Home Nuove Scoperte Attenzione alcune parte di frutta e verdure sono velenose!!

Attenzione alcune parte di frutta e verdure sono velenose!!

3124
2
CONDIVIDI

Optiamo per uno stile di vita ecologico, che ci permetta di proteggere l’ambiente, combattere nel nostro piccolo il riscaldamento globale e climatico e adottare uno stile di vita che ci permetta di essere in buona salute. Vogliamo essere la goccia che riempie il vaso, cerchiamo di essere un esempio, di essere in prima linea, nel nostro cambiamento. Un’alimentazione responsabile che sia attenta alla nostra salute e all’impatto ambientale è un ottimo inizio. Ci sono alcuni alimenti di uso comune che contengono delle sostanze tossiche per il nostro organismo. Alcune sono veramente banali che mai avremo pensato. Lo sapevate per esempio che le foglie di pomodoro possono essere velenose come i semi della mela?

Vediamo insieme quali sono e perchè.

Fagioli: non vanno mangiati crudi perchè contengono la tossina fitoemoagglutinina (PHA) in quantità sufficiente a causare sintomi acuti, anche se ingerita in piccole dosi. Bisogna lasciarli in ammollo per un paio d’ore e bollirli almeno 10 minuti prima di mangiarli. I sintomi principali di avvelenamento fitoemoagglutinina sono nausea, vomito e diarrea. L’esordio è da 1 a 3 ore dopo il consumo di fagioli preparati in modo improprio, e sintomi di solito si risolvono entro poche ore.Il consumo di anche solo quattro o cinque fagioli crudi può essere sufficiente per scatenare i sintomi. Fitoemoagglutinina può essere disattivato con la cottura dei fagioli a 100 ° C (212 ° F) per dieci minuti. Tuttavia, per i fagioli secchi Stati Uniti Food and Drug Administration (FDA) raccomanda anche un ammollo iniziale di almeno 5 ore in acqua, l’acqua di ammollo deve essere eliminata.I dieci minuti a 100 ° C (212 ° F) è richiesto per degradare la tossina, ed è molto più breve rispetto alle ore necessario per cuocere completamente i fagioli stessi.

Pomodori: Nel 1800 si pensava che il pomodoro intero fosse velenoso. Ora è oramai noto che solo le foglie sono da evitare: contengono una sostanza chimica chiamata “glycoalkaloid” che causa estremo nervosismo e dolori di stomaco.  Le foglie di pomodoro e steli contengono atropina e altri alcaloidi tropano che sono tossici se ingeriti, causando disturbi digestivi e di eccitazione nervosa. Le foglie, steli e i pomodori acerbi della pianta del pomodoro contengono anche piccole quantità di alcaloide velenoso chiamato tomatina , anche se i livelli sono generalmente troppo piccole per essere pericolosi. Anche per gli animali possono essere altamente tossici quindi devono evitare di mangiare parti della pianta.

Mele e ciliegie: I semi di questi frutti sono altamente velenosi. Foglie e semi contengono glucosidi cianogeni altamente tossici per il nostro organismo.

Pisello indiano: Questo legume viene coltivato in Asia e in Africa orientale. I semi contengono quantità variabili di β-N-ossalile-L-α, β-diamminopropionico acido o ODAP, uno neurotossico amminoacido . Se consumato per un lungo periodo può causare paralisi. E’ un seme altamente proteico usato nelle carestie ma ne va moderato con parsimonia il consumo, cosa che purtroppo non succede.

Pesche: Ci sono circa 88 milligrammi di cianuro nei semi che rimangono all’interno del guscio. Se capita di ingoiare pezzi del guscio duro non ci sono problemi perchè è la parte che protegge dai semi.

Noce moscata: Questa spezia contiene miristicina, un naturale insetticida e acaricida con possibili neurotossici effetti sul neuroblastoma cellule. In dosi elevate causa allucinazioni, nausea, vomito, distorsioni visive.

Rabarbaro: I piccioli sono commestibili, ma le foglie contengono notevoli quantità di acido ossalico , che è un nefrotossica e corrosivo acido che è presente in molte piante. I sintomi di avvelenamento includono disturbi renali, convulsioni e coma.

2 COMMENTI

  1. Buonasera, mi capita soltanto ora di leggere alcuni articoli sui semi della mela. qualcosa non mi è chiaro. In un articolo di “cibo crudo” viene chiaramente spiegato quanto facciano bene i semi di mela ( per la famosa vitamica B17), mentre in questo articolo leggo quanto invece siano pericolosi i suddetti semi. Scusate potreste darmi qualche chiarimento, considerando per esempio che mia madre mangia semi di mela da 75 anni?

    • Hai fatto una bella domanda? Aggiungo anche i noccioli di albicocca che sono altamente anti canro e vengono venduti a sacchetti. Certo la quantità assunta è importante (non più di 4-6 al giorno) anche se so di chi ne assume 10-12 al giorno da quasi un lustro (a scopo preventivo. Per quanto concerne lo scopo terapeutico le cose sono molto diverse e ancor più delicate).
      Per quanto riguarda i bambini possono essere molto ma molto pericolosi e letali, ma un adulto dovrebbe assumerne 30 noccioli alla volta (parlo dell’albicocca) che potrebbe sprigionarne in elevata quantità (potrebbe sprigionarne, NON contiene direttamente cianuro) che uccide le cellule cancerose senza intaccare le sane in quanto non contenenti il glicoside killer in grandi quantità. Il caso è molto complesso e va approfondito parecchio prima di assumjere questi tipi di semi. Poi chiunque può procedere come crede. Certo che per Big Pharma sarebbe una gran bella perdita di qualche CENTINAI di miliardi di dollari nel Mondo. ù
      Fatto sta che ha sollevato casi giudiziari e proibizioni all’importazione da parte della FDA (addirittura) dal Messico negli USA. Oggi, tuttavia, l’importazione è ammessa in 25 Stati dell’Unione, in quanto la proibizione era stata dichiarata illegale.
      E’ tutto alquanto controverso, anche se mi rendo conto che il post sa un po’ di “allineato”.
      (vedi Sportello dei Diritti, che sa più di “obbiettivo”)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here