Morbo di Alzheimer: nuova ricerca italiana scopre la molecola che fa regredire la malattia

Una nuova scoperta italiana potrebbe rivoluzionare gli studi e le cure per il morbo di Alzheimer. La ricerca aveva legato in passato la perdita di memoria alla produzione di dopamina, il neurotrasmettitore collegato ai disturbi dell’umore. Ora gli scienziati si stanno concentrando su cosa potrebbe interrompere il decorso di questa malattia degenerativa.

Morbo di Alzheimer: i numeri nel mondo

I dati sulla diffusione del morbo di Alzheimer sono forniti dall’Alzheimer’s disease International, federazione legata all’Organizzazione mondiale della Sanità. La malattia colpisce ben 47 milioni di persone in tutto il mondo.

Tuttavia, la cifra è destinata a salire e toccherà i 76 milioni di casi entro il 2050. Di fronte a questi numeri, gli scienziati di tutto il mondo sono uniti per cercare delle soluzioni. Il primo step da risolvere è scoprire quali sono le origini della malattia. Ed è qui che lo studio italiano apre degli orizzonti interessanti.

Alzheimer: la scoperta italiana

La novità sostanziale sta in una molecola, chiamata A13, che è stata in grado di bloccare la malattia nei topi, rigenerando e ringiovanendo le cellule cerebrali.

A coordinare i ricercatori sono stati Antonino CattaneoGiovanni Meli e Raffaella Scardigli in collaborazione con il Cnr, la Scuola Normale Superiore di Pisa e il Dipartimento di Biologia dell’Università di Roma Tre. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Cell Death and Differentiation.

Scoperta dai ricercatori della Fondazione Ebri “Rita Levi-Montalcini” una molecola che “ringiovanisce” il cervello bloccando l’Alzheimer nella prima fase: è l’anticorpo A13, che ringiovanisce appunto il cervello favorendo la nascita di nuovi neuroni e contrastando così i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia.

Caute speranze per un nuovo farmaco

Una strategia, secondo i ricercatori, che genera nuove possibilità di diagnosi e cura, con le dovute precauzioni date dall’attuale stato dell’arte.

Recentemente infatti, circa una mezza dozzina di aspiranti farmaci per l’Alzheimer provenienti da importanti case farmaceutiche (Lilly, Merck, Takeda, J&J, Pfizer) ha fallito, alcuni anche in fase avanzata di sperimentazione.

Fa eccezione Biogen che dopo aver gelato le tante aspettative riposte sul suo farmaco sperimentale Aducanumab, anticorpo specifico contro la proteina tossica “beta-amiloide” (principale indiziata nella demenza di Alzheimer) aveva chiuso anticipatamente il trial clinico in corso a causa di risultati deludenti.

Per poi ripensarci sostenendo che a un dosaggio maggiore l’anticorpo effettivamente funziona. E presenterà alla FDA i documenti per chiedere l’autorizzazione all’uso del farmaco, per la quale ci vorranno 1-2 anni.

LEGGI ANCHE: Greenpeace: pesticidi causa di tumori, Parkinson e Alzheimer. Il rapporto

Alzheimer, depressione, dopamina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto