Farmaci alla ranitidina ritirati dal mercato

Ranitidina in farmaci per problemi gastrici ritirati dal mercato: anche il buscopan per rischio cancerogeno

Siamo all’ennesimo richiamo di prodotti medicinali ritenuti non sicuri e pericolosi per la salute. Se in estate ci si era concentrati su alcuni tipi di antibiotico, questa volta il problema è la ranitidina, un componente farmaceutico utilizzato per la composizione di prodotti per problemi gastrici e antiacido.

Il ritiro di numerosi lotti di prodotti è avvenuto dopo che la scorsa settimana era stata avviata una procedura d’indagine dall’EMA ( European Medicine Agency ) su iniziativa della Commissione Europea.

Nella lista dei prodotti ritirati rientra anche il più conosciuto Buscopan, il divieto è disposto “a scopo precauzionale” in attesa che vengano analizzati. Si tratta dei lotti di Buscopan Antiacido 75 mg compresse effervescenti numero 181379, 181379, 181381, 181382, 181380, 181383 con scadenza 01/05/2021; 744552 con scadenza 01/02/2020; 162521, 162522 con scadenza 30/09/2019; 170939, 170938, 170936, 170935, 170937 con scadenza 01/04/2020.

Le marche e i lotti dei farmaci con ranitidina ritirati

Sono in tutto 195 i lotti di farmaci contenenti il principio attivo ranitidina ritirati dal mercato. Nello specifico, si tratta di alcuni lotti di questi farmaci ( per vedere i numeri dei lotti controllare il sito AIFA nelle prossime ore ):

– RANITIDINA AUROBINDO ITALIA (150 MG E 300 MG)                                                                              –  RANITIDINA HEX (150 MG E 300 MG)
– RANITIDINA RATIOPHARM (150 MG E 300 MG)
– RANITIDINA MYLAN GENETICS 150 MG E 300 MG)
– RANIDIL SCIROPPO
– ZANTAC COMPRESSE (150 MG E 300 MG)
– ZANTAC FIALE 5 ML
– ZANTAC COMPRESSE EFFERVESCENTI (150 MG)      -ULCEX COMPRESSE E FIALE

 

Perchè questi farmaci sono stati dichiarati pericolosi

I prodotti sovracitati sono venduti in Italia sia come medicinale da prescrizione medica, sia come medicinale di automedicazione, in compresse, sciroppi o soluzioni iniettabili per uso endovenoso, per molte patologie gastriche tra le quali ulcere, gastriti e reflusso gastroesofageo.

Sotto accusa ci sono i prodotti dell’officina SARACA LABORATORIES LTD in India, a causa della presenza di un’impurità potenzialmente cancerogena. 

E’ stato giustamente utilizzato il principio di precauzione, in modo da ridurre al minimo i rischi per il paziente, limitando l’esposizione alla sostanza ritenuta dannosa. A scopo precauzionale, l’Aifa ha anche disposto il divieto di utilizzo di tutti i lotti commercializzati in Italia di medicinali contenenti ranitidina prodotta da altre officine farmaceutiche diverse da SARACA LABORATORIES LTD, in attesa che vengano analizzati.

sito produttore ranitidina
Dal sito del produttore si evince la grande produzione di ranitidina annua: 3600 tonnellate!

LEGGI ANCHE:

AIFA ritira antibiotico Axomicillina Sandoz

Protettori Gastrici provocano demenza: Lo studio

L’invito ai pazienti a non sospendere i trattamenti

L’Aifa consiglia i cittadini, se in trattamento con un medicinale a base di ranitidina prescritto dal medico, di non sospendere il trattamento, ma di consultare il medico il prima possibile per un trattamento alternativo (un altro medicinale diverso da ranitidina indicato nel trattamento delle condizioni in cui lo stomaco produce quantità eccessiva di acido).

Bisogna ricordare che la condizione di iperproduzione di acido gastrico è data soprattutto da un regime alimentare sbagliato, e può essere contrastato anche con rimedi naturali di cui abbiamo parlato a lungo, o mangiando alimenti per una dieta antiacido.

Associazioni consumatori chiedono chiarezza sul farmaco Ranitidina

L’associazione dei consumatori Codacons annuncia intanto di essere pronta all’azione ” a tutela dei pazienti italiani cui siano stati somministrati farmaci contenenti il principio attivo Ranitidina ora ritirati dal mercato”. L’associazione chiede inoltre al Ministero della salute di “accertare se vi siano stati ritardi o falle nei sistemi di sicurezza sui farmaci prima di giungere ai provvedimenti adottati oggi dall’Aifa”

Aifa, buscopan, EMA, ipergastritico, ranitidina, ritiro antiacido, ritiro farmaci per gastrite


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto