fbpx
abusi sessuali minori

Abusi sessuali su minori online: il 2021 l’anno peggiore mai registrato

Il 2021 è stato l’anno peggiore mai registrato per abusi sessuali su minori online, afferma IWF. Questo quanto riportato dal The Guardian, nel Regno Unito. E’ in Italia come viene monitorata la situazione? Anche nel nostro paese la situazione non è meno allarmante.

Watchdog afferma che i bambini più piccoli sono stati presi di mira da predatori online su scala industriale durante il blocco.

La cura dei bambini su Internet è aumentata durante il blocco, secondo una nuova ricerca che ha rilevato un aumento di tre volte delle immagini di abusi sessuali online con bambini di età compresa tra i sette e i dieci anni.

La Internet Watch Foundation ha riportato il suo peggior anno mai registrato per abusi sessuali su minori online nel 2021 , confermando 252.000 URL contenenti immagini o video di bambini vittime di abusi sessuali, rispetto ai 153.000 dell’anno precedente . L’ente di beneficenza con sede nel Regno Unito ha affermato di aver assistito a un forte aumento di materiale autoprodotto – in cui i bambini vengono manipolati per registrare i propri abusi prima che vengano condivisi online – con l’aumento in più rapida crescita di tale materiale che si verifica tra i bambini di età compresa tra i sette e i dieci anni .

L’IWF ha affermato che l’aumento dei casi potrebbe essere collegato ai blocchi di Covid che hanno richiesto alle persone di rimanere in casa e hanno portato milioni di persone a trascorrere più tempo online . Ha affermato che i blocchi hanno portato i bambini sempre più piccoli a essere presi di mira su “scala industriale” dai toelettatori di Internet.

Leggi anche=====> Boom di prostituzione minorile a Roma: in aumento i casi tra i 10 e i 13 anni

“Gli esperti di sicurezza dei bambini affermano che i bambini più piccoli hanno fatto sempre più affidamento su Internet durante la pandemia e che trascorrere più tempo online potrebbe renderli più vulnerabili alle comunità di criminali che stanno cercando di trovare e manipolare i bambini per fargli registrare i propri abusi sessuali su telecamera. Il filmato viene quindi condiviso con altri criminali su Internet”, afferma il rapporto IWF.

Nel 2021, l’IWF ha segnalato 182.000 istanze di materiale autogenerato. Di questi casi confermati, 27.000 erano di età compresa tra i sette e i 10 anni, il che è più che triplicato il numero per il 2020. Una volta che l’IWF avrà confermato che le segnalazioni di abusi – in gran parte da parte del pubblico, della polizia, delle aziende tecnologiche o degli stessi analisti dell’IWF – sono autentici, vengono segnalati alle autorità dei paesi in cui hanno sede i server che ospitano il contenuto. L’IWF ha affermato che il gruppo di età più numeroso per materiale di abuso sessuale autoprodotto è rimasto tra gli 11 ei 13 anni, con 148.000 segnalazioni presentate all’organizzazione l’anno scorso.

“I bambini vengono presi di mira, avvicinati, accarezzati e maltrattati da criminali su scala industriale”, ha affermato Susie Hargreaves, amministratore delegato di IWF. “Così spesso, questo abuso sessuale si verifica nelle camerette dei bambini nelle case familiari, con i genitori completamente ignari di ciò che viene fatto ai loro figli da estranei con una connessione a Internet”.

Giovedì la Camera dei Comuni del regno Unito, discuterà una relazione di una commissione mista di parlamentari e colleghi sul progetto di legge sulla sicurezza online, che impone un dovere di diligenza alle aziende tecnologiche per proteggere i bambini dai contenuti dannosi, oltre a prevenire la proliferazione di contenuti illegali e attività come la pornografia infantile. Rispondendo alle cifre dell’IWF, il capo della politica online per la sicurezza dei bambini presso l’NSPCC, Andy Burrows, ha affermato che è “cruciale” che il disegno di legge sia rafforzato per prevenire la toelettatura online dei bambini.

I dati sono stati diffusi quando il governo del Regno Unito ha lanciato una nuova campagna di sicurezza online, Stop Abuse Together , per aiutare genitori e tutori a individuare i segni di abuso. Il ministro per la salvaguardia, Rachel Maclean, ha dichiarato: “Mantenere i bambini al sicuro è una delle massime priorità di questo governo e ci impegniamo a fare tutto il possibile per combattere la maggiore identificazione degli abusi sessuali sui minori online”.

abusi sessuali minori, minori online


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter