ftalati

Gli ftalati presenti nella plastica causano 100mila morti premature l’anno. Lo studio

Un nuovo studio mostra che le sostanze chimiche per esposizione quotidiana chiamate ftalati, utilizzate nella produzione di contenitori per alimenti in plastica e molti cosmetici, possono portare a circa 100.000 morti premature ogni anno tra gli americani più anziani. L’onere economico annuo che ne deriva è compreso tra 40 e 47 miliardi di dollari, un valore più che quadruplicato rispetto alle stime precedenti.

Leggi —–>Ftalati: perturbatori endocrini pericolosi per l’organismo, soprattutto nei bambini

Per decenni, è stato dimostrato che gli ftalati rappresentano un potenziale pericolo per la salute umana perché le sostanze chimiche possono interferire con la funzione degli ormoni, segnalando i composti prodotti nelle ghiandole che circolano per influenzare i processi in tutto il corpo, affermano gli esperti. Si ritiene che l’esposizione avvenga attraverso l’accumulo di queste tossine quando i prodotti di consumo si scompongono e vengono ingeriti, con esposizione legata a obesità, diabete e malattie cardiache.

Guidata dai ricercatori della NYU Grossman School of Medicine, la nuova indagine su oltre 5.000 adulti di età compresa tra 55 e 64 anni ha mostrato che quelli con le più alte concentrazioni di ftalati nelle urine avevano maggiori probabilità di morire di malattie cardiache rispetto a quelli con una minore esposizione .

Allo stesso modo, gli americani in questo gruppo ad alta esposizione avevano maggiori probabilità di morire per qualsiasi causa rispetto a quelli nei gruppi a bassa esposizione. Tuttavia, alti livelli di tossine non sembrano aumentare il rischio di morte per cancro.

“I nostri risultati rivelano che una maggiore esposizione agli ftalati è legata alla morte precoce, in particolare a causa di malattie cardiache”, afferma l’autore principale dello studio Leonardo Trasande, MD, MPP. “Fino ad ora, abbiamo capito che le sostanze chimiche si collegano alle malattie cardiache e le malattie cardiache a loro volta sono una delle principali cause di morte, ma non avevamo ancora collegato le sostanze chimiche stesse alla morte”.

Trasande avverte che il nuovo studio non stabilisce un’associazione diretta di causa ed effetto tra l’esposizione agli ftalati e le morti precoci, in parte perché il meccanismo biologico specifico che spiegherebbe la connessione rimane poco chiaro. I ricercatori dello studio affermano di voler studiare ulteriormente il ruolo che queste sostanze chimiche possono svolgere nella regolazione ormonale e nell’infiammazione nel corpo.

Leggi anche—>Ftalati in plastica e cosmetici possono causare aborti spontanei

Tuttavia, secondo Trasande, Jim G. Hendrick MD Professor presso la NYU Langone Health, i nuovi risultati si aggiungono alla crescente evidenza dei costi sociali legati alla continua esposizione pesante alle sostanze chimiche. Ad esempio, ricerche passate hanno collegato più di 10.000 decessi all’anno a livelli di testosterone abbassati negli uomini adulti attribuiti all’esposizione agli ftalati. Queste morti sono costate agli americani quasi 9 miliardi di dollari in perdita di produttività economica.

Per vedere se c’erano mortalità e costi economici simili da altri disturbi, il nuovo studio, pubblicato online il 12 ottobre sulla rivista Environmental Pollution , è stato progettato per esaminare ulteriormente i collegamenti tra l’esposizione agli ftalati e le morti per tutte le cause negli Stati Uniti e quantificare il risultante costi economici, secondo Trasande.

Leggi anche—>Trovati ftalati nei vini francesi destinati al mercato europeo

Per l’indagine, il team di ricerca ha analizzato i dati inclusi gli ftalati trovati in campioni di urina ottenuti da adulti che hanno partecipato al National Health and Nutrition Survey degli Stati Uniti dal 2001 al 2010. I ricercatori hanno limitato la loro analisi a coloro la cui causa di morte era stata rintracciata fino al 2015. Inoltre, si sono concentrati su un sottogruppo di americani tra i 55 ei 64 anni, poiché studi precedenti avevano basato le stime sulla morte causata dagli ftalati in questa popolazione. In questo modo, il team ha potuto confrontare accuratamente i risultati dello studio con le stime precedenti.

I ricercatori dello studio hanno anche utilizzato i dati del database Wonder dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, l’Ufficio censimento degli Stati Uniti e modelli di studi precedenti per stimare il costo economico della morte prematura per questo gruppo.

“La nostra ricerca suggerisce che il bilancio di questa sostanza chimica sulla società è molto maggiore di quanto pensassimo inizialmente”, afferma Trasande, che è anche direttore del Centro per l’indagine sui rischi ambientali della NYU Langone. “L’evidenza è innegabilmente chiara che limitare l’esposizione agli ftalati tossici può aiutare a salvaguardare il benessere fisico e finanziario degli americani”.

ftalati


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter