pesticidi in francia glifosato agricoltura

Pesticidi in Francia: si può usare glifosato fino a 5mt dalle case

Le distanze minime di diffusione dei pesticidi saranno fissate a 5 e 10 metri dalle case, a seconda dei tipi di colture. Una legge che può innescare un dibattito esplosivo in un contesto di malcontento agricolo e preoccupazione ecologica.

Il governo ha deciso le distanze tra le aree di applicazione dei pesticidi e le case . Il decreto, atteso con impazienza, si applicherà dal 1 ° gennaio 2020 e confermerà, secondo un comunicato stampa dei dipartimenti della transizione ecologica, della sanità e dell’agricoltura, le distanze messe in consultazione pubblica in autunno e raccomandate dall’agenzia francese di sicurezza sanitaria (ANSES): cinque metri per le colture basse come ortaggi e cereali e dieci metri per colture alte, frutta o viti.

La distanza sarà aumentata a 20 metri per i prodotti “più pericolosi” , che tuttavia rappresentano solo circa lo 0,3% delle sostanze attive utilizzate. Il famoso glifosato, attorno al quale la controversia sui prodotti fitosanitari è stata cristallizzata con “ordini anti- pesticidi “ emenati da dozzine di sindaci e sistematicamente contestati dallo Stato, non è uno di questi.

25 milioni per sostenere gli agricoltori

Inoltre i 5 e 10 metri possono essere ridotti con esenzioni, fino a 5 metri per l’arboricoltura e 3 per “viticoltura e altre culture” , tranne nei pressi di stabilimenti che accolgono “persone vulnerabili” (scuole, ospedali, la pensione …).

Tali deroghe richiederanno l’uso di attrezzature a spruzzo dotate di speciali dispositivi “anti-drift”. Proposti dagli utenti di prodotti fitosanitari (organizzazioni agricole o gestori dell’infrastruttura come la SNCF, un grande utilizzatore di glifosato per diserbare i binari), devono essere sottoposti a consultazione pubblica e convalidati dai prefetti.

Verrà inoltre fornita una dotazione di 25 milioni per “sostenere gli agricoltori nella riduzione dell’uso dei prodotti fitosanitari” e le superfici già seminate non saranno interessate fino al 1 ° luglio 2020.

Braccio di ferro tra sindacati agricoli e ambientalisti

“Siamo determinati a rafforzare la protezione della salute delle popolazioni che vivono vicino alle aree di coltivazione […], così come quella degli agricoltori. Il governo intende anche facilitare il dialogo tra agricoltori, residenti locali e funzionari eletti locali”.

Queste le parole con cui si è espresso il ministro dell’Ambiente Élisabeth Borne in un comunicato stampa.

Questa decisione tanto attesa è stata oggetto di una resa dei conti tra i principali sindacati agricoli e ambientalisti. Il primo ha denunciato una forma di agro-bashing , il secondo ha denunciato il peso delle “lobby agricole e dell’industria fitosanitaria .

Il governo assicura, come il ministro dell’agricoltura Didier Guillaume, citato nel comunicato stampa, di fare affidamento sullo “stato delle conoscenze scientifiche attualmente disponibili” . E mette in evidenza i “progressi” rappresentati dal semplice fatto di avere limitazioni, presenti in “pochissimi paesi in Europa” (Slovenia, Italia o alcuni Lander tedeschi).

La decisione non è consensuale

In ottobre è stata lanciata una consultazione pubblica su Internet, durata un mese e che ha raccolto oltre 53.000 opinioni. Opinione che, secondo fonti governative, ha solo confermato che “la decisione non è consensuale” . La pubblicazione del loro riassunto – richiesta dalle organizzazioni ambientaliste – dovrebbe essere fatta contemporaneamente al testo sulle distanze.

Ma già i critici stanno licenziando. La ONG Générations Futures, molto coinvolta in questo fascicolo, ha annunciato “di studiare tutte le possibilità di appello” e ha denunciato “misure che non placheranno in alcun modo le situazioni locali” .

La Fondazione Nicolas Hulot ha criticato le decisioni che “non affrontano le sfide della salute pubblica e della protezione ambientale , mentre France Nature Environnement ha denunciato un “regalo di Natale avvelenato” .

“Una Non-Vittoria” per la FNSEA

Le associazioni ambientaliste criticano dalla sua parte “la sordità del governo sull’emergenza sanitaria e ambientale” , mentre la Confédération paysanne denuncia le decisioni di “liberare il governo dalla sua responsabilità di proteggere la popolazione” e rivendica ” una vera politica pubblica per l’uscita dal sistema dei pesticidi .

Per Éric Thirouin, vice segretario generale di FNSEA, “questa non è una vittoria” . Viene evidenziato un “fraintendimento totale della misurazione di distanze incomprimibili di 20 metri, che è il doppio di quanto previsto” . I membri dell’Unione “si incontreranno all’inizio dell’anno per definire una strategia”, ha aggiunto. L’unione delle industrie fitosanitarie UIPP da parte sua non ha voluto reagire.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto