utero artificiale

Utero artificiale: ricercatori olandesi hanno ricevuto 2,9 milioni di euro per sviluppare il progetto

Il progetto di utero artificiale, sviluppato dall’Università di Eindhoven, circonda il bambino con liquidi e fornisce ossigeno e sostanze nutritive attraverso il cordone ombelicale.

Il progetto: Utero artificiale

Il modello dei ricercatori dell’Università di Tecnologia di Eindhoven, fornirebbe ai bambini la respirazione artificiale. Tuttavia, a differenza degli attuali incubatori, l’utero artificiale sarebbe simile alle condizioni biologiche, con il bambino circondato da liquidi e che riceve ossigeno e sostanze nutritive attraverso una placenta artificiale che si collegherà al loro cordone ombelicale.

Il progetto è ambizioso e gli approcci sono problematici, secondo quanto sostiene Guid Oei, professore all’università olandese e ginecologo presso il vicino centro medico Maxima. I bambini prematuri non hanno ancora polmoni o intestini completamente sviluppati, il che significa che possono essere vitali tentativi di fornire ossigeno o sostanze nutritive direttamente a tali organi per evitare potenziali danni.

utero artificiale prof. Guid Oei
Il prof. Guid Oei con l’impressione di un artista che illustra come potrebbero apparire i prototipi dei grembi artificiali. Fotografia: Bart van Overbeeke

“Quando rimettiamo i polmoni sott’acqua, possono svilupparsi, possono maturare, ma il bambino riceverà l’ossigeno dal cordone ombelicale, proprio come nel grembo naturale”, ha detto.

Il team spera di avere un prototipo funzionante del loro grembo artificiale pronto per l’uso nelle cliniche entro cinque anni, il che significa che potrebbe essere il primo al mondo.

Secondo le stime, l’associazione Tommy , dichiara che i bambini nati prima di 22 settimane non hanno quasi nessuna possibilità di sopravvivenza, mentre a 22 settimane la probabilità aumentano appena del 10%. A 24 settimane i tassi di sopravvivenza aumentano a circa il 60%. Oei ha dichiarato che attualmente circa 1 milione di bambini in tutto il mondo muoiono a causa della prematurità, mentre quelli che sopravvivono sono a rischio di una serie di disabilità.

Leggi anche:

Rinoceronte estinto e fecondazione artificiale

Diagnosi pre-impianto

Fecondazione eterologa

Oei ha aggiunto che lui e i suoi colleghi stanno progettando di sviluppare il loro prototipo utilizzando repliche stampate in 3D di bambini umani che contengono una serie di sensori e che l’utero artificiale non sarà semplicemente un biobag di plastica, ma ricrea l’esperienza di essere nell’utero – compreso il suono del battito del cuore della madre.

“Quando si trovano in questo ambiente, sentono, vedono, odorano e sentono gli stessi suoni di quando sono nel grembo materno”, ha detto.

Elizabeth Chloe Romanis, un avvocato dell’Università di Manchester che si è occupata di bioetica e di creazioni artificiali, ha avvertito che la tecnologia solleverebbe domande, incluso su quali bambini dovrebbe essere testato, nonché le implicazioni a lungo termine della gestazione in un grembo artificiale.

“La legge tratta i feti e i bambini in modo molto diverso, quindi come si inserisce il soggetto dell’utero artificiale? È possibile spegnere l’utero artificiale, e in quali circostanze? ”, Ha detto, aggiungendo che ci sono anche domande su come una tale gestazione potrebbe essere vista dalla società, in particolare se diventa un’alternativa a una gravidanza“ naturale ”.

“È chiaro che le questioni legali ed etiche emergenti dalla tecnologia devono essere discusse ora, prima che l’utero artificiale diventi una realtà“, ha detto.

Foto https://geneticliteracyproject.org

 

grembo artificiale, nati prematuri, utero artificiale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto