Home Rischi per la salute Thermos con amianto ritirati dal mercato. Succede a Belluno

Thermos con amianto ritirati dal mercato. Succede a Belluno

1564
0
CONDIVIDI

Thermos con amianto. Il Ministero della Salute ha lanciato nei giorni scorsi un allarme diretto ai consumatori e inerente la presenza di amianto in alcuni articoli da cucina.

Attenzione se avete acquistato thermos. Nei giorni scorsi, il Ministero della Salute ha disposto il ritiro dal mercato di una partita di thermos, a causa della presenza di amianto.

Come sappiamo, l’amianto è un minerale (un silicato) con struttura fibrosa utilizzato fin da tempi remoti per le sue particolari caratteristiche di resistenza al fuoco e al calore. Dichiarato cancerogeno già negli anni ’60, il suo uso è stato vietato nel nostro Paese ormai ventidue anni fa da una legge dello Stato (n. 257 del 1992).

L’oggetto da cucina, sequestrato dalle forze dell’ordine, è un Thermos da litri 1,4, esterno in plastica, con manico superiore a secchiello, destinato a contenere alimenti.

In questo caso, si legge nel comunicato, “il materiale con amianto è costituito da piccoli corpi di forma cilindrica di colorazione grigio biancastra costituiti da materiale fibroso compresso di amianto crisotilo posti nell’intercapedine del doppio involucro in vetro dei thermos, con funzione di distanziatori“.




L’oggetto riporta la marca DayDays e codice a barre numero: 8301182614705 ed è stato importato dalla Cina dalla società INTE di Padova.

Secondo le analisi effettuate mediante microscopia elettronica a scansione (SEM) eseguite dall’Arpa (Agenzia Regionale Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto del Dipartimento Provinciale di Verona), il rischio per i consumatori è di tipo chimico, visto che si potrebbe verificare la liberazione di fibre di amianto (cancerogeno per inalazione classe 1 IARC) in caso di rottura del contenitore in vetro.

Il Ministero della Salute ha disposto il ritiro del thermos e ricorda che in Italia l’importazione, la commercializzazione, nonché la produzione e l’esportazione di prodotti con amianto è vietata.

Nonostante ciò, come abbiamo visto, l’Italia ha continuato a importare ingenti quantità di amianto dall’India: solo nel 2012 le tonnellate di questo materiale pericoloso sono state 1040. Questo, almeno, stando a quanto evidenziato in un’inchiesta esplorativa, condotta dal magistrato che ha portato nelle aule dei tribunali i magnati dell’Eternit, il colosso nella produzione di manufatti in amianto.

(Foto: salute.gov)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here