carne rossa

La carne rossa aumenta il rischio di malattie cardiache: ecco gli studi che lo confermano

La carne, in particolare quella rossa, può aumentare il rischio di malattie cardiache. È quanto evidenziato da un recente studio condotto dal dottor Jacob Hunnicutt, insieme ai colleghi dell’Indiana University School of Public Health-Bloomington, Ka Lui e Pengcheng Xun, e pubblicato sul Journal of Nutrition.

Da tempo il consumo di carne è associato a una serie di rischi per la salute. Mangiarne grandi quantità, soprattutto carne rossa e molto lavorata, ad esempio, è associato al rischio di sviluppare il cancro all’intestino. Ora un nuovo studio suggerisce invece che consumare con ampia frequenza questo alimento può far aumentare del 57% il rischio di malattie coronariche e cardiache. La colpa sarebbe da attribuire a un tipo di minerale, contenuto soprattutto nella carne rossa e chiamato ferro eme.

Il problema della carne rossa e del ferro eme per il cuore

Il ferro, lo sappiamo, è un minerale essenziale per il corretto funzionamento dell’organismo. Non tutto il ferro però sembra essere uguale.

Nella carne, infatti, si trova nella forma eme e non-eme, quest’ultima presente anche nei vegetali.

carne rossa
Carni rosse: limitarne il consumo è senza dubbio un’ottima scelta per il nostro benessere

Il ferro eme è un tipo di minerale facilmente assimilabile, quello non-eme, invece è meno assimilabile, ma considerato più salutare. Depositi della forma eme del ferro sono stati associati a un aumento dei rischi cardiovascolari per le persone.

Lo studio condotto da Hunnicutt riprende un dibattito sull’associazione tra depositi di ferro nell’organismo e malattie coronariche che va avanti da decenni. Dibattiti e studi epidemiologici che, fino adesso, avrebbero fornito risultati inconsistenti.

Gli studiosi dell’Indiana University hanno condotto un’analisi revisionale su 21 studi precedenti e i dati relativi a 292.454 volontari esaminati: in media, 10,2 anni di follow-up.

I risultati dello studio sulle malattie cardiache

L’incrocio dei dati avrebbe mostrato come elevate dosi di ferro eme, assunte tramite carne rossa, rendano le persone maggiormente soggette a malattie cardiache e coronariche, con un conseguente aumento della percentuale del rischio di mortalità.

Secondo i ricercatori: “L’associazione positiva osservata tra ferro eme e il rischio di malattia coronarica può essere spiegata con l’elevata biodisponibilità del ferro eme e il suo ruolo come fonte primaria di ferro nei partecipanti. Il ferro eme viene assorbito a una velocità molto maggiore rispetto al ferro non eme: il 37% contro il 5%. Una volta assorbito, può contribuire quale catalizzatore nell’ossidazione delle LDL, causando un’infiammazione dannosa a carico dei tessuti, che è un potenziale fattore di rischio per la malattia coronarica”.

Gli studiosi evidenziano inoltre come i depositi di ferro aumentino nel nostro corpo con il passare del tempo. Il modo migliore per tutelarsi, suggeriscono, è ridurre la quantità di carne presente nella propria dieta ed effettuare regolari controlli medici. Ricerche future saranno necessarie per stabilire la relazione causale e per chiarire i meccanismi potenziali.

carne rossa
La carne rossa è definita come qualsiasi carne che proviene da muscoli dei mammiferi. Questo include carne di manzo, agnello, maiale, capra, vitello e montone.

La ricerca che punta il dito sulla carnitina

Una ricerca appena pubblicata sul giornale Nature Medicine punta il dito contro la carnitina, un composto fino ad ora poco studiato, presente nella carne rossa e in alcuni integratori alimentari e bevande energetiche.

Un team di ricercatori della Cleveland Clinic, in Ohio, ha dimostrato che i batteri presenti nell’apparato digestivo metabolizzano la sostanza in trimetilammina-N-ossido (TMAO), un enzima che favorisce la aterosclerosi, una forma cronica di arteriosclerosi.

Condotto su 2.595 pazienti, tra onnivori, vegetariani e vegani, lo studio ha inoltre rivelato che il consumo di carne aumenta la presenza dei batteri che metabolizzano la carnitina in TMAO, tanto che chi evita del tutto le proteine animali ha praticamente perso la capacità di digerire la sostanza. Tuttavia, chiarisce il Wall Street Journal, i medici non hanno ancora stabilito quale sia il limite nel consumo di carne per fermare il processo di produzione di TMAO.

Leggi anche:

Perchè si sta pensando ad una tassa sulla carne rossa

Fagioli VS Carne per proteggere il sangue dal colesterolo

OMS: Carne rossa cancerogena come fumo e amianto

Mangiare carne: è un danno per salute e ambiente

 

carne rossa, carne rossa fa male, carnitina, ferro eme, malattie cardiache, mangiare carne


Agnese Tondelli

La mia passione è sempre stata l'arte di creare con poco, e di riutilizzare le risorse per formare oggetti di nuova utilità. Per questo troverete numerosi articoli che riguardano il riciclo creativo e piccoli tutorial su come svolgere piccoli e grandi lavori domestici. Sono anche una mamma premurosa e mi piace dare dei consigli per vivere questo aspetto della nostra vita nel modo più naturale e sicuro possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto