15enne inventa le scarpe che ricaricano i dispositivi mobili

Esistono diversi progetti che consentono la creazione di energia pulita, sfruttando il movimento. Pensiamo ad esempio all’ultima invenzione di cui abbiamo parlato, we-bike, la bici con cui è possibile ricaricare il proprio smartphone o pc, comodamente seduti a un tavolino e pedalando.

E se vi dicessimo che un giorno potremmo ricaricare il nostro telefono o il nostro lettore mp3 direttamente camminando?

Angelo Casimino, un ragazzino filippino di soli 15 anni, ha inventato delle speciali suole che generano energia elettrica esclusivamente attraverso il movimento dei piedi.

Il progetto, che Casimiro ha condiviso sulla piattaforma instructables.com, è stato presentato dal ragazzo come biglietto d’ingresso al Google Science Fair 2014, la competizione scientifica e tecnologica a livello internazionale, per persone di età compresa tra i 13 e i 18 anni.

Il concetto portante di questa invenzione è quello di utilizzare la piezoelettricità per generare energia camminando. La piezoelettricità è la carica elettrica che si accumula in particolari materiali solidi, come i cristalli o alcune ceramiche, in risposta allo stress meccanico applicato.

Una coppia di generatori piezoelettrici, infatti è disposta all’interno della soletta, sulla parte del tallone. Dalla loro compressione, a seguito dei movimenti effettuati durante una camminata, viene generata l’elettricità necessaria per ricaricare i dispositivi mobili che portiamo con noi.

L’idea di trasformare il movimento umano in energia elettrica non è nuova, ma il progetto messo a punto da Casimiro sembra essere più pratico. Già altri utenti avevano inventato scarpe simili, utilizzando però delle dinamo meccaniche al posto di elementi piezoelettrici. Lo svantaggio delle  dinamo, afferma Casimiro è il peso degli elementi e la scomodità d’uso, anche se in fin dei conti producono una maggiore quantità di energia.

L’utilità del progetto è quella di fornire alimentazione per i dispositivi personali, soprattutto se si vive in aree remote dove l’elettricità non è disponibile, o se si è lontani da casa, magari durante un’escursione. Il sistema può ricaricare torce elettriche, telefoni, radio e qualsiasi altro dispositivo USB.

Casimiro ha illustrato il procedimento passo per passo, fornendo delle istruzioni dettagliate pubblicate online .

I risultati attuali, a detta del ragazzo, avrebbero mostrato che il prodotto riesce a caricare le batterie al litio, anche se, ovviamente, rimangono ampi margini di miglioramento.

Sulla base dei test effettuati, il generatore disposto nelle solette delle scarpe ha dimostrato di avere la potenzialità sufficiente per alimentare dispositivi a bassa energia e trasmettitori TTL Bluetooth.

Per quanto possa sembrare strano questo progetto, ricaricare un telefono con le proprie scarpe potrebbe essere fattibile. Secondo Casimiro, un giorno aziende produttrici di scarpe sportive potrebbero usare questi chip generatori di corrente.

(Foto: instructables.com)

dispositivi mobili, energia in movimento, energia pulita, energia rinnovabile, google fair 2014, piezoelettrico, trasduttore piezoelettrico


Agnese Tondelli

La mia passione è sempre stata l'arte di creare con poco, e di riutilizzare le risorse per formare oggetti di nuova utilità. Per questo troverete numerosi articoli che riguardano il riciclo creativo e piccoli tutorial su come svolgere piccoli e grandi lavori domestici. Sono anche una mamma premurosa e mi piace dare dei consigli per vivere questo aspetto della nostra vita nel modo più naturale e sicuro possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter