interferenti endocrini e coronavirus

Il collegamento tra interferenti endocrini e Coronavirus: l’accusa degli scienziati

Interferenti endocrini e Coronavirus: 6 mesi dopo l’epidemia di Covid-19, è già chiaro che l’inquinamento ambientale è responsabile di una parte delle centinaia di migliaia di decessi Covid-19 in tutto il mondo. Ora gli scienziati stanno cercando di individuare come esattamente i prodotti chimici industriali rendano le persone più sensibili al coronavirus e quanta parte della colpa per la devastazione provocata dal nuovo coronavirus deve essere attribuita al settore che produce quei prodotti chimici.

Il legame tra Covid-19 e l’inquinamento atmosferico è particolarmente forte. Uno studio  che verrà pubblicato nel mese di luglio ha collegato sei inquinanti atmosferici in 120 città cinesi con casi di malattia virale. I ricercatori in Italia hanno anche dimostrato che l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico è “significativamente correlata ai casi di Covid-19” in un massimo di 71 province in quel paese. E uno studio che ha utilizzato i dati della California, che dovrebbe pubblicare in Environmental Research ad agosto, ha mostrato che gli inquinanti atmosferici PM2,5, PM 10, biossido di azoto, monossido di carbonio e anidride solforosa erano associati alle infezioni da coronavirus. Gli autori di quello studio hanno concluso che la riduzione dell’esposizione a questi inquinanti “contribuirà a sconfiggere COVID-19”.

Gli scienziati sono persino riusciti a misurare il danno preciso che un singolo aumento di microgrammi / metro cubo nell’inquinamento atmosferico ha su una popolazione che, secondo i ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health, è “un aumento dell’8% della mortalità per COVID -19 “.

Sebbene allarmanti, questi risultati non sorprendono, secondo Linda Birnbaum, ex direttore del National Institutes for Environmental Health Sciences e del National Toxicology Program, che si è dimesso lo scorso anno. “Tutto nella nostra salute è determinato dal nostro ambiente”, ha detto.

Interferenti endocrini e coronavirus

Oltre alla problematica legata agli inquinamenti atmosferici ci sono altre sostanze chimiche che ci rendono più vulnerabili al Coronavirus e si tratta degli interferenti endocrini, ftalati, bisfenolo A e B, e i PFAS.

L’esposizione a quantità anche minime di queste sostanze chimiche è stata collegata a condizioni che hanno dimostrato di peggiorare Covid-19. 

Questi interferenti endocrini oltre a creare problemi medici di altra natura impediscono al corpo di dare una risposta immunitaria sufficiente alle varie infezioni, virali o batteriche che siano.

Con la conoscenza pre-pandemica degli effetti delle singole sostanze chimiche e le mappe che dimostrano che Covid-19 sta devastando le aree inquinate, il passo successivo per i ricercatori è quello di capire come esattamente le sostanze chimiche rendono le singole persone più sensibili a Covid-19. 

Philippe Grandjean, uno scienziato danese che è stato il primo a dimostrare che i bambini con livelli di PFAS relativamente elevati presentavano deficit immunitari e avevano maggiori probabilità di contrarre infezioni respiratorie, ha già iniziato a provare a rispondere a questa domanda. Grandjean sta raccogliendo campioni di sangue di persone ricoverate in ospedale con Covid-19 – “solo poche gocce di siero da campioni di sangue rimanenti che non erano state utilizzate” – analizzandole per i livelli di PFAS e confrontandole con PFAS livelli ematici di persone infette dal coronavirus ma non ricoverate in ospedale.

“Abbiamo davvero bisogno di capire la connessione tra esposizioni a livello individuale e gravità Covid-19”, ha detto Grandjean. Pur notando che diversi contaminanti ambientali probabilmente aumentano il rischio di malattia, Grandjean ha espresso particolare preoccupazione per i composti PFAS perché possono rimanere nel corpo per anni e alcuni di essi tendono a concentrarsi nei polmoni. Grandjean, che sta conducendo le ricerche in Danimarca, spera di ottenere risultati dello studio entro l’anno.

Fonte https://theintercept.com/

Foto di Anna Shvets da Pexels


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.