fbpx
erbicida da glifosato

Erbicidi al glifosato: la richiesta del divieto immediato per la tutela dei lavoratori da parte dei sindacati UE

La Federazione europea dei sindacati dell’alimentazione, dell’agricoltura e del turismo (EFFAT) ha chiesto un divieto immediato degli erbicidi a base di glifosato e di altri pesticidi nocivi.

In un comunicato stampa , l’EFFAT ha dichiarato: “La protezione della salute dei lavoratori agricoli è la priorità numero uno dell’EFFAT. L’EFFAT chiede un divieto immediato del glifosato nel processo di rinnovo, che terminerà nel 2022. L’EFFAT chiede inoltre maggiori investimenti nella promozione di alternative all’uso del glifosato e di altri pesticidi nocivi e sollecita una governance chiara incaricata di una transizione graduale con il coinvolgimento dei sindacati. Occorre tutelare i posti di lavoro esistenti e crearne di nuovi di qualità.

“La nuova posizione adottata sulla questione risponde all’impegno dell’EFFAT per un’agricoltura più sostenibile che è alla base, tra l’altro, di accordi di libero scambio con requisiti vincolanti di rispetto dei più elevati standard ambientali e sociali, investimenti nelle competenze dei lavoratori, protezione sociale e ricerca e sviluppo verso gestione sostenibile dei parassiti.

“Poiché esistono prove sufficienti sui rischi relativi all’uso del glifosato per i lavoratori, la salute umana e la biodiversità, l’EFFAT chiede il divieto immediato del glifosato come principio attivo nei prodotti erbicidi nel processo di rinnovamento che dovrebbe concludersi nel 2022. Il principio di precauzione dovrebbe guidare le valutazioni dell’EFSA e dell’ECHA.

“Se si vuole fissare un periodo di transizione, dovrebbe essere il più breve possibile e valere solo per casi limitati nell’uso professionale, mentre per usi in aree pubbliche, giardini privati, binari ferroviari, disseccamento e tutti i casi in cui la lotta integrata ( IPM) può essere utilizzato, il divieto dovrebbe applicarsi immediatamente. In ogni caso, dal 2024 non dovrebbe più esserci uso di glifosato in Europa.

Glifosato e pesticidi trovati negli spaghetti: test e analisi. La lista delle marche

“L’EFSA, l’ECHA e la Commissione europea dovrebbero svolgere la loro valutazione in modo trasparente e affidabile, libero dall’influenza dell’industria agrochimica. La tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori agricoli deve essere considerata come una delle priorità principali in tutta la valutazione scientifica che guiderà il processo. L’uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI) non dovrebbe avere una posizione di rilievo nella valutazione scientifica, poiché le prove dimostrano che i DPI non sono sempre disponibili e la loro efficacia è spesso sopravvalutata.

“Le alternative all’uso del glifosato e di altre sostanze chimiche dannose esistono già e devono essere ulteriormente promosse. Ciò include le pratiche agronomiche, il controllo meccanico e biologico delle infestanti, il pascolo degli animali e gli erbicidi naturali.

“Uno studio pilota di 13 settimane condotto dall’Istituto Ramazzini di Bologna nel 2019 dimostra che l’esposizione a erbicidi a base di glifosato dal periodo prenatale all’età adulta ha indotto effetti endocrini distruttivi e alterato i parametri di sviluppo riproduttivo nei ratti maschi e femmine. Un recente studio ha dimostrato che il glifosato agisce come un interferente endocrino in caso di esposizione durante la gravidanza.

“EFFAT sostiene gli ambiziosi obiettivi ambientali del Green Deal e della strategia Farm to Fork, compreso l’obiettivo di riduzione del 50% dell’uso e del rischio dei pesticidi entro il 2030.1 Tuttavia, agire esclusivamente a livello europeo non sarà sufficiente per proteggere la salute dei consumatori, salvaguardare i nostri ecosistemi e la biodiversità e prevenire l’erosione del suolo. Al contrario, potrebbe incidere sull’occupazione e sulla competitività del settore agricolo dell’UE. Una visione verso un’agricoltura più sostenibile senza glifosato e altre sostanze chimiche pericolose deve essere perseguita a livello globale. L’UE dovrebbe essere in prima linea in questo cambiamento radicale, poiché le decisioni prese nell’UE avranno un impatto sostanziale anche in altri paesi.

“Non è accettabile che i pesticidi nocivi già vietati nell’UE continuino a essere prodotti ed esportati dalle aziende agrochimiche europee. I prodotti alimentari prodotti utilizzando pesticidi vietati in Europa non dovrebbero entrare nel mercato dell’UE.

“Se l’UE adottasse un approccio diverso agli accordi di libero scambio (ALS), ciò potrebbe contribuire a costruire una visione più sostenibile per il settore agricolo. L’agricoltura e l’alimentazione richiedono sempre un’attenzione specifica nella negoziazione degli accordi di libero scambio, poiché la sostenibilità economica, sociale e ambientale di questi settori è fragile e facilmente perturbabile. Inoltre, il rispetto di pari standard ambientali e sociali deve essere una precondizione per avviare trattative”.

erbicida da glifosato


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter