malattie cognitive

Malattie cognitive causate dall’aria inquinata. Lo studio

In tutto il mondo sono in aumento i casi di malattie cognitive. È un’epidemia che gli scienziati stanno indagando febbrilmente nel tentativo di trovare cause e soluzioni. 

Un  recente studio suggerisce che i marcatori di alcune malattie cognitive sono presenti nel cervello di giovani che sono costantemente esposti all’aria inquinata. Gli argomenti trattati riguardano malattie cognitive, inquinamento e cambiamento climatico.

Lo studio

Lo studio è stato condotto da ricercatori di diverse università e centri di ricerca scientifica in tutto il mondo. L’investigatore principale era Lilian Calderón-Garcidueña, affiliata all’Università del Montana e all’Università della Valle del Messico.

La ricerca è stata condotta a Città del Messico, dove hanno partecipato 186 giovani. L’età dei partecipanti variava da 11 mesi a 27 anni.

Probabilmente i ricercatori hanno scelto questa città perché, nel 1992, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha nominato Città del Messico come la città con l’aria più inquinata del mondo. Da allora il governo della città ha compiuto passi da gigante per ripulire l’inquinamento, ma la città è ancora fortemente inquinata. Inoltre, è la capitale del Messico e ha la più alta popolazione di tutte le città del Messico, il che rende la selezione dei partecipanti più versatile.

Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato il tronco cerebrale dei partecipanti. Hanno trovato marcatori per la malattia di Alzheimer, il morbo di Parkinson e la malattia dei motoneuroni (MND). Rispetto a un gruppo di giovani che viveva in un’area con aria meno inquinata, i ricercatori hanno scoperto che i giovani nell’aria meno inquinata non avevano i marcatori. Hanno concluso che l’esposizione a lungo termine a fumi e particelle pericolosi nell’aria da parte dei residenti di Città del Messico è ciò che ha portato i marcatori ad apparire nel loro cervello.

A seconda della malattia cognitiva di una persona, possono esserci farmaci per controllarla, ma queste malattie non hanno cura e i farmaci ritardano solo l’inevitabile. Qualsiasi progresso scientifico potrebbe forse aiutare a chiarire come affrontare questa crisi.

Questa ricerca indica in primo luogo un modo per prevenire la malattia e, ironia della sorte, non è una soluzione medica. La soluzione è ambientale, che indica allo scienziato i problemi del cambiamento climatico, dell’inquinamento, del riciclaggio e di altri problemi ambientali. Questi problemi sembrano ferire le persone tanto quanto feriscono la terra.

La Terra attraversa molti cicli di temperatura. Secondo la  NASA  , ci sono stati sette cicli di avanzamento e ritiro dei ghiacciai negli ultimi 650.000 anni. Quest’ultimo è iniziato con la fine dell’era glaciale che ha portato l’inizio della civiltà umana. La differenza tra i cicli precedenti e quello che si sta verificando ora è che i cicli precedenti erano dovuti a cause naturali perché le persone non erano presenti.

I gas serra sono responsabili del cambiamento climatico perché intrappolano il calore del sole nell’atmosfera terrestre. Sebbene questi gas possano essere presenti naturalmente, le persone sono responsabili degli alti livelli di gas serra che attualmente affliggono l’atmosfera. In effetti, la NASA afferma che l’anidride carbonica (uno dei numerosi gas serra) è 250 volte superiore rispetto ai cicli precedenti a causa dell’attività umana. Alcuni dei modi in cui le persone provocano l’aumento dei gas serra sono i fumi delle automobili, l’uso di bombolette aerosol, il rapido esaurimento delle foreste e altro ancora.

Oltre all’anidride carbonica, gli altri gas serra sono:

  • vapore d’acqua
  • metano
  • clorofluorocarburi
  • ozono
  • ossido nitroso

Malattie cognitive e gas Serra

L’aumento delle temperature non è l’unica conseguenza di avere livelli concentrati di gas serra nell’atmosfera. Quello che devi capire sui gas serra è che sono come una coperta che circonda la terra. Ciò significa che nulla sfugge, l’inquinamento è intrappolato nell’aria. Questo è il motivo per cui molte città sembrano così inquinate.

In effetti, alcuni gas serra si trasformano in inquinamento. Ad esempio, quando l’ozono si scompone, viene convertito in radicali liberi che danneggiano gli esseri umani e gli animali a livello cellulare.

Un altro esempio sono i risultati dell’inalazione di alti livelli di vapori di anidride carbonica. Questo può portare a malattie respiratorie. Inoltre, fa respirare meno ossigeno, che può danneggiare il cervello e il sistema cardiovascolare. Sfortunatamente, l’anidride carbonica costituisce oltre l’80% dei gas serra nell’aria inquinata.

Tornando allo studio, il punto era che l’aria inquinata porta a  malattie cognitive  . Ciò significa che il cambiamento climatico e i gas serra stanno contribuendo a questo problema. In effetti, potrebbe anche essere la causa principale del problema, anche se sarebbero necessarie ulteriori ricerche per verificarlo.

Aria inquinata e piante: il collegamento

Secondo gli studi, i tre inquinanti atmosferici più dannosi per le piante sono gli ossidi nitrici, l’ozono e l’anidride solforosa. Le piante possono assorbire questi inquinanti, il che provocherà cambiamenti a livello fisiologico. Questi cambiamenti possono portare a una crescita stentata o mutata.

Le foglie delle piante possono essere carenti di clorofilla a causa di un fenomeno chiamato clorosi. Ciò è causato dall’ozono. Le piante hanno bisogno della clorofilla per la fotosintesi, il processo che consente loro di produrre cibo ed energia dal sole. Se le piante non possono fotosintetizzare, le foglie (e alla fine la pianta) moriranno.

I vapori dei veicoli e altri inquinanti atmosferici possono ritardare la fioritura o annullarla. Una pianta esposta all’aria inquinata deve utilizzare tutte le sue risorse per sopravvivere, quindi non può dedicarne nessuna alla fioritura. Ciò è particolarmente vero per gli impianti nelle aree urbane dove la concentrazione di inquinamento atmosferico è molto più alta.

Anche le radici delle piante possono essere colpite. I gas serra come l’anidride solforosa possono causare piogge acide. Questa pioggia viene quindi assorbita dal suolo e il livello di acidità del suolo aumenta. Ciò può causare un impoverimento di batteri e sostanze nutritive nel terreno che aiuta le piante a prosperare.

Il motivo per cui questo problema è importante è ovvio. Gli esseri umani dipendono dalle piante per il cibo e l’aria. Senza di loro, le persone moriranno sicuramente. Tuttavia, non dovrebbero essere prese in considerazione solo le colture nelle aziende agricole. Una diminuzione della crescita delle piante selvatiche e non commestibili può sconvolgere il delicato equilibrio della catena alimentare naturale.

L’interruzione di questo equilibrio colpisce tutte le creature viventi. Anche con gli esseri umani in cima alla catena alimentare, sconvolgere questo equilibrio può avere effetti devastanti sull’approvvigionamento alimentare. Gli animali che le persone mangiano dipendono dalle piante che vengono contaminate. Ciò significa che, senza queste piante, la popolazione animale inizia a diminuire. Anche gli insetti avranno meno cibo da mangiare e ci sono molti animali che dipendono dagli insetti per il cibo.

Una considerazione ancora più importante è che gli esseri umani e gli animali potrebbero ingerire piante contaminate. Ciò significa che le persone ricevono una dose diretta di inquinamento nei loro corpi. Questo ci porta allo studio: le piante inquinate a causa dell’aria fumosa contribuiscono ai marker di malattia cognitiva dei partecipanti a Città del Messico. È una scommessa sicura che questo sta accadendo in tutto il mondo.

La cosa migliore che le persone possono fare è utilizzare studi come questo per apportare cambiamenti per le generazioni a venire. L’inquinamento atmosferico è qualcosa che le persone possono controllare. Devono solo unirsi e farlo. Molte aziende e gruppi hanno guidato il cambiamento. Si spera che questa rivoluzione prenda piede prima che vengano causati molti più danni.

aria inquinata, malattie cognitive


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.