inquinamento acustico

Inquinamento acustico: 5 modi in cui può danneggiare la tua salute

Non è un segreto che l’inquinamento acustico può irritarti, graffiarti le orecchie e diventare in generale un grave fastidio. Ma oltre a darti fastidio, lo sapevi che l’inquinamento acustico può avere effetti terribili sulla tua salute?

Se è vero! Ci concentriamo molto su altre forme di inquinamento ambientale e su come ci danneggia. Ma spesso trascuriamo i pericoli nascosti dell’inquinamento acustico. Che tu ci creda o no, si tratta di qualcosa di più del rumore stesso.

Inquinamento acustico: 5 modi in cui può danneggiare la tua salute

1. STRESS

Se vivi in ​​una zona rumorosa, probabilmente sai già che l’inquinamento acustico quotidiano contribuisce al tuo stress. Ma sai quanto può accadere gravemente?

Per capire veramente la portata di questo, diamo uno sguardo alla ricerca commissionata da un produttore multinazionale di prodotti da isolamento. Sebbene la ricerca sia stata condotta nel Regno Unito, i suoi risultati possono essere applicati in tutto il mondo.

I risultati hanno rivelato che:

315.838 denunce di inquinamento acustico da parte di privati ​​sono state presentate entro un anno nel Regno Unito, con conseguente emissione di 8.069 avvisi di abbattimento.

-Più di 1,8 milioni di persone affermano che l’inquinamento acustico dei vicini ha causato “problemi” nelle loro vite, arrivando addirittura a dire che non possono godersi la vita domestica.

-Più di 17,5 milioni di persone (38% del Regno Unito) hanno subito l’inquinamento acustico causato da disturbi domestici in due anni.

-33% di coloro che hanno subito disturbi domestici e inquinamento acustico ha affermato che, in due anni, feste rumorose hanno causato livelli più elevati di stress e incapacità di dormire.

-9% di coloro che hanno subito disturbi domestici e inquinamento acustico, afferma che i disturbi che sentono vanno a stress continuo e di lunga durata.

-7% di coloro che hanno subito disturbi domestici a causa dell’inquinamento acustico afferma che questo è molto comune per loro.

Potresti pensare che un po ‘di stress non faccia male a nessuno, ma ti sbaglieresti. Lo stress può avere gravi effetti negativi sulla salute. I problemi che possono sorgere includono:

1.SISTEMA IMMUNITARIO

Lo stress sembra essere collegato a tutti i tipi di problemi di funzione immunitaria. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, è pacifico che lo stress acuto suscita una maggiore risposta conflittuale, che porta all’infiammazione e al rilascio di fattori immunitari. Quando questo tipo di stress diventa cronico o a lungo termine, può aumentare il rischio di malattia e peggiorare la sensibilità della risposta immunitaria.

· PROBLEMI DIGESTIVI

Lo stress può causare disturbi e problemi nel modo in cui l’intestino e il cervello comunicano. Questa preoccupazione può portare a problemi come bruciore di stomaco, ulcere e sindrome dell’intestino irritabile.

· PROBLEMI RESPIRATORI

Lo stress si traduce quasi sempre in cambiamenti nei modelli di respirazione e, a sua volta, questo può indicare problemi con il sistema respiratorio. Ciò è probabilmente dovuto a una costrizione delle vie aeree durante le risposte allo stress, che è tutt’altro che positiva per la capacità respiratoria.

· DOLORE CRONICO

Lo stress e la diminuzione del pensiero positivo che ne deriva sono stati collegati al rischio di dolore cronico, soprattutto quando si tratta di mancanza di supporto sociale. Problemi muscoloscheletrici di ogni tipo si riscontrano in coloro che devono affrontare uno stress regolare.

2. PERDITA DELL’UDITO

Per molte persone che devono affrontare uno stretto contatto con l’inquinamento acustico, problemi come la perdita dell’udito indotta dal rumore non sono rari. Questo problema coinvolge qualcosa chiamato perdita dell’udito neurosensoriale, che è quando le soglie di tono puro delle orecchie si spostano a un livello permanente o a lungo termine.

Questo tipo di perdita dell’udito può verificarsi a causa di una singola esperienza o di esperienze prolungate di inquinamento acustico. Questo può anche coincidere con lo sviluppo dell’acufene, di cui parleremo più avanti. Alcuni esempi di esposizione traumatica al rumore che può portare alla perdita dell’udito includono:

  • Il motore di un’auto si guasta.
  • Un’esplosione
  • Lavorare con macchinari molto rumorosi
  • Partecipare a rumorosi eventi pubblici come concerti o giochi sportivi

Secondo  il Manuale di audiologia clinica di Jack Katz, i cambiamenti di soglia dipendono dall’esposizione al rumore supportato. Principalmente, dipende dalla gravità del rumore e dalla durata dell’esposizione a questo inquinamento acustico. Un audiogramma e un intervallo possono misurare questi cambiamenti da 3000 a 6000 Hz. Sebbene nessuno di questi risultati sia positivo, 3000 Hz sarebbe considerato un cambiamento meno grave di 6000 Hz. La transizione più comune è a 4000 Hz.

L’American Tinnitus Association aggiunge anche che la maggior parte dei pazienti sperimenta la perdita a livello unilaterale, il che significa che perde quell’udito solo a una frequenza specifica; quella frequenza è solitamente la stessa della frequenza del rumore di trigger.

LEGGI ANCHE: Perchè fischiano le orecchie?

3. PROBLEMI E DISTURBI PSICOLOGICI

Poiché l’inquinamento acustico può irritarci, è logico che la salute mentale possa risentirne. Ecco alcuni studi che esaminano i problemi psicologici che devono affrontare coloro che sono esposti all’inquinamento acustico.

“Problemi di rumore, approcci selvaggi. Da “dimenticalo” alla violenza fisica “in The Journal of the Acoustical Society of America (1999). Questo studio ha trovato un collegamento tra contraccolpo e inquinamento acustico.

“Esposizione al rumore e salute pubblica” in Prospettive di salute ambientale (2000). Questo studio ha scoperto che esistono collegamenti causali tra disturbi psichiatrici (e altri effetti psicologici come benessere e disagio) e inquinamento acustico, indicando che anche ricerche precedenti hanno trovato questa relazione.

C’è una dipendenza dalla musica ad alto volume? Risultati in un gruppo di musicisti pop / rock non professionisti “in Audiology Research (2012). Questo studio ha scoperto che le persone possono sviluppare una grave dipendenza dall’ascolto di musica ad alto volume, qualcosa di comune tra i musicisti non professionisti. Questo documento indica la possibilità che tu diventi dipendente da alcuni tipi di inquinamento acustico.

“Uno studio longitudinale del disagio psicologico e dell’esposizione a promemoria del trauma dopo il terrorismo” in Psychological Trauma: Theory, Research, Practice, and Policy (2017). Questo studio esamina come le persone con disturbo da stress post-traumatico possano essere innescate negativamente da alcuni tipi di rumore.

4. TINNIO

L’acufene è una condizione che potresti aver visto nei film e nei media, ma che cos’è? Il deficit uditivo è solitamente la percezione del suono senza una vera fonte. 

C’è molto sull’acufene che ancora non sappiamo, principalmente la sua fisiopatologia. Nonostante ciò, la maggior parte delle ricerche suggerisce che l’inquinamento acustico e l’esposizione possono contribuire al suo sviluppo. Il tono degli acufeni che senti spesso corrisponde al tipo di rumore che lo ha causato. E tutti questi fattori possono eventualmente portare alla perdita dell’udito se l’inquinamento acustico fosse abbastanza grave.

La scienza classifica diversi tipi di acufene, come segue:

Tinnito SOGGETTIVO

Solo la persona interessata sente questo suono, non il medico o altre persone.

TARGET Tinnito

Altre persone oltre al paziente possono anche contrarre questo tipo di acufene. I medici possono anche ascoltarti con l’uso di uno stetoscopio.

Tinnito PULSANTE

Questo tipo di acufene è classificato dal rumore che fa nell’orecchio. Di solito è il risultato di tumori del glomo ed è per lo più trattato in modo positivo e non invasivo.

Tinnito NON PULSANTE

Questo tipo di acufene non ha un rumore pulsante. I pazienti spesso sentono suoni come ronzii, grilli o suoni del mare.

5. PROBLEMI CARDIOVASCOLARI

Sì, avete letto bene. Che tu ci creda o no, il rumore e i problemi cardiaci sono più strettamente correlati di quanto potresti pensare.

Di seguito sono riportati diversi articoli che trattano bene questo argomento:

“DISTURBO DA RUMORE SUL LAVORO E PRESSIONE SANGUIGNA: EFFETTI COMBINATI CON CONDIZIONI DI LAVORO STRESSANTI” NEGLI ARCHIVI INTERNAZIONALI SULLA SALUTE DEL LAVORO E DELL’AMBIENTE (1993).

Questo studio ha mostrato chiaramente come il fastidio e la mancanza di pensiero positivo dovuto all’inquinamento acustico abbiano avuto un effetto negativo sulla pressione sanguigna, portando infine a problemi cardiaci.

EFFETTI ENDOCRINI INDOTTI DA RUMORE E RISCHIO CARDIOVASCOLARE” SUL RUMORE E SULLA SALUTE (1999).

Questo studio ha indicato come l’invecchiamento del miocardio causato dallo stress causato dall’inquinamento acustico possa portare a un infarto miocardico o, in termini semplici, a un infarto.

“CAMBIAMENTI ORMONALI DELLO STRESS NELLE PERSONE ESPOSTE A RUMORI NOTTURNI SIMULATI” IN NOISE & HEALTH (2002).

Questo lavoro di ricerca ha mostrato come il rumore possa peggiorare i livelli di stress, in particolare con il rilascio dell’ormone cortisolo, che aumenta il rischio di infarto.

“IL RUMORE DEGLI AEREI INTORNO A UN GRANDE AEROPORTO INTERNAZIONALE E IL SUO IMPATTO SULLA SALUTE GENERALE E SULL’USO DEI MEDICINALI” IN MEDICINA AMBIENTALE E DEL LAVORO (2004).

Questo studio è stato progettato per indagare i collegamenti tra farmaci per malattie cardiache, salute, farmaci per il sonno e esposizione all’inquinamento acustico degli aerei.

“EFFETTI DELL’ESPOSIZIONE AL RUMORE SUL LAVORO SULLE PROPRIETÀ VASCOLARI DEL PAZIENTE AMBULATORIO 24 ORE SUI LAVORATORI MASCHILI” NELLE PROSPETTIVE DELLA SALUTE AMBIENTALE (2007).

Questo studio ha mostrato come coloro che lavorano in condizioni molto rumorose sono spesso a maggior rischio di pressione sanguigna e successivamente problemi cardiaci.

“LA PERDITA DELL’UDITO E INCIDENTI DI DEMENTIA” NEGLI ARCHIVI DI NEUROLOGIA (2011).

Sebbene non fosse il suo obiettivo principale, lo studio ha esaminato come i problemi di salute cardiovascolare fossero associati al rumore, in particolare la perdita dell’udito indotta dal rumore.

“RUMORE E MALATTIE CARDIOVASCOLARI: UNA RASSEGNA DELLA LETTERATURA 2008-2011” IN NOISE & HEALTH (2012).

Questa ricerca ha cercato di trovare una risposta positiva e conclusiva come revisione di studi che hanno approfondito i collegamenti tra problemi cardiovascolari e inquinamento acustico. Quindi la relazione causale era abbastanza chiara.

“ASSOCIAZIONE TRA RUMORE DA TRASPORTO E PRESSIONE SANGUIGNA NEGLI ADULTI CHE ABITANO IN EDIFICI RESIDENZIALI DI PIÙ PAVIMENTI” IN AMBIENTE INTERNAZIONALE (2019).

Questa ricerca ha dimostrato che le aree residenziali vicino all’inquinamento acustico delle ferrovie potrebbero subire una pressione sanguigna più alta, una diminuzione del pensiero positivo e un aumento del rischio di problemi cardiovascolari.

“EFFETTI CARDIOVASCOLARI AVVERSI DEL RUMORE DEL TRAFFICO CON UN FOCUS SUL RUMORE NOTTURNO E LE NUOVE LINEE GUIDA SUL RUMORE DELL’OMS” NELLA RASSEGNA ANNUALE DELLA SALUTE PUBBLICA (2020).

Questo nuovo documento faceva riferimento alle attuali e nuove linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in materia di inquinamento acustico e ha scoperto che l’inquinamento acustico, soprattutto di notte, può contribuire al rischio di malattia arteriosa. Sorprendentemente, l’inquinamento acustico è anche collegato all’obesità, al diabete e al rischio di ictus.

PENSIERI FINALI SU ALCUNI MODI L’INQUINAMENTO RUMOROSO DANNEGGIA LA SALUTE

In breve, l’inquinamento acustico può essere impossibile da evitare completamente al giorno d’oggi. Quindi avere un’area tranquilla tutta per te, utilizzare prodotti per abbattere rumore e scegliere di lavorare, vivere o svolgere attività in aree meno rumorose può aiutare a ridurre i rischi che corri l’inquinamento acustico. Quindi parlane, se sei preoccupato per il possibile effetto dell’inquinamento acustico su te stesso. Fissa un appuntamento per visitare il tuo medico e discutere le tue opzioni e le tue paure.

Articolo in inglese


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.