toner stampante nanoparticelle

Il toner della stampante emette nanoparticelle che causano cambiamenti genetici e problemi di salute

In un nuovo studio, la ricercatrice della WVU Nancy Lan Guo ha scoperto che l’esposizione a particelle aerodisperse emesse dalla stampante è correlata ai cambiamenti genetici e metabolici. Questi cambiamenti sono collegati a disfunzioni cardiovascolari, neurologiche e metaboliche.

Secondo questo nuovo studio della ricercatrice della West Virginia University, Nancy Lan Guo, le nanoparticelle microscopiche del toner che si diffondono dalle stampanti laser possono cambiare i nostri profili genetici e metabolici tanto da rendere più probabili alcune malattie. Le sue scoperte appaiono sull’International Journal of Molecular Sciences.

“I cambiamenti sono molto significativi dal primo giorno”, ha detto Guo, professore alla School of Public Health e membro del Cancer Institute.

Guo e i suoi colleghi hanno posizionati dei ratti per il test nella stessa stanza di una tipica stampante laser. I topi rimasero nella camera per cinque ore al giorno, per 21 giorni, mentre la stampante funzionava senza sosta.

È equivalente a un ambiente professionale. L’aspettativa di vita di un topo è di circa uno o due anni. Nella nostra vita, sarebbe più come quattro o otto anni di esposizione di cinque ore al giorno.

Periodicamente, i ricercatori hanno valutato le cellule polmonari e il sangue dei ratti per vedere se il loro materiale genetico fosse cambiato. Le valutazioni hanno avuto luogo ogni quattro giorni per 21 giorni. L’analisi comprendeva tutti i geni nel genoma del ratto.

Se qualcosa altera il materiale genetico di un ratto o di una persona, può interrompere il modo in cui le cellule producono le proteine. E la produzione di proteine ​​è cruciale per la vita stessa. Dal trascinamento di un carico di biancheria al piano superiore, al mantenimento di un battito cardiaco regolare, “facciamo tutto perché determinate proteine ​​funzionano in determinati modi”, ha detto la scienziata.

Le scoperte del team di Guo

Lei e il suo team hanno scoperto che un solo giorno di esposizione alle particelle di toner era sufficiente a disturbare l’attività dei geni associati al metabolismo, alla risposta immunitaria e ad altri processi biologici essenziali. Complessivamente, tenendo conto di tutti i 21 giorni di esposizione e test, i ricercatori hanno osservato cambiamenti genomici legati a disturbi cardiovascolari, neurologici e metabolici.

“Non voglio allarmare le persone”, ha detto Guo, “ma dovrebbero essere installati speciali controlli di ventilazione e di esposizione in locali in cui le stampanti laser sono utilizzate in modo intensivo, poiché la concentrazione di nanoparticelle rilasciate nell’aria durante la stampa e la copia il processo è fortemente correlato con le attività di stampa.

In particolare, c’è un gruppo che penso davvero dovrebbe sapere questo: le donne in gravidanza. Perché una volta che molti di questi geni sono cambiati, vengono trasmessi attraverso le generazioni. Non riguarda solo te.

I livelli metabolici rilevati dai ricercatori hanno rafforzato le loro altre scoperte. Gli stessi rischi per la salute indicati dai profili genetici erano implicati anche dai profili metabolici.

Le mutazioni genetiche sugli addetti alla stampa

Basandosi su questi risultati, Guo e i suoi colleghi hanno studiato i cambiamenti genomici che i lavoratori delle aziende di stampa di Singapore hanno subito. Per molti aspetti, i genomi dei lavoratori sono cambiati allo stesso modo dei genomi dei ratti. I risultati di questi lavoratori sono inclusi in un documento pronto per essere inviato per la pubblicazione.

“E sono molto giovani”, ha detto Guo. “Molti dei lavoratori variavano dai 20 ai 30 anni, e già abbiamo iniziato a vedere tutti questi cambiamenti.”

“Dobbiamo lavorare, giusto? Chi non ha una stampante al giorno d’oggi, a casa o in ufficio? Ma ora, se ho molto da stampare, non uso la stampante nel mio ufficio. Stampo nel corridoio.”

Finanziamenti: le ricerche riportate in questa pubblicazione sono state supportate dall’Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro e la Commissione per la sicurezza della protezione dei consumatori (1007514R) e dalla NTU-Harvard School of Public Health Initiative for Sustainable Nanotechnology (NTU-HSPH 17001). Il contenuto è di esclusiva responsabilità degli autori e non rappresenta necessariamente le opinioni ufficiali di NIOSH o NTU-HSPH. A PROPOSITO DI QUESTO ARTICOLO DI RICERCA SULLE NEUROSCIENZE.

Fonte:
West Virginia University
Contatti per i media:
Jessica Wilmoth – West Virginia University
Fonte
immagine : L’immagine è attribuita ad Aira Burkhart / West Virginia University.

Ricerca originale: accesso aperto
“Profilatura integrata di trascrittomica, metabolomica e lipidomica nel polmone, nel sangue e nel siero dei ratti per la valutazione dei rischi di malattie indotte dall’esposizione per inalazione di nanoparticelle emesse da stampanti laser”. Nancy Lan Guo et al.
Giornale internazionale delle scienze molecolari doi: 10.3390 / ijms202463482 .

L’immagine è accreditata ad Aira Burkhart / West Virginia University.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.