Home Rischi per la salute Il fluoro inserito ufficialmente nell’elenco delle sostanze neurotossiche

Il fluoro inserito ufficialmente nell’elenco delle sostanze neurotossiche

86615
4
CONDIVIDI

Disabilità dello sviluppo neurologico, tra cui l’autismo, disturbo da deficit di attenzione, iperattività, dislessia e altri disturbi cognitivi, colpiscono milioni di bambini in tutto il mondo. In alcuni casi si parla addirittura di un aumento dei casi.

Le sostanze chimiche che danneggiano il cervello in via di sviluppo sono tra le cause più note di questo aumento di disturbi cognitivi. Pensiamo ad esempio al piombo, o al mercurio.

Nel 2006, a seguito di una revisione sistematica, gli scienziati sono riusciti a individuare cinque sostanze chimiche industriali a cui sono state riconosciute proprietà neurotossiche durante il periodo dello sviluppo dei bambini: il piombo, il metilmercurio, bifenili policlorurati, arsenico, e toluene.

Dal 2006 in poi, questo elenco è aumentato, aggiungendo alla lista sostanze non soltanto non considerate nocive, ma addirittura prescritte per la prevenzione di altri disturbi.

Ad affermarlo un team di esperti che ha condotto uno studio di revisione, pubblicato sulla rivista The Lancet Neurology nel marzo 2014. Lo studio è il risultato della collaborazione tra l’Università della Danimarca meridionale, Harvard School of Public Health e Icahn School of Medicine presso il Monte Sinai.

Dal 2006, gli studi epidemiologici hanno documentato altre sei sostanze neurotossiche pericolose per il cervello nel periodo dello sviluppo: manganese, fluoro, clorpirifos, diclorodifeniltricloroetano, tetracloroetilene, e gli eteri di difenile polibromurati.

Come si può notare, con quest’ultimo studio, anche il fluoro è finalmente stato inserito in maniera riconosciuta tra le sostanze neurotossiche, pericolose per la salute umana.

Nel corso del tempo, in realtà, si sono susseguiti diversi studi che hanno palesato il sospetto di pericolosità di questa sostanza. Nel nostro blog, ne abbiamo parlato diverse volte.

Abbiamo visto, ad esempio, come inizialmente si pensasse che un supplemento di questa sostanza aiutasse a prevenire la carie. Come ad esempio si sia sperimentata addirittura la fluorizzazione dell’acqua, cioè l’aggiunta di composti del fluoro all’acqua, senza effettivi benefici.

Anche se in effetti le persone ingeriscono solo dosi relativamente piccole di questa sostanza, il fluoro si accumula nel corpo e si accumula negli anni. Con degli effetti che sono tutt’altro che benefici.

Uno studio condotto in Cina, ad opera di alcuni ricercatori del Department of Pathology della Nanjing University School of Medicine, avrebbe accertato ad esempio lo sviluppo di un quoziente intellettivo più basso, nei bambini che abitavano in zone maggiormente esposte a fonti di fluoruro.

Sono molti i Paesi che stanno rimuovendo il fluoro dall’acqua potabile. In Europa la pratica della fluorizzazione, ad esempio, è cessata nel 97% dei Paesi che ne fanno parte. Questa ricerca rafforza la loro decisione.

Secondo gli autori dello studio, è impensabile che prodotti chimici non testati siano considerati a prescindere sicuri per la salute umana. Uno degli autori, il dottor Philippe Grandjean, chiede ad esempio il miglioramento degli standard di regolamentazione per i prodotti chimici comuni.

Secondo gli esperti, infatti, ci sono ancora altre sostanze neurotossiche che possono essere scoperte e per controllare la pandemia di neurotossicità per lo sviluppo, è indispensabile che si intervenga a livello internazionale.

Per quanto riguarda gli effetti nocivi del fluoro per la salute umana, comunque, secondo un altro studio, pubblicato sulla rivista Pharmacognosy,  esisterebbe una spezia che può proteggere in maniera naturale da questo composto: http://ambientebio.it/i-pericoli-neurotossici-del-fluoro-e-la-curcumina-come-soluzione/

(Foto: jhoc)

4 COMMENTI

  1. Come giustamente si sottolinea nell’articolo, è da anni che nell’uso del fluoro si conosce il “Qualcosa che non va”. Il consiglio degli esperti è stato, di conseguenza, quello d’impiegarlo con moderazione anche per evitare gli effetti legati alla fluorosi. Ma la vera ed enorme assurdità permane il continuare a fregarsene, da parte dei cosiddetti organi istituzionali, del famoso “Principio precauzionale” il quale asserisce, in sintesi, che non si possa attuare o mettere in commercio un qualcosa di cui non si rimanga sicuri della mancanza di effetti negativi sull’uomo. A questo punto ci ritroviamo con farmaci e sostanze chimiche diffuse per anni, ed anche parecchi, prima di “scoprire” che facciano male. Nel frattempo vi sono stati guadagni, mazzette e altri intrallazzi vari alla faccia della scienza seria e, per l’appunto, del principio precauzionale. Quanto meno ci si potrebbe augurare in condanne di tipo penale o civile però, com’è ormai risaputo, è meglio sorvolare sul piccolo dettaglio tanto chi pagherà: nessuno.

  2. Oltre al fluoro ed alla fluorizzazione indiscriminata ed incontrollata dell’acqua, dobbiamo ricordare la clorizzazione e la dispersione in atmosfera di composti quali bario, alluminio, manganese e stronzio (neurotossici) con le ben note operazioni di geoingegneria. Tutti mezzi per rendere il ‘gregge umano’ insensibile e poco intelligente?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here