminazione non aumentano da preda a predatore”, ha aggiunto Eljarrat.


La valutazione del rischio di questi contaminanti sulla salute umana indica che il consumo di questi pesci, di per sé, non rappresenta una minaccia. “In ogni caso, l’esposizione umana a questi inquinanti avviene attraverso diverse vie come ingestione di cibo (e non solo pesce), inalazione di aria negli ambienti interni ed esterni, o l’aspirazione di polvere, tra gli altri.
La somma di tutte queste fonti di esposizione potrebbe comportare qualche rischio per la salute degli esseri umani. Pertanto, è consigliabile ridurre al minimo l’esposizione questi plastificanti, riducendo l’inquinamento negli ecosistemi marini e impedendo un aumento dei loro livelli nei pesci”, dichiara Eljarrat.
Il problema della contaminazione da plastificanti non è solo un problema di salute umana, ma anche per gli stock ittici stessi.

composti chimici, pesticidi


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter