dieta mediterranea

La dieta mediterranea protegge la funzione cognitiva, sviluppa più massa muscolare e contrasta l’osteoporosi

La dieta mediterranea è tanto sana per il cuore quanto sembra essere utile per le ossa e i muscoli delle donne anziane; un nuovo studio sul post menopausa ci dice questo.

I ricercatori hanno riferito di aver trovato più massa ossea e massa muscolare nelle donne in post-menopausa che hanno scelto di una dieta mediterranea rispetto a quelle che non lo hanno fatto. 

Questo modo di mangiare come sappiamo comporta un’elevata assunzione di frutta e verdura, cereali, patate, olio d’oliva e semi; assunzione di pesce moderatamente alta; basso consumo di grassi saturi, latticini e carni rosse; e bere regolarmente, ma moderatamente, vino rosso.

La dieta mediterranea è stata collegata sia ad un importante apporto allo sviluppo della funzione cognitiva che a un minor rischio di malattie cardiache, diabete, cancro e altre malattie croniche. I risultati dello studio sono stati recentemente presentati all’ENDO 2018, il 100 ° incontro annuale della Endocrine Society a Chicago, Illinois.

La dieta mediterranea protegge la funzione cognitiva 

I ricercatori del National Eye Institute (NEI) hanno scoperto che una dieta sana di stile mediterraneo riduce il rischio di declino cognitivo . In particolare, gli esperti hanno trovato un forte legame tra la dieta mediterranea e una maggiore funzione cerebrale.

La principale autrice dello studio, la dott.ssa Emily Chew, è la direttrice della divisione NEI di epidemiologia e applicazioni cliniche.

“Non prestiamo sempre attenzione alle nostre diete. Dobbiamo esplorare in che modo l’alimentazione influisce sul cervello e sull’occhio “, ha affermato il dott. Chew.

La dieta mediterranea è nota per avere un ampio elenco di benefici per la salute protettivi, che vanno dalle malattie cardiache e la prevenzione del cancro all’aumento della longevità.

I ricercatori del NEI hanno iniziato a studiare i potenziali benefici cognitivi della dieta mediterranea. Si sono concentrati sugli effetti di nove componenti specifici della dieta, tra cui:

  • verdure
  • cereali integrali
  • pesce
  • legumi
  • noci
  • frutta
  • olio d’oliva
  • ridotto consumo di carne e alcol

Per l’indagine, i ricercatori hanno analizzato i dati di due importanti studi sulle malattie degli occhi, lo studio delle malattie degli occhi legate all’età (AREDS) e AREDS2. Questi sono stati progettati per analizzare l’effetto delle vitamine sulla degenerazione maculare legata all’età (AMD), che danneggia la retina sensibile alla luce. 

Complessivamente, oltre 8.000 partecipanti sono stati coinvolti negli studi AREDS e AREDS2, inclusa la maggior parte delle persone con AMD. I partecipanti hanno riferito ogni anno sul loro consumo medio di ogni componente della dieta mediterranea e la funzione cognitiva è stata valutata a diversi intervalli tra due e dieci anni dopo. 

Gli esperti hanno scoperto che i partecipanti con la più grande aderenza alla dieta mediterranea avevano il minor rischio di compromissione cognitiva. I maggiori effetti protettivi erano associati all’elevato consumo di pesce e verdure. 

Dopo 10 anni, gli individui con i più alti livelli di consumo di pesce hanno riscontrato il più basso tasso di declino cognitivo.

L’importanza dell’alimentazione e la novità degli studi sulla dieta mediterranea

Questo è un nuovo studio tra quelli disponibili sulla dieta mediterranea e sui suoi effetti sulla composizione corporea dopo la menopausa, ha detto il ricercatore capo dello studio, Thais Rasia Silva. 

Questa ricerca è importante, ha detto, perché la menopausa, con il suo calo di estrogeni, accelera la perdita di massa ossea di una donna, aumentando il rischio di osteoporosi e ossa rotte.

Inoltre, la menopausa e l’invecchiamento riducono la massa muscolare. Silva ha detto che la diminuzione della massa muscolare scheletrica e la forza delle persone anziane contribuiscono in misura maggiore a un aumento delle malattie, a una riduzione della qualità della vita e ad un più alto tasso di mortalità.

Il campo di ricerca

Silva e i suoi colleghi hanno condotto il loro studio in 103 donne sane del Brasile meridionale, che avevano un’età media di 55 anni e che avevano attraversato la menopausa 5,5 anni prima, in media.

Tutte le donne sono state sottoposte a scansioni ossee per misurare la loro densità minerale ossea, il grasso corporeo totale e la massa magra appendicolare, utilizzata per stimare la massa muscolare scheletrica.I soggetti hanno anche compilato un questionario alimentare su ciò che hanno mangiato nel mese precedente.

Più struttura ossea a disposizione delle donne

Un punteggio più elevato di dieta mediterranea (MDS), che significa migliore aderenza alla dieta mediterranea, era direttamente associato con una maggiore densità minerale ossea misurata alla colonna lombare e con una maggiore massa muscolare, ha riferito Silva. Questa associazione, ha detto, era indipendente dal fatto che le donne avessero utilizzato una terapia ormonale, se fossero state fumatrici o meno o riguardo al loro attuale livello di attività fisica, misurata indossando un contapassi per sei giorni.

La dieta mediterranea come strumento di prevenzione

“Abbiamo scoperto che la dieta mediterranea potrebbe essere un’utile strategia non medica per la prevenzione dell’osteoporosi e delle fratture nelle donne in postmenopausa“, ha detto Silva.

Dati i numerosi benefici per la salute della dieta mediterranea, Silva ha aggiunto: “Le donne in postmenopausa, specialmente quelle con ridotta massa ossea, dovrebbero chiedere al loro medico la possibilità di trarre beneficio dal consumo di questo schema alimentare“.

LEGGI ANCHE:http://www.ambientebio.it/rimedi-naturali/depurare-lorganismo-con-la-dietetica-cinese-integrata-alla-nostra-dieta-mediterranea/

benefici dieta mediterranea, estrogeni, massa muscolare, menopausa, osteoporosi


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.