disturbi respiratori

Disturbi respiratori negli adulti: elevata assunzione di vitamina A, E e D li limita. Lo studio

Un’elevata assunzione di vitamina A, E e D può essere collegata a un minor numero di disturbi respiratori negli adulti, suggerisce un’analisi dei dati di un sondaggio a lungo termine rappresentativi a livello nazionale, pubblicati online sulla rivista BMJ Nutrition Prevention & Health .

I risultati giustificano ulteriori studi tra diversi gruppi etnici e aree geografiche in vista dell’attuale epidemia di coronavirus come suggeriscono i ricercatori.

La nutrizione ha un ruolo chiave nel ridurre il rischio di diverse infezioni, sebbene il modo esatto in cui aumenta l’immunità è complesso e non del tutto compreso. Le vitamine A, E, C e D sono già state ritenute utili per il normale funzionamento del sistema immunitario nell’Unione europea e l’American Nutrition Association suggerisce che queste vitamine possono anche aiutare a prevenire le infezioni respiratorie.

I ricercatori volevano esplorare se l’assunzione di queste vitamine sia dalla dieta che dagli integratori potesse essere collegata alla prevalenza di disturbi respiratori in un campione rappresentativo a livello nazionale di adulti del Regno Unito.

Hanno attinto alle informazioni fornite da 6115 partecipanti adulti al National Diet and Nutrition Survey Rolling Program (NDNS RP) 2008-2016 che avevano completato tre o più giorni di diari dietetici. L’NDNS RP è un sondaggio a rotazione che raccoglie ogni anno informazioni su tutti i cibi e le bevande consumati da circa 1000 persone selezionate a caso che vivono in famiglie private in tutto il Regno Unito.

I reclami respiratori sono stati segnalati dai partecipanti e non erano stati diagnosticati da un medico. Erano ampiamente definiti e includevano condizioni infettive e non infettive, come raffreddore, malattia polmonare ostruttiva cronica e asma.

I ricercatori hanno esaminato solo l’ assunzione alimentare (esposizione continua) e quella da dieta e integratori (esposizione binaria), tenendo conto di fattori potenzialmente influenti, come età, sesso, peso (BMI), fumo, reddito familiare e assunzione totale di energia.

In tutto, ci sono stati 33 casi di disturbi respiratori. Questi intervistati erano generalmente più anziani e meno propensi a dire che assumevano regolarmente integratori di vitamina A, E, C o D.

Non c’era un’evidente associazione tra BMI e assunzione di vitamine, o tra BMI e disturbi respiratori. E non è stato possibile determinare alcuna associazione con integratori di vitamina C poiché nessuno degli adulti con disturbi respiratori ha detto di averli presi.

Ma l’assunzione di vitamina A ed E sia dalla dieta che dagli integratori era associata a una minore prevalenza di disturbi respiratori negli adulti del Regno Unito. Le principali fonti alimentari di vitamina A includono fegato, latte intero e formaggio, così come carote, verdure a foglia verde scuro e frutta di colore arancione. Le principali fonti alimentari di vitamina E includono oli vegetali, noci e semi.

E l’assunzione di vitamina D dagli integratori, ma non dalla dieta, è stata associata a un minor numero di disturbi respiratori, spingendo i ricercatori a suggerire che i risultati si aggiungono all’attuale dibattito scientifico sul valore dell’integrazione di vitamina D.

“Si stima che circa un quinto della popolazione generale nel Regno Unito abbia un basso livello di vitamina D e oltre il 30% degli anziani di età pari o superiore a 65 anni non raggiunge l’assunzione di nutrienti raccomandata”, scrivono.

“I nostri risultati sono coerenti con l’ipotesi che l’integrazione sia fondamentale per garantire il mantenimento di un adeguato stato di vitamina D e potenzialmente indicano che l’assunzione di vitamina D dalla dieta da sola non può aiutare a mantenere un adeguato stato di vitamina D”.

Si tratta di uno studio osservazionale e, in quanto tale, non è possibile stabilire la causa, aggiunta alla quale il numero di disturbi respiratori era piccolo, il che significa che non si possono fare inferenze riguardo alla pandemia di coronavirus, avvertono i ricercatori.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare le implicazioni dell’attuale studio nel contesto dell’attuale pandemia di malattia da coronavirus del 2019 utilizzando i dati di coorti longitudinali”, suggeriscono.

“Il nostro studio evidenzia anche la necessità di un’ulteriore raccolta di dati sulla nutrizione e sui disturbi respiratori per coprire aree geografiche più ampie e gruppi ad alto rischio, compreso un focus su altre etnie”, aggiungono.

Shane McAuliffe, Science Communications Lead per la NNEdPro Nutrition & COVID-19 Taskforce, ha dichiarato: “Pur riconoscendo i limiti di questi dati, si aggiunge ulteriormente a un crescente corpo di interesse e di prove per il ruolo della vitamina D nella salute respiratoria.

“Data la nostra conoscenza dell’entità della carenza di vitamina D nella popolazione, bilanciata con il basso costo e il basso rischio di eventi avversi, sembra ragionevole fornire un’integrazione di questa vitamina chiave , in particolare a coloro che hanno maggiori probabilità di essere carenti”.

Il professor Sumantra Ray, direttore esecutivo del NNEdPro Global Center for Nutrition & Health di Cambridge e Visiting Professor of Public Health presso l’Imperial College di Londra, ha aggiunto: “ I dati rappresentativi a livello nazionale continuano a ricordarci che le carenze di micronutrienti sono lontane dall’essere una cosa del passato, anche nelle nazioni a reddito più alto come il Regno Unito, e questa tendenza è rispecchiata da fonti di dati globali comparabili da paesi con risorse inferiori a quelli con sistemi sanitari avanzati.

“Nonostante ciò, le carenze di micronutrienti sono spesso trascurate come un fattore chiave per il peso della malnutrizione e della cattiva salute, rappresentando un ulteriore livello di sfida durante la pandemia COVID-19”.

coronavirus, disturbi respiratori, vitamina a, vitamina C, vitamina d, vitamina E


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.