biberon

Nuovo studio: i biberon rilasciano milioni di particelle microplastiche

I biberon commerciali emettono enormi quantità di microplastica. Un nuovo studio suggerisce che i bambini ingeriscono più di un milione di minuscole particelle di plastica al giorno in questo modo.

Il polipropilene plastico (PP) è molto utilizzato, il materiale plastico è utilizzato principalmente per l’imballaggio. Ma anche i biberon per neonati sono molto spesso realizzati in materiale termoplastico. Ciò può avere effetti collaterali indesiderati, come hanno dimostrato ora i ricercatori dell’Università di Dublino.

Microplastiche piovono letteralmente sugli abitanti delle città

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista “Nature Food”, e il team ha studiato la potenziale esposizione dei bambini alle microplastiche derivanti dal consumo di latte artificiale preparato in biberon (IFB) in polipropilene (PP).  I prodotti a base di polipropilene sono comunemente usati per la preparazione e la conservazione degli alimenti, ma la loro capacità di rilasciare microplastiche è poco conosciuta. 

Etilene per sterilizzare biberon: centinaia di migliaia i bimbi italiani a rischio

Viene dimostrato che i PP IFB rilasciano microplastiche con valori fino a 16.200.000 particelle per litro. Studi di scenario hanno mostrato che la sterilizzazione con PP IFB e l’esposizione all’acqua ad alta temperatura aumentano significativamente il rilascio di microplastiche. 

Biberon con Bisfenolo A venduti in Africa e provenienti da Paesi in cui sono vietati

Un test a 21 giorni di PP IFB ha mostrato fluttuazioni periodiche nel rilascio di microplastiche. Per stimare la potenziale esposizione globale ai bambini fino a 12 mesi, abbiamo esaminato 48 regioni, trovando valori che vanno da 14.600 a 4.550.000 particelle pro capite al giorno, a seconda della regione. Valori altissimi!!

I neonati ingeriscono 300 volte più plastica degli adulti

Per le loro indagini, gli scienziati hanno riempito dieci fiale di polipropilene disponibili in commercio con acqua calda a 70 gradi e le hanno agitate per 60 secondi. Ciò corrisponde alle linee guida dell’OMS per la preparazione di alimenti per bambini asettici. I ricercatori hanno quindi filtrato il contenuto attraverso una membrana e hanno contato le particelle di plastica trovate.

La cifra rilevata è drasticamente alta se confrontata con le stime dello scorso anno, che presumono che un adulto ingerisca solo circa 600 particelle microplastiche al giorno. Ciò significherebbe che un bambino ingerisce più di 300 volte più particelle di plastica di un adulto. E anche se il suo peso corporeo è molte volte inferiore, il che aumenterebbe ulteriormente la percentuale.

Microplastiche in frutta e verdura. Lo studio

Il motivo principale per cui si sospetta che le bottiglie in polipropilene rilascino così tante microplastiche è che vengono regolarmente riempite con liquidi caldi e agitate allo stesso tempo.

Suggerimenti per non far assorbire microplastiche ai nostri figli

  • Se vuoi che tuo figlio prenda meno plastica possibile, dovresti usare un biberon di vetro .
  • Nel caso di bottiglie in polipropilene, gli scienziati raccomandano di lasciar raffreddare le bottiglie dopo la sterilizzazione e poi di risciacquarle tre volte con acqua fredda bollita. Il latte deve anche essere mescolato separatamente in un recipiente privo di plastica (con acqua a 70 gradi Celsius) e solo successivamente versato nella bottiglia di PP quando ha raggiunto la temperatura di consumo.
  • I ricercatori sconsigliano inoltre di riscaldare il latte già miscelato direttamente nella bottiglia.
  • Se possibile, non utilizzare un fornello in plastica o con un coperchio di plastica per riscaldare l’acqua, poiché anche questi rilasciano microplastiche.

Fonte https://www.oekotest.de/

biberon, microplatiche


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.