pesticidi

I pesticidi stanno uccidendo tutti gli organismi del suolo che sono alla base della vita

Un nuovo studio pubblicato il 4 maggio dalla rivista accademica Frontiers in Environmental Science rileva che i pesticidi ampiamente utilizzati nell’agricoltura rappresentano una grave minaccia per gli organismi che sono fondamentali per la salute del suolo, la biodiversità e il sequestro del carbonio nel suolo per combattere il cambiamento climatico . Eppure quei danni non sono considerati dai regolatori statunitensi.

Lo studio, condotto dai ricercatori del Center for Biological Diversity, Friends of the Earth USA e dell’Università del Maryland, è la revisione più ampia e completa mai condotta sugli impatti dei pesticidi agricoli sugli organismi del suolo .

I ricercatori hanno compilato i dati di quasi 400 studi, scoprendo che i pesticidi hanno danneggiato gli invertebrati benefici che vivono nel suolo, inclusi lombrichi, formiche, scarafaggi e api nidificanti a terra nel 71% dei casi esaminati.

“È estremamente preoccupante che il 71% dei casi mostri che i pesticidi danneggiano in modo significativo gli invertebrati del suolo”, ha affermato la dott.ssa Tara Cornelisse, entomologa del Center for Biological Diversity e coautrice dello studio. “I nostri risultati si aggiungono all’evidenza che i pesticidi stanno contribuendo al diffuso declino degli insetti, come i coleotteri predacei benefici e le api solitarie impollinatrici. Questi risultati preoccupanti si aggiungono all’urgenza di frenare l’uso dei pesticidi “.

I risultati arrivano sulla scia di un recente studio pubblicato sulla rivista Science che mostra che la tossicità dei pesticidi è più che raddoppiata per molti invertebrati dal 2005. Nonostante il ridotto uso complessivo di insetticidi, le sostanze chimiche più comunemente utilizzate oggi, inclusi i neonicotinoidi , sono sempre più tossiche per benefiche. insetti e altri invertebrati. I pesticidi possono rimanere nel suolo per anni o decenni dopo essere stati applicati, continuando a nuocere alla salute del suolo.

Gli studi esaminati hanno mostrato impatti sugli organismi del suolo che andavano dall’aumento della mortalità alla riduzione della riproduzione, della crescita, delle funzioni cellulari e persino della ridotta diversità complessiva delle specie. Nonostante questi danni noti, l’Environmental Protection Agency non richiede che gli organismi del suolo siano presi in considerazione in alcuna analisi di rischio dei pesticidi. Inoltre, l’EPA sottovaluta gravemente il rischio dei pesticidi per la salute del suolo utilizzando una specie che trascorre tutta la sua vita fuori terra – l’ape europea – per stimare i danni a tutti gli invertebrati del suolo.

“Sotto la superficie dei campi coperti da colture monocolturali di mais e soia, i pesticidi stanno distruggendo le fondamenta stesse della rete della vita”, ha detto il dottor Nathan Donley, un altro coautore e scienziato presso il Center for Biological Diversity.

“Uno studio dopo l’altro indica che l’uso incontrollato di pesticidi su centinaia di milioni di acri ogni anno sta avvelenando gli organismi fondamentali per mantenere i suoli sani. Ma i nostri regolatori ignorano da decenni i danni a questi importanti ecosistemi “.

Gli invertebrati del suolo forniscono una varietà di benefici essenziali per l’ecosistema come i nutrienti ciclici di cui le piante hanno bisogno per crescere, la decomposizione di piante e animali morti in modo che possano nutrire nuova vita e la regolazione di parassiti e malattie. Sono anche fondamentali per il processo di conversione del carbonio. Poiché l’idea di ” agricoltura rigenerativa ” e l’utilizzo del suolo come una spugna di carbonio per aiutare a combattere il cambiamento climatico acquista slancio in tutto il mondo, i risultati di questo studio confermano che la riduzione dell’uso di pesticidi è un fattore chiave nella protezione dell’ecosistema degli invertebrati ingegneri che svolgono un ruolo critico ruolo nel sequestro del carbonio nel suolo.

“Le aziende di pesticidi cercano continuamente di rendere verdi i loro prodotti, sostenendo l’uso di pesticidi in un’agricoltura ” rigenerativa “o” intelligente per il clima ” “, ha affermato la dott.ssa Kendra Klein, co-autrice e scienziato senior di Friends of the Earth . “Questa ricerca infrange questa nozione e dimostra che la riduzione dei pesticidi deve essere una parte fondamentale della lotta al cambiamento climatico in agricoltura”.

“Sappiamo che le pratiche agricole come il raccolto di colture e il compostaggio costruiscono ecosistemi del suolo sani e riducono la necessità di pesticidi in primo luogo”, ha detto il coautore, il dottor Aditi Dubey dell’Università del Maryland. “Tuttavia, le nostre politiche agricole continuano a sostenere un sistema alimentare ad alta intensità di pesticidi . I nostri risultati evidenziano la necessità di politiche che supportino gli agricoltori ad adottare metodi di agricoltura ecologica che aiutino la biodiversità a prosperare sia nel suolo che fuori terra “.

Il documento di revisione ha esaminato 394 articoli pubblicati sugli effetti dei pesticidi su invertebrati non bersaglio che hanno sviluppo di uova, larve o immaturo nel suolo. Tale revisione ha riguardato 275 specie o gruppi unici di organismi del suolo e 284 diversi ingredienti attivi di pesticidi o miscele uniche di pesticidi.

La valutazione ha analizzato il modo in cui i pesticidi hanno influenzato i seguenti endpoint: mortalità, abbondanza, ricchezza e diversità, comportamento, marcatori biochimici, compromissione della riproduzione e della crescita e cambiamenti strutturali dell’organismo. Ciò ha prodotto un’analisi di oltre 2.800 “casi” separati per l’analisi, misurati come un cambiamento in uno specifico endpoint a seguito dell’esposizione di un organismo specifico a un pesticida specifico. È emerso che il 71% dei casi ha mostrato effetti negativi.

Gli effetti negativi sono stati evidenti negli studi di laboratorio e sul campo, in tutte le classi di pesticidi studiate e in un’ampia varietà di organismi del suolo ed endpoint. Insetticidi organofosfati, neonicotinoidi, piretroidi e carbammati, erbicidi ammide / anilidi e benzimidazolo e fungicidi inorganici hanno danneggiato gli organismi del suolo in oltre il 70% dei casi esaminati.

Gli insetticidi hanno causato il maggior danno agli invertebrati non bersaglio, con studi che mostrano circa l’80% degli endpoint testati influenzati negativamente in coleotteri, api solitarie che nidificano a terra, vespe parassite, millepiedi, millepiedi, lombrichi e primavere. Erbicidi e fungicidi erano particolarmente dannosi per lombrichi, nematodi e primavere.

concime, lombrichi, pesticidi


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto