microbioma intestinale

Il glifosato altera il microbioma intestinale. Lo studio

Microbioma intestinale: la prevalenza dei disturbi digestivi è aumentata a livello globale, poiché i paesi hanno adottato un modello alimentare più “occidentalizzato”. Una dieta occidentale, caratterizzata da un alto contenuto di grassi e carboidrati raffinati, può anche essere definita un prodotto di maggiore tecnologia e industrializzazione. 

Gli agricoltori moderni si affidano ai prodotti agrochimici per soddisfare le esigenze di una popolazione in crescita e queste sostanze chimiche hanno modificato la composizione chimica della dieta occidentale. Mentre il numero di individui che scelgono di vivere uno stile di vita senza grano senza una diagnosi di celiachia è aumentato, studi clinici hanno dimostrato che il glutine di grano non è il responsabile di questi sintomi in individui che non presentando allergie significative, questo suggerisce che ci sia dell’altro che stimola questi sintomi.

L’erbicida, il glifosato, viene applicato alle colture di grano prima del raccolto per incoraggiare la maturazione con conseguente aumento dei residui di glifosato nei prodotti di grano commerciale.

Il meccanismo principale di come l’erbicida glifosato uccide le piante è l’inibizione di un enzima chiamato EPSPS, che fa parte di una via biochimica nota come via dello shikimate. La via shikimate è responsabile della sintesi di alcuni amminoacidi aromatici che sono vitali per la produzione di proteine, i mattoni della vita. Quando la sintesi degli amminoacidi aromatici viene bloccata, la pianta muore.

Il glifosato influisce sul microbioma intestinali che hanno la via dello shikimato?

È stato scoperto che gli squilibri nei batteri intestinali sono collegati a molte malattie, tra cui cancro, diabete di tipo 2, obesità e depressione, quindi questa domanda è pertinente e, se risulta essere positiva, il glifosato potrebbe alterare il microbioma intestinale e producono gli squilibri sopra indicati.

Lo studio pubblicato sul sito di peer review BioRxiv, condotto con i ratti da un team internazionale di scienziati con sede a Londra, Francia, Italia e Paesi Bassi, guidato dal dottor Michael Antoniou del King’s College di Londra, ha dimostrato che se ci sono impatti, al di là di ogni dubbio.

Le femmine di ratto (12 per gruppo) sono state alimentate con una dose giornaliera di glifosato o una formulazione Roundup approvata in Europa (denominata MON 52276), a cui è stato somministrato il glifosato e Roundup tramite acqua potabile.

I ratti avevano un’assunzione giornaliera di glifosato di: 0,5 mg, 50 mg e 175 mg / kg di peso corporeo al giorno (mg / kg pc / giorno), che rappresentano rispettivamente la dose giornaliera accettabile (DGA) dell’UE, il livello UE senza effetti avversi osservati (NOAEL) e il NOAEL statunitense.

Sebbene alcuni studi precedenti abbiano anche riportato cambiamenti nel microbioma intestinale di animali da laboratorio esposti a glifosato e / o Roundup, nessuno ha utilizzato tecniche di profiling molecolare più approfondite (multi-omiche) di quelle utilizzate in questo studio.

I ricercatori hanno scoperto che:

  • L’erbicida Roundup e il suo ingrediente attivo glifosato causano un drammatico aumento dei livelli di due sostanze nell’intestino: acido shikimico e acido 3-deidrosicochimico, che è un’indicazione diretta che l’enzima EPSPS della via dell’acido shikimico è stato gravemente inibito. Questo non è stato trovato nei ratti che servivano da controllo.
  • Sia Roundup che il glifosato hanno influenzato il microbioma a tutte le dosi testate, provocando cambiamenti nelle popolazioni batteriche.
  • Effetti avversi a tutte le dosi testate, smentendo le ipotesi dei regolatori secondo cui questi livelli di assunzione di glifosato non hanno effetti negativi

Scansione completa unica

L’aspetto unico del nuovo studio è che è stata condotta un’analisi più completa che mai per vedere se i cambiamenti nel microbioma intestinale potessero influire sulla salute dei ratti. I ricercatori hanno applicato due livelli di analisi per indagare sui cambiamenti:

1) un’analisi metagenomica, che ha analizzato tutto il DNA nell’intestino e quindi identificato tutti gli organismi presenti.
2) un’analisi metabolomica, che ha analizzato le alterazioni nella biochimica dell’ambiente del microbioma intestinale.
 
Il capo della ricerca Dr. Antoniou ha detto che questo effetto era stato precedentemente ipotizzato ma non dimostrato: “Il nostro studio fornisce la prima prova che il glifosato e Roundup a queste dosi regolatorie consentite e quindi presumibilmente sicure inibiscono la via dell’acido shikimico nei batteri intestinali ”.

Stress ossidativo

I ricercatori hanno anche esaminato altri cambiamenti nel metaboloma intestinale che sono indicativi di stress ossidativo, un tipo di squilibrio che può portare a mutazioni del DNA, danni alle cellule e ai tessuti e malattie come il cancro. I batteri intestinali rispondono allo stress ossidativo producendo alcune sostanze che lo combattono.

Biomarcatori dell’esposizione al glifosato

Il dottor Antoniou ha detto che lo studio ha aperto nuove strade identificando il primo biomarcatore di esposizione al glifosato, che potrebbe essere rilevante per l’uomo: “I nostri risultati suggeriscono che gli studi sulle popolazioni umane dovrebbero essere eseguiti con urgenza per mostrare se esiste una correlazione, tra i livelli di glifosato e shikimato. Se viene trovata una tale correlazione, i livelli di shikimato potrebbero essere utilizzati come indicatore degli effetti biologici dell’esposizione al glifosato”.

Ciò significa che è possibile vedere se una determinata malattia in una persona è associata all’esposizione al glifosato osservando il suo microbioma fecale, sebbene non sia stato possibile stabilire un nesso causale tra la malattia e il glifosato.

Inoltre, i risultati hanno mostrato diversi cambiamenti nel profilo delle popolazioni di batteri intestinali. Questi cambiamenti nelle specie batteriche, se confermati da ulteriori studi, potrebbero anche agire come ulteriori biomarcatori di esposizione al glifosato e Roundup.

Danni al fegato nei ratti nutriti con Roundup e glifosato

Lo studio ha anche rivelato che Roundup e, in misura minore, il glifosato, hanno danneggiato il fegato e i reni dei ratti, anche durante il periodo di studio relativamente breve di 90 giorni. L’esame istopatologico (microscopico) del fegato ha mostrato che le due dosi più elevate di Roundup hanno causato un aumento dose-dipendente e statisticamente significativo delle lesioni, cambiamenti nella malattia del fegato grasso e necrosi (morte dei tessuti).

Disfunzione renale

Ci sono stati chiari aumenti nella disfunzione renale (lesioni, mineralizzazione e necrosi) nei gruppi che hanno esaminato sia Roundup che glifosato, ma la maggior parte non era statisticamente significativa. Di nuovo, ciò potrebbe essere dovuto al fatto che c’erano troppo pochi animali o lo studio era troppo breve. Chiunque desideri replicare questi effetti in altri studi dovrebbe estendere la durata dello studio e utilizzare più animali per vedere se ci sono gravi danni a lungo termine ai reni.

Microbioma intestinale: biochimica del sangue

I ricercatori si aspettavano che i segni di danno alla funzionalità epatica e renale nei gruppi Roundup e, in misura minore, nei gruppi glifosato si sarebbero riflessi nella biochimica del sangue. Sorprendentemente, sono stati riscontrati pochi cambiamenti a questo livello. Il dottor Antoniou ha commentato: “Sebbene le misurazioni biochimiche del sangue siano utilizzate di routine per valutare la disfunzione epatica o renale negli esseri umani, sono metodi relativamente rozzi che potrebbero perdere gli effetti dei pesticidi. Ed è così che lo ha dimostrato il nostro studio.
“Ma effettuando centinaia di misurazioni, abbiamo visto la tossicità epatica causata dal glifosato e dal Roundup. Abbiamo visto tutti questi cambiamenti dopo soli 90 giorni di alimentazione, a livelli che secondo i regolatori non producono effetti negativi “.

Conclusioni sul microbioma intestinale

I ricercatori hanno concluso: “Sebbene siano necessari ulteriori studi per comprendere le implicazioni sulla salute dell’inibizione del glifosato della via dello shikimato nel microbioma intestinale, i nostri risultati possono essere utilizzati negli studi epidemiologici ambientali per capire se il glifosato può avere effetti biologici. nelle popolazioni umane ”.

glifosato, microbioma intestinale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Commento

  • Gli Studi scientifici hanno sempre di mostrato che le patologie che si manifestano durante il ciclo vitale dell’uomo sono determinate dall’assunzione di un certo tipo di cibo. In Sintesi NOI SIAMO COSA MANGIAMO. E’ necessario una corretta alimentazione naturale/biologica per avere una buona qualità di Vita.
    Complimenti al Dott. Gino FAVOLA per lo studio fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.