Home Alimentazione e Salute I migliori metodi di cottura per la prevenzione del cancro

I migliori metodi di cottura per la prevenzione del cancro

1174
2
CONDIVIDI

Lo sapevate che alcuni metodi di cottura possono prevenire il cancro ? Molti studi hanno dimostrato che la nostra alimentazione ha un’influenza determinante sulla nostra salute , compresa la riduzione del rischio di malattie gravi come il cancro . Probabilmente sapete che è meglio mangiare cereali integrali , e che si dovrebbe includere un sacco di verdure fresche nella vostra dieta . Ma lo sapevate che ciò che conta non è solo ciò che si mangia , ma anche come si cucina il cibo? Per esempio l’aglio tritato è meglio per la prevenzione del cancro di un intero spicchio, ed è meglio mettere in ammollo le patate in acqua prima di metterle nel forno.

Ecco alcuni suggerimento per i migliori metodi di cottura per la prevenzione del cancro :

Broccoli

I broccoli sono una grande fonte di sulforafano , un componente in cui studi di laboratorio hanno trovato che ha notevoli capacità anti -cancro . Il mirosinasi, un enzima che si trova nei broccoli  è essenziale per la formazione di sulforafano . Se distruggi questo enzima in cottura ecco che vengono meno molte proprietà. Una ricerca presentata nel novembre 2013 presso l’ American Institute for Cancer Research ( AICR ) ha effettuato un confronto e ha scoperto che la cottura a vapore di verdure per un massimo di cinque minuti è il modo migliore per preservare l’enzima mirosinasi. La cottura e il riscaldamento nel forno a microonde per un minuto o meno distrutto la maggior parte degli enzimi . Uno studio pubblicato due anni prima sulla rivista ” Nutrition and Cancer “, ha scoperto che mangiare germogli di broccoli che contengono grandi quantità di mirosinasi, aumenta la formazione di sulforafano .

Pomodori

I pomodori contengono un potente antiossidante chiamato licopene che è associato con la riduzione del rischio di vari tipi di cancro . Secondo l’ American Institute for Cancer Research, si consiglia di cucinare i pomodori per qualche minuto , in quanto tale cottura rilascia una forma di licopene che viene assorbito meglio rispetto al licopene trovato nei pomodori cotti per più tempo. L’aggiunta di un po ‘di olio d’oliva ai pomodori cotti aumenterà ulteriormente la quantità di licopene assorbito nel corpo.

Aglio

Se schiacciate o tritare l’aglio e poi attendere 10-15 minuti prima di esporlo al calore, si rende più disponibile un fitochimico chiamato allicina, che aiuta a combattere molte malattie . Quando la polpa dell’aglio viene tagliata o pressata, l’enzima alliinasi viene a contatto con l’alliina e la trasforma in allicina. Ecco perchè è importante aspettare una decina di minuti prima di cucinarlo. Durante la cottura, quest’ultima sostanza viene convertita in ajoen che, oltre a bloccare la contrazione della muscolatura liscia, contribuisce anche all’azione antitrombotica attribuita agli estratti d’aglio.

Patate

Le patate sono uno degli alimenti che creano una sostanza chimica chiamata acrilamide in alcuni metodi di cottura . Gli studi hanno trovato che alti livelli di acrilamide possono aumentare il rischio di cancro. In generale , le possibilità di formazione di acrilamide avvengono quando il cibo viene preparato ad alte temperature, come la frittura, la cottura alla griglia o al forno. Alcune raccomandazioni pubblicate dalla Food and Drug Administration ( FDA) nel novembre 2013, dicono che non è consigliabile conservare le patate in frigorifero , perché questo può aumentare la formazione di acrilamide durante la cottura o frittura . Si raccomanda di conservare le patate in un luogo fresco e buio come un armadio o dispensa . Inoltre , si raccomanda di immergere i pezzi di patate in acqua per 15-30 minuti prima della frittura o di qualsiasi cottura per ridurre la quantità di sostanze chimiche che si creano nel processo . In ogni caso la cottura migliore per le patate è la bollitura.

22668

Pane

Come per le patate il surriscaldamento forma acrilamide. Pertanto, la FDA raccomanda di preparare il pane e di cucinarlo mantenendo una cottura chiara e se ci sono parti più bruciate o scuro evitare di mangiarle.

Odori

Nuovi studi evidenziano come gli aromi naturali, come il rosmarino, svolgono un ruolo nella prevenzione del cancro . Ad esempio , gli esperti del American Institute for Cancer Research dicono che il rosmarino contiene una sostanza nota come carnosolo che possono inibire la crescita dei tumori cancerosi .

Frutta e verdura

Mangiare frutta e verdura con la buccia. Ad esempio , se si mangia una mela con la sua pelle , si riceve il 75 % in più di quercetina , che è un componente anti- cancro , in confronto ad una mela sbucciata. Ovviamente prodotti biologici.

La cottura delle verdure per molto tempo fa perdere le vitamine idrosolubili , come la vitamina C e acido folico e alcuni fitochimici . Per massimizzare il potenziale anti-cancro delle verdure , l’American Institute for Cancer Research consiglia la cottura a vapore.

Si raccomanda inoltre di aggiungere alle verdure dei grassi naturali come olio d’oliva , avocado , tahin e noci – perché il grasso aiuta ad assorbire le sostanze nutrienti come il beta- carotene e le vitamine come la vitamina A, E e K.

2 COMMENTI

  1. Non ho capito il frettoloso passaggio relativo alla cottura a microonde. Su quali studi poggia? “Molti studi” significa quali? La cottura a microonde mette in spin magnetico la molecola polare dell’acqua, quindi le cede energia, in modo similare (ma non identica nella fase iniziale, lo so, poi si uniforma subito) a come fa il calore, ed é di fatto comparabile con la cottura al vapore. I grassi e i nutrienti non-acqua non vengono interessati perché fuori frequenza di risonanza, forse questa cosa é positiva. Ho un vecchio libro di analisi nutrizionale prima e dopo i vari metodi di cottura, che presenta un paio di tabelle con risultati positivissimi su sali minerali e vitamine. Diminuisce peraltro il tempo di cottura e i recipienti utilizzabili sono salutari come il pyrex, io lo uso da 27 anni a colazione pranzo cena ed ho analisi del sangue buone, “toccando ferro” mi sento in salute. Il sapore di alcuni cibi cotti a microonde é eccellente, superiore. Le patate al vapore cotte a microonde (nel contenitore apposito) sono pronte in 10 minuti e sono ricche di sali non disciolti nell’acqua di cottura, altrettanto le verdure che rimangono più verdi, o più rosse, non é positivo questo? La lingua umana é dotata di sensori finissimi, i chimici di inizio secolo la usavano per le analisi, rileverebbe subito sapori di sostanze alterate. Ad esempio, l’acqua contenuta nelle bottiglie di plastica é notevolmente diversa da quella contenuta nelle bottiglie di vetro; io riconosco anche dal sapore se la cottura di es. una frittata é avvenuta nell’acciaio inossidabile o nel teflon. Ma non ho mai trovato nessuno studio serio sull’argomento, finora, anche se la cosa mi interessa molto, ma solo considerazioni poco serie e molti preconcetti e posizioni “per sentito dire”. Oppure ho trovato studi in cui si evidenzia che se il tempo di cottura é troppo basso, alcuni batteri es. nelle carni di maiale rimangono vivi, ma questo é ovvio, e cmq io sono vegetariano. Sul fumo di sigaretta o sulle onde elettromagnetiche dei cellulari, su teflon o su acciaio inossidabile in cucina, su acque potabili di rubinetto o su tante cose ci sono molte pubblicazioni e prove oramai conclamate, su questo no, é positivo? Mi aiutate?

  2. Molto interessante, Livio. Anch’io sono molto interessata all’argomento microonde, che attualmente uso. Sono dispostissima a rinunciarvi ma solo a fronte di studi seri e soprattutto abbastanza recenti. Mi aggrego a Livio nella richiesta di informazioni. Grazie a chi potrà risponderci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here