Inventata la bicicletta che purifica l'aria, pedalando

La bicicletta che filtra l’aria

Respirare aria pulita, con l’aiuto di una bicicletta. La strana, stranissima invenzione di un artista che potrebbe aiutare a combattere lo smog nelle città. Due volte

Gli amanti della bicicletta lo sanno: pedalare fa bene all’umore, aiuta a rimanere in forma, protegge il nostro cuore e allunga la vita. Non solo. La bici è un mezzo di trasporto alternativo che fa bene all’ambiente, perché riduce il traffico e le emissioni a esso collegate.

Tutti questi benefici, però, potrebbero essere vanificati dallo smog presente nell’aria delle grandi città. Un grosso problema a cui, però, qualcuno ha trovato una soluzione.

La bicicletta che “mangia lo smog”

L’idea appartiene a Matt Hope, un’artista che vive a Pechino, che ha trasformato la sua bicicletta in un dispositivo per purificare l’aria.

La sua creazione può essere definita come una sorta di “Breathing Bike”, dotata di un filtro antismog a basso costo e tecnicamente alla portata di tutti.

Per realizzare la sua invenzione, Hope ha adoperato un cestino traforato dell’Ikea, un casco, un filtro di un condizionatore domestico e una maschera da pilota di jet.

Come funziona il dispositivo?

Il filtro dell’aria è posto nella parte posteriore della bicicletta. L’intero sistema di purificazione dell’aria viene alimentato dall’energia prodotta da chi pedala. Si tratta di un meccanismo molto simile a quello presente nelle biciclette elettriche.

Una volta ricevuta l’energia che gli occorre, il filtro aspira l’aria dall’esterno, la ripulisce e la convoglia nella maschera del ciclista che così può respirare a pieni polmoni. Un ciclo continuo, che funziona fino a quando il ciclista pedala.

Il punto debole

Un’idea grandiosa, che potrebbe consentire agli amanti della bicicletta di pedalare, senza conseguenze negative sulla salute. Anche quando la qualità dell’aria non è tra le più ottimali.

Questa invenzione ha però un punto debole.

In caso di tempeste, la bicicletta può attirare i fulmini! Ma è comunque un’idea geniale.

Come abbiamo già detto in un precedente articolo, l’aria di Pechino è diventata irrespirabile. Un’invenzione simile diventa perfetta per una città dove, l’inquinamento è alle stelle e per muoversi in modo sostenibile, diventano necessarie invenzioni simili.



aria inquinata, bici antismog, bici filtra aria, Matt Hope, mobilità sostenibile


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter

[newsletter_signup_form id=1]