batteri intestinali cibi crudi e cotti

Mangiare cibi cotti al posto di cibi crudi influenza i nostri batteri intestinali

Spesso, se pensiamo alla storia della cucina, identifichiamo nel momento fondamentale quello  in cui l’uomo ha messo per la prima volta la carne alla fiamma. Questo ha aperto un nuovo mondo di sapori e possibilità per conservare e preparare il cibo attraverso i secoli, ma ha sicuramente cambiato in maniera irreversibile la tipologia e l’attività dei nostri batteri intestinali.

Tuttavia, quando i nostri primi antenati umani hanno iniziato a cucinare cibo, potrebbe aver modificato in modo permanente il corso dell’evoluzione del microbioma umano.

Gli esseri umani sono coperti di batteri. Colonie di microrganismi si sono accampate nel nostro tratto gastrointestinale ( e questo influenza tutte le chiamate batteriche all’ipotalamo, e quindi le nostre voglie rispetto ai cibi ) , miliardi di batteri vivono sulla nostra pelle e tutti questi microbi compongono il microbioma collettivo.

L’importanza dei batteri intestinali

Gli studi hanno dimostrato che i batteri intestinali possono influenzare il rischio di depressione o aiutare con l’aumento di peso, e i ricercatori stanno lavorando per capire il ruolo importante che il microbioma svolge nella salute e nel benessere umani. 

In un nuovo studio, i ricercatori dell’Università della California, di San Francisco e della Harvard University hanno scoperto che il cibo cotto altera il microbioma di umani e topi.

“Il nostro laboratorio e altri hanno studiato come diversi tipi di dieta – come le diete vegetariane rispetto alle diete a base di carne – influenzano il microbioma”, ha dichiarato Peter Turnbaugh, autore principale dello studio. “Siamo rimasti sorpresi nello scoprire che nessuno aveva studiato la questione fondamentale di come la cottura stessa altera la composizione degli ecosistemi microbici nelle nostre viscere“.

carne alla griglia batteri intestinali

Il test tra cibi cotti e cibi crudi

Per lo studio, i ricercatori hanno alimentato diversi animali con una dieta a base di carne cruda, carne cotta, patate dolci crude e patate dolci cotte. C’era poca differenza tra i microbiomi degli animali trattati con carne cruda o cotta, ma con le patate dolci era una storia diversa.

Ci sono stati cambiamenti nella composizione e nell’attività genica dei microbiomi di quelli nutriti con patate dolci cotte.

Per confermare questi risultati, i ricercatori hanno nutrito topi con patate dolci crude e cotte, patate bianche, mais, piselli, carote e barbabietole.

LEGGI ANCHE: I 4 cibi da EVITARE per ridurre le INFIAMMAZIONI del nostro ORGANISMO
                                Sostanza CANCEROGENE nascoste negli alimenti: ecco quali sono
                                E’ la DIETA VEGETARIANA la migliore per il CERVELLO

Ancora una volta, le differenze nel microbioma legate a una dieta crudista rispetto a cibi cotti erano notevoli.

Cucina vegetariana e salute
Cucina vegetariana e salute: ecco un esempio di come si può imbandire una tavola senza usare carne o pesce.

Le conclusioni del gruppo di ricerca

Un tubero cotto consente a chiunque lo mangi di assorbire più calorie nell’intestino tenue, secondo i risultati i ricercatori. Alcuni cibi crudi, d’altra parte, hanno composti antimicrobici che possono danneggiare i batteri.

I ricercatori hanno analizzato i cambiamenti chimici che si sono verificati nelle piante cotte per vedere se questi fossero responsabili dei cambiamenti nei microbiomi.

Un piccolo gruppo di partecipanti umani è stato anche nutrito con una dieta a base di cibi crudi o cotti per tre giorni. I ricercatori hanno analizzato i campioni di feci dei partecipanti per vedere se le diete influivano sui microbiomi umani allo stesso modo dei topi. 

È stato emozionante vedere che l’impatto della cottura che vediamo nei roditori è rilevante anche per gli esseri umani, anche se è interessante notare che i dettagli su come il microbioma è stato influenzato differivano tra le due specie”, ha detto Turnbaugh. “Siamo molto interessati a fare interventi e studi più ampi e più lunghi sugli esseri umani per comprendere l’impatto dei cambiamenti dietetici a più lungo termine.”

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Microbiology.

Fonte: Earth.com

batteri intestinali, cibi cotti, cibi crudi, microbioma intestinale, microbiomi, studi su ratti e umani


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto