microplastiche nella placenta

Microplastiche nella placenta umana. La ricerca italiana evidenzia il problema

Per la prima volta sono state rilevate microplastiche nella placenta umana, sono state trovate microplastiche in tutte le porzioni placentari: membrane materne, fetali e amniocoriali.

Lo studio – condotto in Italia, finanziato dal MIUR e pubblicato su Environment International – accende la luce sui livelli di esposizione alle microplastiche e i rischi di salute pubblica.

Cosa sono le microplastiche

Le microplastiche sono particelle di dimensioni inferiori a cinque millimetri derivanti dalla degradazione di oggetti in plastica presenti nell’ambiente. 

Le microplastiche possono spostarsi dall’ambiente agli organismi viventi, compresi i mammiferi. 

Nell’ultimo secolo, la produzione globale di plastica ha raggiunto 320 milioni di tonnellate (Mt) all’anno e oltre il 40% è utilizzato come imballaggi monouso, producendo quindi rifiuti di plastica. In Europa, la produzione di plastica ha raggiunto i 58 milioni di tonnellate nel 2014 ( PlasticsEurope, 2016 ). Il degrado che la plastica subisce quando viene rilasciata nell’ambiente è un problema serio. Gli agenti atmosferici, come le onde, l’abrasione, la radiazione ultravioletta e la fotoossidazione in combinazione con i batteri, degradano i frammenti di plastica in particelle micro e nanometriche. La maggior parte dei fondali in tutto il mondo e nel Mar Mediterraneo in particolare, è costituita da plastica, derivante dai rifiuti raccolti sulle coste e in mare ( de Souza Machado et al., 2018). Le microplastiche (MP) sono definite come particelle di dimensioni inferiori a 5 mm ( Hartmann et al., 2019 ). I MP non derivano solo dalla frammentazione di pezzi più grandi ma sono anche prodotti in queste dimensioni per usi commerciali. Nel è stata segnalata la presenza nel cibo, e in particolare nei frutti di mare, nel sale marino e nell’acqua potabile ( Schymanski et al. al., 2018 ), ma anche in ambienti potenzialmete non inquinati. All’interno dei tessuti, i MP sono considerati corpi estranei dall’organismo ospite e, come tali, innescano immunoreazioni locali. Inoltre, i parlamentari possono agire come vettori per altre sostanze chimiche, come inquinanti ambientali e additivi plastici, che possono essere rilasciati e sono noti per i loro effetti nocivi.

Microplastiche nella placenta

In questo studio, sei placente umane, raccolte da donne consenzienti con gravidanze fisiologiche, sono state analizzate mediante microspettroscopia Raman per valutare la presenza di microplastiche. In totale, sono stati trovati 12 frammenti microplastici (di dimensioni comprese tra 5 e 10 μm), di forma sferica o irregolare in 4 placente (5 nel lato fetale, 4 nel lato materno e 3 nelle membrane corioamniotiche); tutte le particelle di microplastiche sono state caratterizzate in termini di morfologia e composizione chimica. Raman Microspectroscopy è una tecnica vibrazionale ben valutata, ampiamente e con successo applicata in campo biomedico, per caratterizzare sia campioni biologici ( Notarstefano et al., 2020 , Notarstefano et al., 2019 ), sia per rilevare la presenza di microplastiche e microparticelle generale.

La placenta regola finemente l’ambiente fetale a quello materno e, indirettamente, a quello esterno, fungendo da interfaccia cruciale attraverso diversi meccanismi complessi ( PrabhuDas et al., 2015). La potenziale presenza di parlamentari artificiali in questo organo può danneggiare la delicata risposta di differenziazione tra sé e non sé ( Nancy et al., 2012 ) con una serie di conseguenze correlate sullo sviluppo dell’embrione che devono essere definite.

La provenienza delle microplastiche

Nello studio sono state analizzate in base ai vari pigmenti anche le fonti della contaminazione.

– iron idrossido ossido giallo è il pigmento utilizzato per la colorazione di polimeri (plastica e gomma) e in un’ampia varietà di cosmetici, come creme BB e fondotinta,

– ftalocianina di rame e ftalocianina vengono utilizzate per la colorazione di materiali plastici (cloruro di polivinile, polietilene a bassa densità, polietilene ad alta densità, polipropilene, polietilene tereftalato) e per pitture a dito,

– violanthrone è impiegato soprattutto per la tintura di tessuti (cotone / poliestere), prodotti di rivestimento, adesivi, fragranze e deodoranti per ambienti,

– blu oltremare trova applicazione principalmente nei cosmetici. Sapone, rossetto, mascara, ombretto e altri prodotti per il trucco.

I rischi per madre e figlio

La presenza di microplastiche nella placenta configura rischi preoccupanti, secondo i ricercatori. Considerata l’esiguità di ciascun campione placentare (23 g rispetto a un peso totale di circa 600 g), è inoltre plausibile che la contaminazione sia molto estesa.

Potenzialmente, i parlamentari, e in generale le microparticelle, possono alterare diverse vie di regolazione cellulare nella placenta, come i meccanismi immunitari durante la gravidanza, la segnalazione del fattore di crescita durante e dopo l’impianto, le funzioni dei recettori delle chemochine atipiche che regolano la comunicazione materno-fetale, la segnalazione tra l’embrione e l’utero e il traffico di cellule dendritiche uterine, cellule natural killer, cellule T e macrofagi durante la gravidanza normale. Tutti questi effetti possono portare a esiti avversi della gravidanza, tra cui preeclampsia e restrizione della crescita fetale ( Ilekis et al., 2016 ).

Conclusioni legate alle microplastiche nella placenta umana

In conclusione, questo studio getta nuova luce sul livello di esposizione umana a MP e microparticelle in generale. A causa del ruolo cruciale della placenta nel supportare lo sviluppo del feto e nell’agire come interfaccia tra quest’ultimo e l’ambiente esterno, la presenza di particelle (di plastica) esogene e potenzialmente dannose è motivo di grande preoccupazione. Possibili conseguenze sugli esiti della gravidanza e sul feto sono gli effetti transgenerazionali del plastificante sul metabolismo e sulla riproduzione ( Lee, 2018 ). Devono essere effettuati ulteriori studi per valutare se la presenza di MP nella placenta umana può innescare risposte immunitarie o può portare al rilascio di contaminanti tossici, risultando dannosi per la gravidanza.

gravidanza, microplastiche, microplastiche nella placenta


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto