cuffie e auricolari

Cuffie e auricolari possono danneggiare lentamente l’udito nel tempo

Alzare il volume mentre ascolti musica o un podcast potrebbe essere un’azione che molti di noi fanno, tuttavia questo potrebbe a lungo termine causare problematiche.

  • Le cuffie e gli auricolari possono avere un impatto sulla perdita dell’udito nei bambini e nei giovani adulti con l’avanzare dell’età.
  • Bambini, adolescenti e giovani adulti ascoltano molte ore di musica al giorno a volumi che superano il limite di salute pubblica raccomandato a livello globale.
  • Esistono modi per impostare limiti di rumore salutari e proteggere l’udito.

Secondo recenti analisi , alti livelli di rumore possono influenzare la perdita dell’udito in futuro.

Bambini, adolescenti e giovani adulti possono essere particolarmente a rischio se ascoltano spesso molte ore di musica al giorno a volumi che superano il limite di salute pubblica di 70 decibel di esposizione media al rumore nel tempo libero al giorno, raccomandato dal National Institutes of Health (NIH ) .

Il Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che circa il 50% delle persone di età compresa tra 12 e 35 anni è a rischio di perdita dell’udito a causa di un’esposizione prolungata ed eccessiva a suoni forti, come la musica ascoltata attraverso dispositivi audio personali.

“Penso che a un livello più ampio, le comunità mediche e di audiologia, così come il pubblico in generale, non comprendano che una significativa perdita dell’udito non fa parte del normale invecchiamento sano, ma rappresenta in gran parte la perdita dell’udito indotta dal rumore”, ha dichiarato il dott. Daniel Fink , presidente del consiglio di amministrazione della Quiet Coalition.

Egli paragona questo malinteso all’idea sbagliata che le rughe profonde e la pigmentazione della pelle facciano parte del normale invecchiamento, mentre rappresentano in gran parte danni solari o UV.

“Allo stesso modo, senza l’esposizione a rumori forti, dovremmo essere in grado di ascoltare bene fino alla vecchiaia, qualcosa che generalmente non è vero nelle società industrializzate”, ha detto Fink.

Cuffie e auricolari: implicazioni sulla salute della perdita dell’udito

Fink e l’audiologo Jan Mayes hanno esaminato e integrato informazioni provenienti da più articoli in più discipline per trarre conclusioni sull’utilizzo del sistema audio personale.

Un aspetto fondamentale è che le persone che utilizzano sistemi audio personali (chiamati anche dispositivi di ascolto personale o lettori musicali) collegati a cuffie o auricolari, in modo che il contenuto possa essere ascoltato senza disturbare gli altri, danneggiano il loro udito.

“Soprattutto per i giovani… l’uso del sistema audio personale è la principale fonte di esposizione al rumore nel tempo libero”, ha affermato Fink. “[Quando] raggiungeranno la mezza età, probabilmente tra la prima e la metà dei 40 anni, avranno problemi di udito come lo sono i loro nonni ora tra i 70 e gli 80 anni.”

Oltre a perdere parte della capacità di comunicare, la perdita dell’udito è stata collegata al declino cognitivo.

Secondo a studio 2011 2011, rispetto alle persone senza perdita dell’udito, coloro che avevano la perdita dell’udito erano a rischio di sviluppare demenza nei seguenti modi:

  • le persone con ipoacusia lieve avevano quasi il doppio del rischio di sviluppare demenza
  • quelli con perdite moderate avevano tre volte il rischio
  • le persone con gravi perdite avevano cinque volte il rischio

Mary L. Carson , Au.D, audiologa clinica autorizzata, ha affermato che la ricerca mostra anche che le persone con perdita dell’udito non trattata, nel tempo, sono a maggior rischio di demenza.

Ha aggiunto che ci sono alcuni studi promettenti che mostrano che il trattamento della perdita dell’udito con apparecchi acustici riduce il rischio di declino cognitivo e demenza.

Iniziare ora a migliorare le abitudini per la salute dell’udito può essere un investimento nella tua salute a lungo termine, non solo prevenendo la perdita dell’udito, ma anche riducendo il rischio di declino cognitivo e demenza con l’avanzare dell’età”, ha affermato.

Come impostare limiti di rumore idonei

La perdita dell’udito dovuta all’esposizione al rumore può accumularsi dopo un’esposizione molto forte, o più spesso, lentamente nel tempo con cattive abitudini di salute dell’udito, ha affermato Carson.

“Viviamo in un mondo rumoroso e molte persone si espongono ripetutamente a livelli di rumore pericolosi che possono influire sulla loro salute a lungo termine… Nella mia pratica, abbiamo recentemente visto un giovane adulto con un timpano perforato mentre ascoltava musica con gli auricolari a volume troppo alto ,” lei disse.

Ecco alcuni modi per mantenere il tuo udito al sicuro:

Mantieni il suono a 70 dBA

Il NIH spiega che il suono viene misurato in unità chiamate decibel, affermando che “È improbabile che suoni pari o inferiori a 70 decibel ponderati A (dBA), anche dopo una lunga esposizione, causino la perdita dell’udito. Tuttavia, l’esposizione prolungata o ripetuta a suoni pari o superiori a 85 dBA può causare la perdita dell’udito”.

“Un ottimo indicatore approssimativo è che se una persona deve sforzarsi per parlare o per essere ascoltata dal rumore ambientale, questo è più di circa 75 decibel”, ha detto Fink.

Per i dispositivi, è difficile sapere quale sia l’uscita in decibel, quindi suggerisce di utilizzare il dispositivo con l’impostazione del 50 percento, oltre a ridurre il tempo di ascolto.

Carson sottolinea che esistono opzioni di sicurezza per l’uso degli auricolari, ma anche queste opzioni richiedono il monitoraggio dei genitori o dei consumatori.

Ad esempio, ha detto su iPhone, usa l’applicazione “Udito” nel Centro di controllo per controllare il livello audio delle cuffie.

“In questa app puoi vedere il tuo livello di ascolto medio e monitorare per assicurarti di rimanere al di sotto della media consigliata di 70 dBA”, ha affermato Carson.

Le cuffie per bambini con volume limitato sono un’altra opzione, anche se Carson ha affermato che in genere hanno limiti di volume fissati a circa 85 dBA e richiedono ancora il monitoraggio dei genitori del tempo di utilizzo e dell’impostazione del volume.

Fink ha concordato, osservando che le cuffie e auricolari per bambini che utilizzano il limite di volume di 85 dBA sono più sicure delle cuffie senza limite di volume, tuttavia, non sono sicure per l’udito.

“La perdita [dell’udito] è particolarmente dannosa per i bambini e gli adolescenti perché hanno bisogno di essere in grado di sentire per poter imparare, socializzare e la perdita dell’udito ha un impatto sullo sviluppo sociale, sul successo educativo e sui guadagni della vita”, ha affermato.

Usa un’app fonometro

Ce ne sono molti gratuiti o poco costosi app per fonometro, che aiutano a determinare quanto è rumoroso il tuo ambiente.

L’Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH) ne offre uno gratuito .

“Un’app per il fonometro per smartphone aiuterà a capire cosa è forte e cosa no”, ha affermato Fink.

Cuffie e auricolari: Indossare protezioni per l’udito

Esistono molti tipi di protezione dell’udito progettati per proteggerti dal rumore che ti circonda.

Ad esempio, Carson ha affermato che la protezione dell’udito filtrata dai musicisti può aiutare a mantenere la qualità della musica pur fornendo una protezione sicura.

“La protezione dell’udito è disponibile in molte forme: cuffie antirumore, tappi in schiuma, tappi riutilizzabili non personalizzati e protezioni per l’udito su misura. Parla con il tuo audioprotesista per ottenere aiuto per trovare la protezione migliore per l’uso previsto”, ha affermato.

Conoscere i segni premonitori della perdita dell’udito

I primi segni più comuni di perdita dell’udito includono difficoltà di udito in ambienti rumorosi e la sensazione di sentire le persone, ma non si riesce a capire cosa viene detto, ha spiegato Carson.

Leggi anche—–> Ipoacusia: i migliori metodi per risolvere il problema dei disturbi dell’udito

Ha detto che l’acufene, o un ronzio nelle orecchie, è spesso anche un segno precoce di danno al sistema uditivo e un segnale di avvertimento per la perdita dell’udito.

Fai controllare regolarmente il tuo udito

Se hai più di 50 anni o sei esposto al rumore a livelli non sicuri, Carson consiglia di farti controllare l’udito ogni anno.

“Se noti dei cambiamenti nell’udito o un ronzio nelle orecchie nuovo o in peggioramento, dovresti farti controllare immediatamente l’udito”, ha detto.

cuffie e auricolari, problemi udito


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto