bayer

Caso Bayer: maxi-risarcimento di 1,6 miliardi di dollari per spirale anti-concezionale Essure

L’azienda farmaceutica tedesca ha pagato 1,6 miliardi di dollari per chiudere le cause civili di migliaia di donne negli Usa. L’accordo legale copre il 90% del risarcimento di ben 39 mila vertenze di pazienti americane per gli effetti dannosi della spirale nel loro corpo.

Gli apparecchi risultati difettosi hanno provocato negli ultimi dieci anni oltre 82 mila morti e 3,7 milioni di feriti solo negli Stati Uniti.

Donne vittime di Essure: l’inchiesta

Lo scandalo Bayer è stato oggetto di un’inchiesta mondiale, i cui esponenti italiani sono l’Espresso e il comitato Icji. Lo scandalo riguarda la vendita di una spirale di nome Essure che fino a qualche anno fa veniva commercializzata anche in Italia.

Successivamente è stata ritirata dal mercato nel 2018-2019. Si tratta di “Due fili metallici, avvolti a spirale l’uno sull’altro, che dovrebbero favorire la chiusura, per cicatrizzazione, delle tube di Falloppio”.

Essure

Ma che invece provocavano, come dichiara la signora M.B. abitante nel trevigiano:

  • emicranie molto frequenti
  • aumento di peso
  • bacino sempre gonfio
  • continue bronchiti e infezioni
  • difese immunitarie basse
  • stanchezza cronica
  • depressione costante

Soprattutto per stanchezza cronica e depressione costante, la signora M.B. era sull’orlo di commettere il suo suicidio.

C’è di più: i micro-inserti Essure in poliestere, nichel-titanio, acciaio e lega per saldature si possono muovere, spostarsi qua e là in tutto il corpo causando indicibili sofferenze alle pazienti. Per fortuna adesso numerose campagne sono nate, anche in Italia, con lo slogan: Bayer non siamo cavie.

La Bayer dal canto suo, pur avendo pagato il maxi-risarcimento, non fa ammissione di colpa nè di cattiva condotta.

Leggi anche: Bayer: il colosso chimico-farmaceutico spicca il volo nella Borsa di Francoforte dopo un accordo verbale sul glifosato

La Bayer e il suo primato OGM

Basti pensare che in Italia il prodotto è stato ritirato per caso: in quanto non aveva più il marchio CE e quindi non poteva essere commercializzato in Europa. Bayer Italia si è limitata a dire che il prodotto era stato ritirato dal mercato perché non più di moda, ma che era comunque buono e funzionale.

In conclusione…

Un caso che non deve ripetersi: un’azienda farmaceutica non può arricchirsi sulla pelle delle donne. Molte di esse ce l’hanno fatta…ma non tutte.

Per aver utilizzato questo dispositivo sanitario adesso si ritrovano a fare i conti con le ferite fisiche e psicologiche che rimarranno a vita cicatrizzate nel proprio corpo.

fonte

Bayer, maxi-risarcimento, scandalo farmaceutico


valentina paolillo

Laureata in Scienze Biologiche, mi sono sempre interessata ai perché del mondo biologico. Nei miei articoli tratto soprattutto i cambiamenti climatici, ma non dimentico animali e fiori che sono la mia passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.