Esercizio fisico e corsa riducono il rischio cancro: la scoperta

Esercizio fisico e corsa riducono il rischio cancro

Fare esercizio fisico regolare e correre sono ancora più importanti. Riducono il rischio di contrarre il cancro e diminuiscono le masse tumorali.

Ecco un nuovo beneficio dell’esercizio fisico regolare: la riduzione del rischio di contrarre un tumore e addirittura il restringimento del tumore stesso. Il “segreto” starebbe tutto nell’adrenalina, l’ormone prodotto naturalmente dalle nostre ghiandole surrenali. Il rilascio della sostanza nel nostro organismo è stimolato dalle forti emozioni. La paura, per esempio, oppure le situazioni in cui è necessario fuggire o combattere. Ma l’adrenalina viene anche stimolata dall’intensa attività fisica.

Lo studio

Pernille Hojman e il suo team del Copenhagen University Hospital in Danimarca hanno realizzato uno studio per individuare la causa degli effetti benefici dell’esercizio fisico sulla riduzione e prevenzione del cancro. Ad alcuni topi sono state date delle ruote, su cui correre liberamente. Ad altri esemplari, invece, non è stata data una simile opportunità. L’unico sforzo fisico che potevano fare era muoversi all’interno delle gabbiette.

I topolini avevano tre forme di cancro: ai polmoni, alla pelle o al fegato.

I risultati sono stati sorprendenti. Dopo 6 settimane, i topolini che correvano sulla ruota avevano un tumore alla pelle più piccolo del 61% rispetto agli altri. Una riduzione simile si è verificata per il cancro ai polmoni (-58%). Per la neoplasia al fegato è stata registrata una riduzione di “solo” il 31% rispetto agli altri.




Grazie a ricerche successive, gli studiosi hanno capito quale elemento provocava la riduzione. Si tratta delle cosiddette cellule NK (Natural Killer). Questi linfociti appartengono al sistema immunitario e sono importanti nel riconoscere e distruggere le cellule tumorali e infette. I topolini che facevano esercizio fisico ne avevano fino a 5 volte di più nell’organismo.

L’adrenalina

Il collegamento è stato immediato. La dottoressa Hojman sapeva che l’adrenalina (o epinefrina) ha il potere di mobilitare le cellule NK. Allo stesso modo, sapeva che i livelli di questo ormone crescono nel flusso sanguigno, durante lo sforzo fisico. A questo fattore, va ad aggiungersi l’intervento dell’interleuchina 6, una proteina anch’essa coinvolta nella riduzione dei tumori. Anche questa molecola è attivata dall’esercizio fisico. Ed ecco perché nello studio è stata individuata una riduzione tumorale di ben il 74% in alcuni casi.

Pochi mesi fa, avevamo scoperto che l’esercizio fisico aiuta a ridurre il rischio di contrarre il cancro al colon retto del 40-50%. Il consiglio è di impegnarsi in corsa o attività fisica intensa per almeno 20 minuti, tre o più giorni alla settimana.

Foto: @ccfoodtravel on Flickr

attività fisica, cancro, Esercizio fisico


Agnese Tondelli

La mia passione è sempre stata l'arte di creare con poco, e di riutilizzare le risorse per formare oggetti di nuova utilità. Per questo troverete numerosi articoli che riguardano il riciclo creativo e piccoli tutorial su come svolgere piccoli e grandi lavori domestici. Sono anche una mamma premurosa e mi piace dare dei consigli per vivere questo aspetto della nostra vita nel modo più naturale e sicuro possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto