Home Allerte prodotti sul mercato Formaggio al tartufo contaminato e glutine non segnalato: gli ultimi richiami alimentari

Formaggio al tartufo contaminato e glutine non segnalato: gli ultimi richiami alimentari

419
0
CONDIVIDI
Formaggio al tartufo

Se siete appassionati di formaggio al tartufo o di patatine, attenzione ai prodotti che avete acquistato: potrebbero esserci delle sorprese.

E torna anche l’incubo fipronil nelle uova.

Scopriamo insieme i richiami alimentari di questa settimana.

Formaggio al tartufo contaminato ma non solo: i prodotti a cui prestare attenzione

Partiamo da un nuovo scandalo di uova contaminate che interessa Germania e Olanda. Nei giorni scorsi, è scoppiato un nuovo allarme di uova al fipronil, l’insetticida adoperato per combattere gli acari rossi e vietato negli allevamenti europei.

Sei Länder tedeschi hanno già ritirato dal mercato circa 73mila uova provenienti, si pensa, da un’azienda agricola biologica dell’Olanda.

Le uova contenenti tracce dell’insetticida sono state deposte tra il 17 maggio e il 4 giugno. Molte sono già state consumate.

Le autorità rassicurano: non ci sono pericoli, visto che i livelli di contaminazione sarebbero al di sotto dei limiti considerati rischiosi per la salute.

La contaminazione potrebbe essere dovuta alle attuali misure adottate per i timori di una nuova influenza aviaria. Gli animali, costretti al chiuso, potrebbero aver assimilato fipronil residuo nel terreno degli impianti in cui sono stati ricoverati.

Leggi anche: Non solo Fipronil: ecco gli ultimi alimenti (tossici) ritirati

Ritirate patatine Chipster

Passiamo, adesso, a un marchio noto, diffuso in Italia. In questi giorni, il Ministero della salute ha disposto il richiamo di alcune confezioni di patatine Cipster per la presenza di glutine non dichiarato in etichetta.

Il richiamo riguarda le scatole di cartone da 85 grammi con le date di scadenza 31/10/2018, 20/11/2018, 31/12/2018 e 31/01/2019. Le Cipster contaminate sono prodotte da Mondelez Italia nello stabilimento di Località Pedaggera 22, a Capriata d’Orba, in provincia di Alessandria. L’avviso è stato diffuso anche da Basko, Bennet, Cadoro, Carrefour, Decò, Coop e dalle catene Auchan e Simply.

Mondelez raccomanda ai consumatori celiaci e allergici al frumento di non consumare le patatine segnalate e di contattare il numero verde 800 055200 per avere informazioni aggiuntive.

Listeria nel formaggio al tartufo e altri richiami

Veniamo adesso all’ultima serie di richiami evidenziati da Il Fatto Alimentare e segnalati dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff).

In particolare, le segnalazioni riguardano tre prodotti: carne di pollame congelata dalla Polonia, contaminata da Salmonella, formaggio al tartufo dall’Italia, contenente Listeria, e fegato di mucca essiccato destinato all’alimentazione di animali domestici, anche questo contaminato da Salmonella.

Tra i prodotti diffusi sul nostro mercato che non implicano comunque un intervento urgente, ci sono anche una crema di patate e porri proveniente dall’Italia, contenente glutine, fichi secchi dalla Turchia infestati da larve e Salmonella in diversi alimenti destinati agli animali.

Trovate il resto delle segnalazioni a questo link.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.