Il dispositivo che controlla il consumo di acqua in tempo reale

Non tutti sono ormai a conoscenza delle problematiche ambientali, o meglio non gl’interessa l’informazione in merito..alcuni più consapevoli cercano di porvi rimedio, altri altamente se ne fregano macchiati da una forma di egoismo che in una comunità ha veramente poco senso.

Per chi è più consapevole e vuole essere attento al consumo delle risorse della Terra ecco che nasce MyWater, un dispositivo che segnala quanta acqua viene utilizzata in casa. L’obiettivo è cercare di ridurre i consumo, viste le sempre più scarse riserve idriche. Grazie proprio a questo dispositivo ci possiamo rendere conto effettivamente di quanto consumiamo per lavare i piatti, per la doccia, per il giardino, l’orto e di conseguenza ridimensionare i nostri consumi in modo più consapevole.

Monitorare in tempo reale l’utilizzo di acqua, grazie a MyWater che tramite un display ce lo indica in tempo reale.
L’invenzione è di James Dyson Award ed è stata sviluppato da Anthony Jakubiak, il quale recentemente si è laureato in Design Institute della Northwestern Segal.
È attualmente alla ricerca di partner per sostenerlo finanziariamente.

Quando ha cominciato a prendere in considerazione l’idea, il primo pensiero fu di creare un’ applicazione mobile. Ma poi ci ripensò, e ritenne più giusto posizionare il dispositivo nel luogo d’impiego, vale a dire, nel lavandino o in bagno. Per ricordare in quel momento alla persona, quanto consuma e creare un impatto più forte.
La scarsità di acqua è e sarà uno dei problemi più gravi che si presenterà nel prossimo futuro, ecco quindi che la sensibilizzazione è fondamentale.

Anthony Jakubiak, controllo consumo acqua, emergenza acqua, James Dyson Award, my water, MyWater, risorse idriche, scarsità di acqua, Water Footprint


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter