pesticidi

Pesticidi: rischi maggiori di cancro al sangue e alla pelle negli agricoltori

Pesticidi: una valutazione dei dati disponibili sull’avvelenamento da paesi di tutto il mondo conclude che ogni anno ci sono circa 385 milioni di casi di avvelenamento acuto e che il 44% degli 860 milioni di agricoltori e lavoratori agricoli del mondo vengono avvelenati ogni anno. Gli avvelenamenti in tutto il mondo sono passati da 25 milioni nel 1990 a 385 milioni oggi.

In uno studio completo pubblicato recentemente, gli scienziati riferiscono che gli avvelenamenti da pesticidi nelle aziende agricole di tutto il mondo sono aumentati notevolmente dall’ultima valutazione globale di 30 anni fa. 

Sulla base di una valutazione dei dati disponibili sull’avvelenamento da paesi di tutto il mondo, i ricercatori concludono che ci sono circa 385 milioni di casi di avvelenamento acuto ogni anno, rispetto a una stima di 25 milioni di casi nel 1990.

Ciò significa che circa il 44% della popolazione mondiale che lavora nelle fattorie – 860 milioni di agricoltori e lavoratori agricoli – viene avvelenata ogni anno.

Le agricoltrici e le lavoratrici hanno un rischio maggiore di cancro del sangue e della pelle

Uno studio pubblicato su  Environment International  rileva tassi più elevati di vari tipi di cancro tra i lavoratori agricoli, con il mieloma multiplo (tumore del sangue) e il melanoma (tumore della pelle) che hanno un impatto sproporzionato sulle agricoltrici. Sebbene gli studi di ricerca colleghino il rischio di cancro a fattori genetici ed esterni (ad esempio, il fumo di sigaretta), vi sono prove crescenti  che l’esposizione ai pesticidi aumenta il rischio di sviluppare tumori comuni come il melanoma e tumori meno comuni come il mieloma multiplo, secondo quanto riportato da Beyond Pesticides la scorsa settimana.

Questo studio sottolinea l’importanza di comprendere come l’uso di pesticidi possa aumentare il rischio di malattie latenti, che non si sviluppano immediatamente dopo l’esposizione iniziale. I ricercatori osservano: “Data la grande dimensione della popolazione agricola in tutto il mondo e la presenza di vari potenziali rischi nel suo ambiente di lavoro, tali dati epidemiologici sono importanti per migliorare le misure di salute sul lavoro e garantire una migliore salute dei lavoratori”.

Altri studi sull’incidenza delle problematiche legate all’esposizione a medio e lungo termine

Leggi anche—>Trentino Alto Adige e pesticidi: la contaminazione dei frutteti si estende ai parchi giochi

La revisione sistematica degli avvelenamenti acuti non intenzionali da pesticidi è stata pubblicata a dicembre 2020 sulla rivista peer-reviewed BMC Public Health. L’articolo, intitolato “La distribuzione globale dell’avvelenamento acuto non intenzionale da pesticidi: stime basate su una revisione sistematica”, è la prima stima globale di questo tipo dal 1990.

“Questi risultati sottolineano l’urgenza di ridurre ed eliminare l’uso di pesticidi altamente pericolosi”, afferma Kristin Schafer, coordinatore del Pesticide Action Network (PAN) International . “Questi pesticidi stanno causando l’inaccettabile avvelenamento di coloro che producono il nostro cibo, ma anche effetti cronici sulla salute come il cancro e impatti ecologici come il collasso della biodiversità. Il tempo per l’azione globale è atteso da tempo “.

Lo studio ha rilevato che il maggior numero di casi di avvelenamento non mortale si è verificato nell’Asia meridionale, seguita dal sud-est asiatico e dall’Africa orientale. La più alta incidenza a livello nazionale si è verificata in Burkina Faso, dove quasi l’84% degli agricoltori e dei lavoratori agricoli subisce ogni anno avvelenamenti acuti non intenzionali da pesticidi.

Si stima che le morti totali in tutto il mondo per avvelenamenti non intenzionali da pesticidi siano circa 11.000 all’anno. Quasi il 60% dei quali si verifica in un solo paese, l’India, indicando gravi problemi con l’uso di pesticidi, secondo i ricercatori.

Leggi anche —> La scomparsa delle lucciole: tra le ragioni pesticidi, inquinamento e cementificazione

“Gli avvelenamenti da pesticidi sono una crisi di salute pubblica che deve essere affrontata”, ha affermato Sarojeni Rengam, Direttore esecutivo di PAN Asia Pacific . “Oltre alla sofferenza immediata, gli avvelenamenti possono anche riflettere l’esposizione che causa effetti cronici sulla salute a lungo termine. È scioccante e vergognoso che questo problema sia peggiorato piuttosto che migliorato negli ultimi 30 anni “.

Gli autori del nuovo studio hanno condotto una revisione sistematica della letteratura scientifica pubblicata tra il 2006 e il 2018, selezionando un totale di 157 articoli dopo aver valutato oltre 800 articoli per l’idoneità in base a criteri stabiliti e dati aggiuntivi dal database delle cause di morte dell’OMS. I dati hanno riguardato 141 paesi in totale. La maggior parte degli studi si è concentrata sugli avvelenamenti professionali, in particolare di agricoltori e lavoratori agricoli.

Leggi anche —-> Glifosato e pesticidi trovati negli spaghetti: test e analisi 2020. La lista delle marche

“Ci rendiamo conto che ci sono limiti nei dati sugli avvelenamenti da pesticidi”, osserva Javier Souza, coordinatore del PAN America Latina . “Ma questo studio mostra chiaramente che si tratta di un grave problema globale che richiede un’azione immediata. I pesticidi altamente pericolosi devono essere gradualmente eliminati entro il 2030 per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile globali e dobbiamo passare a sistemi più sani e più resilienti come l’agroecologia. “

Leggi anche—-> Api e fiori: la storia d’amore più antica del mondo minata da cambiamenti climatici, pesticidi e distruzione degli habitat

Il numero stimato di avvelenamenti non fatali non intenzionali da pesticidi nel presente studio è significativamente maggiore rispetto alle stime precedenti. Ciò è in parte dovuto al fatto che l’attuale studio copre un numero maggiore di paesi e anche perché c’è stato un aumento dell’81% nell’uso di pesticidi dal 1990 (si stima che nel 2017 siano state utilizzate circa 4,1 milioni di tonnellate di pesticidi in tutto il mondo). I ricercatori sottolineano la sottostima per spiegare le stime relativamente basse di vittime. La sottostima è anche un problema per gli avvelenamenti da pesticidi in generale, poiché molti sistemi di segnalazione specifici per paese mancano di un punto centrale di segnalazione o mancano di un meccanismo legale che richieda la segnalazione degli incidenti.

Leggi anche—->I pesticidi tossici sono le principali fonti di reddito dei 5 big dell’agrofarma

Gli autori concludono che il pesante fardello degli avvelenamenti non intenzionali non mortali da pesticidi, in particolare per agricoltori e lavoratori agricoli, mette a fuoco l’attuale pregiudizio politico verso concentrarsi solo sulle vittime e la necessità di affrontare più seriamente il problema generale dell’avvelenamento da pesticidi a livello internazionale e nazionale politiche e regolamenti.

glifosato, pesticidi


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter