malattie mentali

Lo studio collega l’esposizione dell’inquinamento atmosferico infantile a malattie mentali precoci in aumento

Uno studio multidecennale su giovani adulti, ha rilevato tassi più elevati di sintomi di malattie mentali tra coloro che sono esposti a livelli più elevati di inquinanti atmosferici legati al traffico, in particolare ossidi di azoto, durante l’infanzia e l’adolescenza.

Studi precedenti hanno identificato un legame tra l’inquinamento atmosferico e il rischio di disturbi mentali specifici, tra cui depressione e ansia, ma questo studio ha esaminato i cambiamenti nella salute mentale che abbracciano tutte le forme di disturbo e disagio psicologico associati all’esposizione agli inquinanti atmosferici legati al traffico.

I risultati, che appariranno il 28 aprile in JAMA Network Open, rivelano che maggiore è l’esposizione di un individuo agli ossidi di azoto durante l’infanzia e l’adolescenza, più è probabile che mostri segni di malattia mentale al passaggio all’età adulta, all’età di 18 anni, quando la maggior parte dei sintomi della malattia mentale sono emersi o iniziano a manifestarsi.

Il legame tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico e i sintomi della malattia mentale dei giovani adulti è modesto, secondo il primo autore dello studio Aaron Reuben, uno studente laureato in psicologia clinica alla Duke University. Ma “poiché le esposizioni dannose sono così diffuse in tutto il mondo, gli inquinanti atmosferici esterni potrebbero essere un contributo significativo al carico globale delle malattie psichiatriche”, ha detto.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima attualmente che 9 persone su 10 in tutto il mondo siano esposte ad alti livelli di inquinanti atmosferici esterni, che vengono emessi durante la combustione di combustibili fossili in auto, camion e centrali elettriche, e da molti produttori, smaltimento dei rifiuti, e processi industriali.

In questo studio, l’inquinamento atmosferico, un neurotossico, è risultato essere un fattore di rischio più debole per la malattia mentale rispetto ad altri rischi più noti, come la storia familiare di malattia mentale, ma era di uguale forza ad altri neurotossici noti per danneggiare la salute mentale, in particolare l’esposizione infantile al piombo.

In uno studio precedente nella stessa coorte, Helen Fisher del King’s College London’s Institute of Psychiatry, Psychology & Neuroscience, e coautrice e ricercatrice principale per questo studio, ha collegato l’esposizione dell’inquinamento atmosferico infantile al rischio di esperienze psicotiche nella giovane età adulta, sollevando la preoccupazione che gli inquinanti atmosferici possono aggravare il rischio di psicosi più avanti nella vita.

Se combinato con studi che mostrano un aumento dei ricoveri ospedalieri per molte malattie psichiatriche durante giorni di “scarsa” qualità dell’aria in paesi come la Cina e l’India, l’attuale studio si basa su scoperte passate per rivelare che “l’inquinamento atmosferico è probabilmente un fattore di rischio non specifico per la malattia mentale scritto in grande “, ha detto Fisher, che ha osservato che le esacerbazioni del rischio di malattie mentali possono manifestarsi in modo diverso nei diversi bambini.

I soggetti di questo studio sono una coorte di 2.000 gemelli nati in Inghilterra e Galles nel 1994-1995 e seguiti fino alla giovane età adulta. Hanno regolarmente partecipato a valutazioni di salute fisica e mentale e hanno fornito informazioni sulle comunità più grandi in cui vivono.

I ricercatori hanno misurato l’esposizione agli inquinanti atmosferici, in particolare gli ossidi di azoto (NOx), un inquinante gassoso regolamentato e il particolato fine (PM2,5), un inquinante aerosol regolamentato con particelle sospese di diametro inferiore a 2,5 micron, modellando la qualità dell’aria intorno alle case dei membri dello studio all’età di 10 e 18 anni utilizzando modelli di dispersione nell’aria di alta qualità e dati forniti dall’Inventario nazionale delle emissioni atmosferiche del Regno Unito e dall’inventario delle emissioni del traffico stradale del Regno Unito dell’Imperial College. È stato riscontrato che il 22% dei membri dello studio ha avuto un’esposizione a NOx che ha superato le linee guida dell’OMS e l’84% ha avuto un’esposizione a PM2,5 che ha superato le linee guida.

Il team di ricerca, con sede presso l’IoPPN di Duke and King, ha anche valutato la salute mentale dei partecipanti all’età di 18 anni. Sintomi associati a dieci diversi disturbi psichiatrici: dipendenza da alcol, cannabis o tabacco; disturbo della condotta e disturbo da deficit di attenzione / iperattività; depressione maggiore, disturbo d’ansia generalizzato, disturbo da stress post-traumatico e disturbo alimentare; e i sintomi del disturbo del pensiero correlati alla psicosi – sono stati usati per calcolare una singola misura della salute mentale, chiamata fattore psicopatologico, o “fattore p” in breve.

Più alto è il punteggio del fattore p di un individuo, maggiore è il numero e la gravità dei sintomi psichiatrici identificati. Gli individui possono anche differire sulla loro salute mentale in sotto-domini della psicopatologia, che raggruppano i sintomi di angoscia o disfunzione che si manifestano in modi esternamente visibili (problemi esternalizzanti, come il disturbo della condotta), vissuti in gran parte internamente (problemi di interiorizzazione, come l’ansia), e tramite deliri o allucinazioni (sintomi del disturbo del pensiero). Gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute mentale sono stati osservati in questi sottodomini della psicopatologia, con i legami più forti con i sintomi del disturbo del pensiero.

Unici per questo studio, i ricercatori hanno anche valutato le caratteristiche dei quartieri dei bambini per tenere conto delle condizioni di vicinato svantaggiose che si associano a livelli di inquinamento atmosferico più elevati e un maggiore rischio di malattie mentali, tra cui deprivazione socioeconomica, degrado fisico, disconnessione sociale e pericolosità. Sebbene i livelli di inquinamento atmosferico fossero maggiori nei quartieri con condizioni economiche, fisiche e sociali peggiori, l’adeguamento dei risultati dello studio per le caratteristiche del quartiere non ha alterato i risultati, né l’adeguamento per fattori individuali e familiari, come problemi emotivi e comportamentali dell’infanzia o socioeconomico familiare. stato e storia della malattia mentale.

“Abbiamo confermato l’identificazione di quello che è essenzialmente un nuovo fattore di rischio per la maggior parte delle principali forme di malattia mentale”, ha detto Reuben, “uno che è modificabile e su cui possiamo intervenire a livello di intere comunità, città e / o anche paesi . “

In futuro, il team di studio è interessato a saperne di più sui meccanismi biologici che collegano l’esposizione all’inquinamento atmosferico nella prima infanzia a un maggior rischio di malattie mentali nel passaggio all’età adulta. Prove precedenti suggeriscono che l’esposizione agli inquinanti atmosferici può portare a infiammazioni nel cervello, che possono portare a difficoltà nella regolazione di pensieri ed emozioni.

Mentre i risultati sono più rilevanti per i paesi ad alto reddito con livelli moderati di inquinanti atmosferici esterni, come gli Stati Uniti e il Regno Unito, ci sono anche implicazioni per i paesi in via di sviluppo a basso reddito con una maggiore esposizione all’inquinamento atmosferico, come Cina e India. “Non sappiamo quali siano le conseguenze sulla salute mentale di esposizioni molto elevate all’inquinamento atmosferico, ma questa è un’importante questione empirica che stiamo indagando ulteriormente”, ha detto Fisher.

inquinamento atmosferico, malattie mentali


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto