Home Allerte prodotti sul mercato Ecco come viene prodotto il prosciutto San Daniele: l’inchiesta shock porta al...

Ecco come viene prodotto il prosciutto San Daniele: l’inchiesta shock porta al sequestro di 300mila cosce

50653
4
prosciutto san daniele

Prosciutto crudo di Parma e San Daniele coinvolti in quella che può essere definita una vera e propria ‘Prosciuttopoli’, uno scandalo di enorme portata, ma di cui nessuno parla

Non ne parla quasi nessuno, eppure la portata della vicenda è enorme e riguarda alcune delle aziende più importanti in Italia per la produzione di prosciutto crudo. Ben 300mila cosce di prosciutto San Daniele sequestrate, per un valore di 90 milioni di euro.

Ecco le accuse avanzate nei confronti dei produttori.

Prosciutto San Daniele: se la coscia non è ciò che pensiamo

Cosce di prosciutto provenienti da maiali nati con il seme di Duroc danese. Altro che Made in Italy. È questa l’accusa avanzata alle aziende produttrici di Prosciutto crudo di Parma e San Daniele da parte della procura di Torino. Una vicenda che ha portato al sequestro di ben 300mila prosciutti e di 140 allevamenti di maiali. Non solo. I due istituti di certificazione che devono controllare il rispetto dei disciplinari sono stati commissariati per sei mesi dal Ministero delle politiche agricole per gravi irregolarità. L’Istituto Parma Qualità e Ifcq Certificazioni sono due enti incaricati di sovrintendere al rispetto dei disciplinari di quasi tutte le eccellenze agroalimentari italiane.

Le accuse avanzate contro le aziende coinvolte nello scandalo

La storia ha, purtroppo, radici lontane. Si pensa, infatti, che vada avanti dal 2014 e coinvolga diversi soggetti della filiera di produzione.

Associazione per delinquere finalizzata alla frode in commercio, falso, contraffazione dei marchi e truffa ai danni dell’Unione europea: le ipotesi di reato sono pesantissime. La frode in commercio è aggravata dall’utilizzo di capi con patrimonio genetico non ammesso dalla Disciplinare dei consorzi. In pratica, gli allevatori avrebbero usato razze di suini a crescita veloce non consentite, per avere vantaggi economici significativi.

Secondo quanto emerso dalle indagini, per inseminare le scrofe degli allevamenti italiani, sarebbe stato importato del seme di verro Duroc danese. Una pratica estremamente vantaggiosa, perché, in minor tempo e con meno mangime, genera bestie più prestanti, che rendono decisamente meglio sul mercato. Peccato che il verro italiano rappresenti proprio il fattore determinante per ottenere l’animale perfetto per il prosciutto crudo di Parma, il prosciutto San Daniele e anche il crudo di Cuneo. In fase di macellazione, infatti, la muscolatura poco matura degli animali ottenuti dal verro Duroc determina un livello di grasso sottocutaneo insufficiente, con un prodotto più magro rispetto a quello tipico del prodotto Dop.

Questa pratica sarebbe iniziata circa quattro anni fa, ma si è diffusa velocemente in molti allevamenti situati nel Nord Italia. In un anno di indagini, gli allevatori indagati sono diventati più di cento e i capi sequestrati ormai diverse migliaia.

Leggi anche: Prosciutto pieno d’acqua e aromi chimici? Per il governo è legale

Una situazione gravissima di cui nessuno parla

Purtroppo, nonostante la portata della notizia, sono pochissime le testate che stanno dando risalto a quello che Il Fatto Alimentare definisce una vera e propria “Prosciuttopoli”.

Loading...

Il massiccio sequestro e l’eliminazione del marchio su circa 300mila cosce di prosciutto sta mettendo in ginocchio il settore. È stato dichiarato fuori norma circa il 10% della produzione nazionale. Stiamo parlando di 90 milioni di euro di fatturato.

Trattandosi di una frode commerciale, non ci sono ripercussioni sulla salute dei consumatori, ma il livello dello scandalo è enorme, trattandosi di due eccellenze alimentari italiane.

Il Consorzio del prosciutto di Parma di fronte allo scandalo ha dichiarato che «nessuna coscia dei maiali provenienti dagli allevamenti coinvolti è diventata né diventerà Prosciutto di Parma ed eventuali cosce in stagionatura sono state facilmente identificate e, se del caso, distolte dal circuito».

I due enti certificatori commissariati, accreditati per controllare le fasi di allevamento e stagionatura, invece, preferiscono non rilasciare dichiarazioni ufficiali.

Una delle tante prove che alcune derrate alimentari che vengono considerate ” di pregio ” sono spesso oggetto di truffe e di mancati controlli.

Gli sviluppi dell’inchiesta aggiornati ad agosto 2018

Tirando le somme, la procura chiude l’inchiesta con 103 indagati e sequestri per 27 milioni; i prodotti non potevano essere marchiati e fregiarsi del marchio DOP. Si stia che questo tipo di truffe sia andato avanti per circa 10 anni prima di venire a galla in questo scandalo nazionale..

Da ricordare che la frode non riguarda soltanto la genetica; gli investigatori sono giunti a conclusione che le aziende non in regola utilizzavano anche cibi vietati dalla legge. Questi allevatori infatti utilizzavano anche scarti di produzione industriali di pane, pasta, pizza e dolci..

La posizione del consorzio dei Prosciutto San Daniele e di Coldiretti

Il consorzio del Prosciutto San Daniele ha dichiarato l’intenzione di costituirsi parte civile per chiedere il risarcimento danni. Con una produzione di circa 3 milioni di cosce all’anno, questi produttori si sentono le prime vittime di un sistema delinquenziale che mette in dubbio la serietà di un collettivo produttivo di prima qualità in Italia..

Coldiretti dal canto suo chiede ai magistrati di Pordenone di fare chiarezza in tempi rapidi per tutelare un settore produttivo da un giro d’affari di 800 milioni che rappresenta uno dei simboli del made in Italy nel mondo..

 

 

4 COMMENTI

  1. Per non parlare del prosciutto nazionale poi chiamato Europeo prodotto in Romania, da maiali alimentati in ambienti dove il mercurio presente nelle acque é una costante. Viva l’Europa.

  2. ma quale shock e shock!? Semplicemente usavano una razza genetica non ammessa dal disciplinare della dop, come se invece di usare la fassona usavano la chianina. Tutto qui. Certo, tecnicamente è ‘frode’, non ci piove. Ma non è certo un attentato, men che meno un schock, poveretti che siete. Non l’avreste riconosciuto ne voi ne io, nel piatto….Nessun problema di salute, ma che cazzo fate, terrorismo?

    • Se non si è d’accordo con un titolo, perchè insultare? poveretti saranno altri, sicuramente i poveri di testa sono quelli che oramai sono disposti a tutto pur di assecondare la legge del denaro e del mercato. Lo shock riguarda la dimensione del sequestro e l’importanza del prodotto come un’eccellenza del made in italy. Di fatto il 10% di tutto il fatturato SAN DANIELE è tarocco. Per di più, non c’è solo un discorso di razza, ma se si è sforzato di leggere interamente l’articolo: ” investigatori sono giunti a conclusione che le aziende non in regola utilizzavano anche cibi vietati dalla legge. Questi allevatori infatti utilizzavano anche scarti di produzione industriali di pane, pasta, pizza e dolci.. “. ma se va bene a lei, allora buon prosciutto a tutti!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.