Home Lavoro Andare a lavoro in bici, a piedi o col bus migliora la...

Andare a lavoro in bici, a piedi o col bus migliora la vita e l’ambiente lavorativo

1401
0
CONDIVIDI

Andare a lavoro in bici, a piedi o con i mezzi pubblici aiuta a essere più sereni e allegri in ufficio, anche se, spesso, prendere i mezzi pubblici può sembrare la cosa più stressante che esista al mondo! Parola dei ricercatori della Norwich Medical School, East Anglia Unversity

Secondo un’indagine condotta su 18mila pendolari inglesi e seguita dai ricercatori della Norwich Medical School, East Anglia Unversity, lasciare la macchina a casa e raggiungere il posto di lavoro con altri mezzi aiuta ad affrontare meglio i rapporti con i colleghi, a essere più sereni e a dormire meglio la notte.

L’indagine, pubblicata su Preventive Medicine, ha visto coinvolti 18mila pendolari inglesi di età compresa tra i 18 e i 65 anni. I soggetti dello studio sono stati seguiti per un periodo di osservazione di quasi 18 anni.

Durante questo lasso di tempo, il gruppo di ricerca ha analizzato vari aspetti della salute mentale delle persone coinvolte, tra cui il senso di inutilità, l’infelicità, le notti insonni e l’essere in grado o meno di affrontare i problemi.

Bicycle commuter

Per rendere ancora più attendibili i dati, sono stati presi in considerazione anche i numerosi fattori che in genere possono influenzare il benessere di un individuo, tra cui il reddito, l’avere dei figli, i cambi di casa o di lavoro e la relazione di coppia.

Il 73% del campione osservato andava a lavoro in automobile, il 13% a piedi e il 3% in bicicletta. L’11% usufruiva dei trasporti pubblici. Adam Martin, a capo della ricerca , ha così spiegato i risultati: “Chi si muoveva da sé, a piedi o in bici, aveva i livelli più elevati di benessere. Sorprendentemente abbiano osservato che anche chi usa il bus ha livelli più elevati di serenità e socializzazione di chi invece va a lavoro con la propria auto”.

Secondo i ricercatori, i risultati appaiono sorprendenti, soprattutto per ciò che riguarda i trasporti pubblici: “Si sarebbe potuto pensare che cose come l’interruzione di servizi o la folla di pendolari avrebbero potuto essere causa di notevole stress. Ma visto che autobus o treni offrono alle persone anche il tempo per rilassarsi, leggere, socializzare, e di solito c’è una passeggiata associata alla fermata dell’autobus o la stazione ferroviaria, questo sembra rallegrare la gente”.

Questi risultati contraddicono quanto riferito in un rapporto pubblicato a inizio 2014 dall’Office of National Statistics (ONS), in cui si dichiarava che coloro che camminano per recarsi al lavoro sono meno soddisfatti delle vita rispetto a chi guida l’auto.

Dati interessanti, che dovrebbero farci capire che scegliere di lasciare l’auto a casa per recarci al lavoro, oltre a fare bene all’ambiente, fa bene soprattutto a noi.

Tuttavia, ancora oggi, gran parte delle persone utilizza l’auto. La restante parte utilizza principalmente i mezzi pubblici e, per ultima, la bicicletta.

In particolare, sembra che i benefici di recarsi al lavoro in bici non si fermino soltanto a una maggiore serenità o a rapporti più distesi con i colleghi. Ad esempio, ne possiamo elencare altri otto:

  1. consente di tenere sotto controllo il peso corporeo: camminare in bici fa bruciare calorie;
  2. protegge il cuore: previene le malattie cardiovascolari;
  3. fa bene alla zona pelvica, perché attraverso la pompa muscolare delle gambe viene attivata la circolazione venosa;
  4. migliora il metabolismo muscolare senza danneggiare le articolazioni, come invece potrebbe accadere con la corsa;
  5. diminuisce il senso di affaticamento;
  6. allunga le aspettative di vita;
  7. fa bene all’ambiente, ma anche al giro di affari (pensiamo alla vendita al dettaglio di biciclette, alla manutenzione, alla fornitura di abbigliamento e accessori);
  8. rende più affascinanti!

E voi, come siete soliti raggiungere il vostro posto di lavoro?

(Foto in evidenza: audio-luci-store.it; foto interna: cyclingpix.net)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here